Tonsillite

La tonsillite è un processo infiammatorio che si verifica nell'area delle tonsille ed è caratterizzato dalla durata del proprio decorso..

La tonsillite, i cui sintomi sono anche definiti come il nome più comune della "tonsillite" della malattia, consiste in cambiamenti patologici nell'orofaringe, simili tra loro, ma diversi nelle caratteristiche della propria eziologia e decorso.

Esistono molte varietà di tonsillite che differiscono per natura, posizione e grado di danno. In generale, il trattamento ha successo e richiede da sette giorni a due settimane. Se non si avvia la terapia in modo tempestivo, saranno possibili complicazioni..

A cosa servono le tonsille??

Se siamo nati con una serie di tonsille, che fa parte dell'anello linfofaringeo, allora aveva un senso, giusto? Le tonsille fanno normalmente parte del sistema immunitario e linfatico. Se il primo è in grado di combattere le infezioni, il secondo funge da "fogna", cioè rimuove le tossine e altre sostanze pericolose dal corpo.

Inoltre, nella linfa, il sangue viene pulito e filtrato da microbi, virus e prodotti di scarto e le tonsille, a loro volta, proteggono il corpo dalla penetrazione di batteri, virus e funghi estranei dall'aria e dal cibo inalati. Se l'infezione entra nel corpo, le tonsille "lo segnalano" ad altri organi del sistema linfatico e immunitario.

Nel caso di processi infiammatori spesso ricorrenti, le tonsille cessano di adempiere alle loro funzioni e l'infezione penetrata provoca cambiamenti infiammatori. In primo luogo, si verifica un processo acuto, come un mal di gola virale o purulento, e senza cure adeguate e un trattamento tempestivo - tonsillite cronica.

Cos'è?

Questa è un'infiammazione di una o più tonsille (spesso palatine). Le tonsille sono gli organi immunitari linfatici che proteggono il tratto respiratorio da virus e batteri. Ma le tonsille stesse possono essere infettate, causando dolore e altri sintomi..

Abbastanza interessante è la forma del decorso della tonsillite, che è acuta o cronica:

  • La forma acuta può derivare da esacerbazione di tonsillite cronica a causa di superlavoro, ipotermia o ridotta immunità.
  • La tonsillite cronica è una conseguenza di una forma acuta che è scarsamente o per nulla trattata.
  • Infettivo: batterico, virale, fungino.
  • Semplice: sintomi locali.
  • Tossico-allergico - cambiamenti nel lavoro del cuore, linfoadenite e altre complicazioni.
  • Compensato: è presente un'infezione, ma la malattia non si sviluppa.
  • Scompensato: manifestazione di tutti i sintomi dell'angina e di altri sistemi.

Secondo il meccanismo di sviluppo, ci sono:

  • Angina primaria - lo sviluppo di una malattia indipendente;
  • Angina secondaria - sviluppo a seguito di un'altra malattia.

Altri tipi di tonsillite:

  • Angranulocytic;
  • monocitica;
  • Follicolare;
  • cassettone
  • fibrinoso;
  • erpetica;
  • Ulcera necrotica.
  • Misto.

Le cause

Abbiamo esaminato la tonsillite, cos'è, e ora dovremmo notare separatamente le ragioni del suo aspetto.

Naturalmente, la malattia provoca agenti patogeni. Nella maggior parte dei casi sono clamidia, candida, stafilococco, streptococco, pneumococco. Inoltre, la malattia può essere di origine virale e, in questo caso, la tonsillite è molto simile nel suo corso all'influenza. Se la malattia è comparsa a causa di rinovirus e adenovirus, può essere accompagnata da naso che cola, febbre e starnuti..

Si noti che ci sono altri fattori che portano alla comparsa di tonsillite:

  1. Ipotermia. Alcune persone hanno solo bisogno di bagnarsi i piedi per il mal di gola..
  2. Malattie virali trasferite di recente. Se una persona ha avuto ARVI o influenza, la sua immunità è indebolita e c'è una maggiore possibilità di contrarre la tonsillite.
  3. Effetti allergici: polvere e fumo.
  4. Bassa immunità e carenza vitaminica.
  5. Improvvisi cambiamenti di temperatura e umidità.

Quando il processo inizia ad acquisire una forma cronica nelle tonsille, il tessuto linfoide dal tenero diventa gradualmente più denso, essendo sostituito da un tessuto connettivo, appaiono cicatrici che coprono gli spazi. Ciò porta alla comparsa di tappi lacunari - focolai purulenti chiusi in cui si accumulano particelle di cibo, catrame di tabacco, pus, microbi, sia vivi che morti, cellule morte dell'epitelio delle mucose.

Negli spazi chiusi, in senso figurato, nelle tasche in cui si accumula il pus, si creano condizioni molto favorevoli per la conservazione e la riproduzione di microrganismi patogeni, i cui prodotti tossici vengono trasportati con il flusso sanguigno attraverso il corpo, colpendo quasi tutti gli organi interni, portando a intossicazione cronica del corpo. Tale processo si svolge lentamente, il lavoro complessivo dei meccanismi immunitari va fuori strada e il corpo può iniziare a rispondere in modo inappropriato a un'infezione costante, causando un'allergia. E i batteri stessi (streptococco) causano gravi complicazioni.

Sintomi comuni

I sintomi comuni di tonsillite negli adulti (vedi foto) sono:

  • segni di intossicazione: dolore ai muscoli, alle articolazioni, alla testa;
  • malessere;
  • dolore durante la deglutizione;
  • gonfiore delle tonsille, palato molle, lingua;
  • la presenza di placca, a volte ci sono ulcere.

A volte i sintomi della tonsillite possono anche essere dolore all'addome e alle orecchie, nonché la comparsa di un'eruzione cutanea sul corpo. Ma molto spesso la malattia inizia con la gola. Inoltre, il dolore con tonsillite differisce da un sintomo simile che si verifica con infezioni virali respiratorie acute o persino influenza. L'infiammazione delle tonsille si fa sentire molto chiaramente: la gola fa così male che è difficile per il paziente comunicare, per non parlare del mangiare e della deglutizione.

Sintomi di tonsillite acuta

La tonsillite acuta si manifesta a seconda della forma in cui si verifica la malattia.

La forma catarrale si manifesta con i seguenti sintomi:

  • Emicrania;
  • Dolore durante la deglutizione;
  • Linfonodi ingrossati nel collo;
  • Debolezza generale;
  • Aumento della temperatura a 38 gradi (e oltre);
  • Gola secca e irritata.

La forma follicolare è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • Brividi;
  • Perdita di appetito;
  • L'aspetto sulle tonsille della suppurazione;
  • Forte mal di testa;
  • Gonfiore delle tonsille e dei tessuti circostanti;
  • Perdita di appetito;
  • Aumento della sudorazione;
  • Sensazione di dolori e debolezza generale.

La forma flemmona si manifesta come segue:

  • Forte mal di testa;
  • Linfonodi ingrossati nel collo;
  • Mal di gola acuto;
  • Alitosi;
  • Debolezza generale e perdita di appetito;
  • L'aspetto nasale;
  • Insorgenza di brividi;
  • Aumento della salivazione;
  • Alta temperatura (oltre 39 gradi).

La tonsillite causata da virus dell'herpes è accompagnata dalla comparsa di vescicole erpetiche sulle tonsille palatine.

Sintomi di tonsillite cronica

Le manifestazioni della malattia in forma cronica sono simili nei sintomi ad altre malattie e pertanto non vengono sempre prestate attenzione. I primi sintomi allarmanti che indicano il verificarsi di tonsillite possono essere la comparsa di frequenti mal di testa, riduzione delle prestazioni, debolezza e malessere generale. Tale sintomatologia è associata all'intossicazione del corpo con i prodotti vitali dei batteri che sono caduti sulle tonsille..

Un altro sintomo più pronunciato è la comparsa di una sensazione di un oggetto estraneo nella gola. Questo fenomeno è dovuto al blocco delle tonsille palatine con tappi di grandi dimensioni, che di solito è accompagnato dal verificarsi di alitosi.

La tonsillite si manifesta più spesso con i seguenti sintomi:

  • Gola infiammata;
  • Linfonodi ingrossati e doloranti;
  • Dolore durante la deglutizione "
  • Febbre;
  • Tosse con pus.

Sintomi spiacevoli possono apparire da quasi tutti gli organi e i sistemi di una persona, perché i batteri patogeni possono entrare dalle tonsille in qualsiasi parte del corpo.

  • Dolori articolari;
  • Eruzioni cutanee di natura allergica sulla pelle che non sono curabili;
  • "Lomota" nelle ossa "
  • Debole colica cardiaca, malfunzionamento del sistema cardiovascolare;
  • Dolore ai reni, disturbi del sistema genito-urinario.

Tonsillite: foto

Diagnostica

I principali metodi di esame per l'angina:

  • faringoscopia (vengono rilevati iperemia, gonfiore e ingrossamento delle tonsille, film purulenti, follicoli in decomposizione);
  • diagnosi di laboratorio del sangue (marcato aumento della VES, leucocitosi con spostamento a sinistra);
  • Studio PCR (il metodo consente di determinare con precisione la varietà di microrganismi patogeni che hanno causato lo sviluppo di infezione e infiammazione nell'orofaringe);
  • semina frammenti di muco e placca su mezzi nutritivi, il che consente di determinare il tipo di microrganismi e stabilire il grado di sensibilità a specifici antibiotici.

I cambiamenti negli esami del sangue per l'angina non confermano la diagnosi. Lo studio principale per la tonsillite è la faringoscopia. La tonsillite catarrale è determinata dall'iperemia e dal gonfiore delle tonsille. Sulla faringoscopia con tonsillite follicolare, si nota un processo infiammatorio diffuso, ci sono segni di infiltrazione, gonfiore, suppurazione dei follicoli delle tonsille o erosioni già aperte.

Con l'angina lacunare, l'esame faringoscopico mostra aree con un rivestimento bianco-giallo, che si fondono in pellicole che coprono tutte le tonsille. Durante la diagnosi di tonsillite di Simanovsky-Plaut-Vincent, il medico trova una placca grigio-bianca sulle tonsille, sotto la quale c'è un'ulcerazione che ricorda un cratere in forma. La tonsillite virale durante la faringoscopia viene diagnosticata da caratteristiche vescicole iperemiche sulle tonsille, sulla parete posteriore della faringe, sugli archi e sulla lingua, che scoppiano dopo 2-3 giorni dall'esordio della malattia e guariscono rapidamente senza cicatrici.

Trattamento della tonsillite acuta

Nella tonsillite acuta, il paziente deve essere ricoverato in ospedale nel reparto infettivo in un rigoroso riposo a letto. Ai pazienti viene mostrata una dieta parsimoniosa e molta bevanda calda. La malattia viene trattata in modo conservativo con farmaci e fisioterapia..

Il trattamento etiotropico è la terapia antibiotica. La scelta del farmaco è determinata dal risultato di uno studio microbiologico della faringe.

Ai pazienti vengono prescritti antibiotici ad ampio spettro:

  • cefalosporine - “Cefaclor”, “Cefixime”,
  • penicilline protette dagli inibitori - "Augmentin", "Panklav",
  • macrolidi - Claritromicina, Sumamox.

Le forme semplici di tonsillite possono essere trattate con antimicrobici topici. "Bioparox" - un farmaco che ha un effetto antimicrobico e antinfiammatorio locale. Questo farmaco aiuterà a sbarazzarsi della tonsillite non streptococcica. Dosaggio: 4 iniezioni ogni 4 ore e 10 giorni.

La terapia sintomatica ha lo scopo di ridurre i sintomi della malattia e alleviare le condizioni del paziente. Per questo, ai pazienti vengono prescritti:

  1. Antistaminici - "Loratadin", "Cetrin".
  2. Farmaci antipiretici - "Ibufen", "Nurofen".
  3. Spruzzi e caramelle - Septolete, Strepsils, Kameton, Stopangin, Hexoral.
  4. Gargarismi con soluzioni antisettiche - "Chlorophyllipt", "Chlorhexidine".
  5. Trattamento tonsillare con agenti antisettici: soluzione di Lugol o clorofillio.
  6. Farmaci immunostimolanti - Ismigen, Immunorix, Polyoxidonium.
  7. Complessi minerali e vitaminici - Vitrum, Centrum.
  8. Bonifica delle tonsille lavando gli spazi vuoti e aspirando il contenuto con l'apparato tonsillare.

Il trattamento fisioterapico della tonsillite viene effettuato solo dopo aver ridotto i sintomi dell'infiammazione acuta. Le tonsille sono influenzate da un laser, luce ultravioletta, dispositivo vibroacustico Vitafon e un campo elettromagnetico ad alta frequenza. Le applicazioni di fango e ozokerite sono posizionate nell'area dei linfonodi ingrossati..

Aromaterapia - inalazione e risciacquo di oli essenziali di lavanda, abete, eucalipto, timo, mandarino, sandalo.

Se dopo tre cicli di trattamento conservativo non si verifica l'effetto atteso, le tonsille vengono rimosse.

Il trattamento dell'esacerbazione della tonsillite cronica viene effettuato in modo simile alla terapia per la forma acuta della malattia. La tonsillite cronica scompensata non è suscettibile di terapia conservativa. In questo caso, il trattamento chirurgico viene immediatamente eseguito..

Trattamento della tonsillite cronica

Il trattamento per la tonsillite cronica può essere chirurgico e conservativo. Naturalmente, l'intervento chirurgico è una misura estrema che può causare danni irreparabili al sistema immunitario e alle funzioni protettive del corpo. La rimozione chirurgica delle tonsille è possibile nel caso in cui, con un'infiammazione prolungata, il tessuto linfoide venga sostituito dal tessuto connettivo. E nei casi in cui si verifica un ascesso paratonsillare con una forma tossico-allergica 2, viene mostrata la sua apertura.

Solo dopo aver impostato una diagnosi accurata, un quadro clinico, un grado e una forma di tonsillite cronica, il medico determina le tattiche di gestione del paziente, gli prescrive un corso di terapia farmacologica e procedure locali.

La terapia farmacologica consiste nell'uso dei seguenti tipi di farmaci:

  1. Antibiotici. Il medico prescrive questo gruppo di farmaci solo con esacerbazione della tonsillite cronica, è desiderabile effettuare un trattamento antibiotico sulla base dei dati di coltura batterica. L'assegnazione di farmaci alla cieca non può comportare l'effetto desiderato, la perdita di tempo e il peggioramento delle condizioni. A seconda della gravità del processo infiammatorio, un medico può prescrivere antibiotici per l'angina come un breve corso dei mezzi più semplici e sicuri, nonché un ciclo più lungo di farmaci più forti che richiedono probiotici (vedere anche Sumamed for angina). Nel corso latente della tonsillite, il trattamento antimicrobico non è indicato, poiché ciò viola ulteriormente la microflora, il tratto gastrointestinale e la cavità orale e sopprime anche l'immunità.
  2. Probiotici Quando si prescrivono antibiotici aggressivi ad ampio spettro, nonché concomitanti malattie gastrointestinali (gastrite, colite, reflusso, ecc.), È necessario assumere farmaci probiotici resistenti agli antibiotici contemporaneamente all'inizio della terapia: Acipol, Rela Life, Narine, Primadofilus, Gastrofarm, Normoflorin.
  3. Antistaminici. Per ridurre il gonfiore della mucosa, sono necessari gonfiore delle tonsille, parete faringea posteriore, farmaci desensibilizzanti e assorbimento più efficace di altri farmaci. In questo gruppo, è meglio usare farmaci di ultima generazione, hanno un effetto più lungo e prolungato, non hanno un effetto sedativo, sono più forti e più sicuri. Tra gli antistaminici si possono distinguere i migliori: Cetrin, Parlazin, Zirtek, Lethizen, Zodak, nonché Telfast, Fexadin, Fexofast. Nel caso in cui uno di questi farmaci aiuti il ​​paziente con un uso prolungato, non cambiarlo in un altro.
  4. Antidolorifici. Con dolore acuto, il più ottimale è Ibuprofene o Nurofen, sono usati come terapia sintomatica e con dolore minore il loro uso non è consigliabile (vedere l'elenco completo e i prezzi dei farmaci antinfiammatori non steroidei nell'articolo Iniezioni di mal di schiena).
  5. Immunostimolante. Tra i farmaci che possono essere utilizzati per stimolare l'immunità locale nella cavità orale, forse è indicato solo l'uso di Imudon, il cui ciclo di terapia è di 10 giorni (tabella assorbibile. 4 r / giorno). Tra i mezzi di origine naturale per aumentare l'immunità, puoi usare Propoli, Pantocrina, Ginseng, Camomilla.
  6. Antisettico. Una condizione importante per un trattamento efficace è gargarismi, per questo puoi usare varie soluzioni come spray già pronti e diluire tu stesso soluzioni speciali. Il più conveniente è Miramistin (250 rubli), che viene venduto con uno spray di soluzione allo 0,01%, Octenisept (230-370 rubli), che viene diluito con acqua 1/5 e Dioxidina (soluzione all'1% 200 rubli 10 fiale), 1 amp. diluito in 100 ml di acqua calda (consultare l'elenco di tutti gli spray per la gola). L'aromaterapia può anche avere un effetto positivo se si risciacqua la gola o l'inalazione con oli essenziali - lavanda, tea tree, eucalipto, cedro.
  7. Emollienti. Dal processo infiammatorio e dall'uso di determinati farmaci, appaiono secchezza delle fauci, mal di gola e mal di gola, nel qual caso è molto efficace e sicuro usare oli di albicocca, pesca, olivello spinoso, tenendo conto della tolleranza individuale di questi farmaci (mancanza di reazioni allergiche). Per ammorbidire correttamente il rinofaringe, uno di questi oli dovrebbe essere instillato nel naso alcune gocce al mattino e alla sera; durante l'instillazione, la testa deve essere rigettata. Un altro modo per ammorbidire la gola è il perossido di idrogeno al 3%, cioè la soluzione al 9% e al 6% dovrebbe essere diluita e gargarismi con la gola il più a lungo possibile, quindi risciacquare la gola con acqua calda.
  8. Nutrizione e dieta. La terapia dietetica è parte integrante del trattamento di successo, qualsiasi cibo duro, duro, speziato, fritto, acido, salato, affumicato, molto freddo o caldo, saturo di esaltatori di sapidità e additivi artificiali, alcool: peggiora significativamente le condizioni del paziente.

Metodi popolari

I metodi popolari di trattamento della tonsillite sono l'uso di varie infusioni e decotti per gargarismi.

  • Risciacquare il rinofaringe con acqua calda salata aiuterà a curare la malattia a casa. Viene tirato attraverso il naso, pizzicando a turno le narici destra e sinistra, quindi sputando.
  • Il succo di rafano fresco viene diluito con acqua calda e gargarismi fino a 5 volte al giorno. Per aiutare la tua gola a far fronte a un'infezione, devi sciacquarla spesso.
  • Per il risciacquo, puoi usare un decotto di bardana, corteccia di quercia, erba di San Giovanni, lamponi, tintura di propoli, gemme di pioppo, salvia, acqua con aceto di mele, succo di mirtillo con miele e persino champagne caldo.
  • Le tonsille infiammate sono trattate con olio di basilico.
  • Per aumentare l'immunità prendere decotti di marshmallow, camomilla, equiseto.
  • Condimenti al sale e impacchi di cavolo sulla gola, nonché inalazioni di cipolla, aiuteranno a migliorare le condizioni del paziente..

La tonsillite cronica viene trattata con rimedi popolari per 2 mesi, quindi prendono una pausa per due settimane e ripetono le stesse procedure, ma con ingredienti diversi. Il trattamento alternativo della tonsillite deve essere effettuato solo dopo aver consultato uno specialista. Se il risultato atteso è assente o compaiono effetti collaterali, è necessario interrompere il trattamento alternativo.

Quando si raccomanda la rimozione della ghiandola?

Secondo l'approccio moderno, i medici cercano di evitare la rimozione delle tonsille, poiché svolgono un'importante funzione protettiva: riconoscono l'infezione e la ritardano. L'eccezione sono i casi in cui un focus infiammatorio cronico minaccia di causare gravi complicazioni. Sulla base di questo, l'operazione per rimuovere le tonsille (tonsillectomia) viene eseguita rigorosamente secondo le indicazioni.

Indicazioni per la rimozione delle ghiandole:

  • tonsillite purulenta più di 4 volte l'anno;
  • le tonsille allargate disturbano la respirazione;
  • il trattamento conservativo (assunzione di antibiotici, lavaggio delle tonsille e fisioterapia) non porta a un miglioramento duraturo;
  • complicanze sviluppate in vari organi:
    • ascesso peritonsillare;
    • pielonefrite, glomerulonefrite post-streptococcica;
    • artrite reattiva;
    • danno alle valvole cardiache o miocardite;
    • insufficienza renale o cardiaca.

Controindicazioni assolute per tonsillectomia:

  • patologia del midollo osseo;
  • disturbi emorragici;
  • diabete mellito scompensato;
  • patologia cardiovascolare scompensata;
  • tubercolosi attiva.

Negli ultimi anni, in alternativa alla rimozione delle tonsille è stata utilizzata la cauterizzazione con azoto liquido, un laser e l'elettrocoagulazione delle aree danneggiate delle tonsille. In questo caso, il corpo si libera del fuoco dell'infezione e continua a svolgere le sue funzioni.

complicazioni

Se non tratti il ​​mal di gola, ti daranno complicazioni. Inoltre, sono molto diversi e considereremo il più comune. La malattia può colpire vari organi e non tutte le conseguenze sono reversibili.

Quali sono le complicazioni:

  1. Otite media, bronchite e faringite.
  2. Reumatismi articolari e cardiaci.
  3. Malattia renale, come pielonefrite o glomerulonefrite.
  4. Appendicite.
  5. Sepsi.

Se una persona ha un avvelenamento del sangue, che è possibile con un lungo decorso dell'infezione, le conseguenze saranno estremamente negative. È persino possibile la morte in casi avanzati. Per non dover affrontare complicazioni, è sufficiente fare la terapia in modo tempestivo.

Sotto la supervisione di un medico, puoi recuperare dopo cinque giorni. In media, il trattamento è ritardato fino a due settimane. Ma vale la pena ricordare che ogni caso è individuale, quindi è impossibile dire inequivocabilmente quanto velocemente una persona si riprenderà.

Prevenzione

Puoi prevenire lo sviluppo della tonsillite:

  • osservando le regole di igiene personale - è necessario monitorare la pulizia delle mani, effettuare il risanamento della cavità orale e del naso;
  • temperare il corpo - non surriscaldare il collo in inverno, fare i gargarismi con acqua fresca, mangiare un gelato, asciugare il collo con un asciugamano umido, fare una doccia a contrasto;
  • mangiare bene - una quantità sufficiente di vitamine e minerali nella dieta è la chiave per una forte immunità;
  • aerare regolarmente la stanza e condurre la pulizia a umido in essa;
  • visitare i medici in tempo per identificare e trattare le malattie della cavità orale, del naso;
  • applicare moderatamente le gocce nasali con il naso che cola;
  • rifiuto di allergeni tipici - miele, cioccolato, soprattutto se la diagnosi è "tonsillite cronica".

Sintomi di tonsillite

La tonsillite è un'infezione diffusa che provoca infiammazione delle tonsille (tessuto linfatico, che si trova su entrambi i lati della parte posteriore della bocca ed è progettato per combattere le infezioni).

La tonsillite è più comune nei bambini dai cinque ai quindici anni (sebbene possa verificarsi a qualsiasi età) ed è caratterizzata da un forte mal di gola. In passato le tonsille creavano solo problemi e spesso venivano rimosse chirurgicamente. È ormai noto che le tonsille hanno un certo ruolo, sebbene in qualche modo limitato, nel sistema immunitario. Sono la prima linea di difesa dell'apparato respiratorio, catturando e neutralizzando gli agenti infettivi prima che possano penetrare nei passaggi bronchiali.

Nei bambini, le tonsille sono generalmente grandi; raggiungono la loro dimensione massima all'età di sei o sette anni e poi iniziano a ridursi. A causa del fatto che sono continuamente esposti a agenti infettivi, a volte sono sopraffatti dall'infezione, che porta alla tonsillite. Sebbene la tonsillite si risolva di solito dopo una settimana, tuttavia, è necessaria una visita medica per identificare la causa dell'infezione. Le infezioni batteriche, in particolare quelle alla gola da streptococco, richiedono un certo ciclo di trattamento, poiché una reazione immunologica alle sostanze prodotte dagli streptococchi del gruppo A provoca glomerulonefrite o reumatismi. Un'infezione grave può anche portare a un ascesso peritonsillare: l'accumulo di pus nei tessuti attorno alle tonsille.

La tonsillite cronica è una comune malattia infettiva e allergica con manifestazioni locali sotto forma di infiammazione cronica persistente delle tonsille palatine, caratterizzata da un decorso recidivante e che si verifica più spesso come complicazione di una patologia infettiva (tonsillite, carie dentale, ecc.).

In media, il 5-6% della popolazione adulta e il 10-12% dei bambini soffre di tonsillite cronica. L'interesse per questo problema in otorinolaringoiatria è spiegato non solo dall'elevata prevalenza di tonsillite cronica, ma anche dal fatto che, secondo l'OMS, più di 100 malattie somatiche possono essere associate eziologicamente alla tonsillite cronica.

Il principale fattore eziologico nello sviluppo della tonsillite cronica e delle sue complicanze fino ad oggi rimane lo streptococco di gruppo A-emolitico A. Successivamente ci sono Staphylococcus aureus, Staphylococcus aureus e microrganismi anaerobici obbligati, adenovirus, virus dell'influenza e della parainfluenza, virus di Epstein-Barr e altri. Uno dei fattori più importanti nella patogenesi della tonsillite cronica è una violazione dello svuotamento delle lacune dai contenuti patologici.

Lo sviluppo della tonsillite cronica e le sue complicanze sembrano essere un processo versatile in cui l'interazione di un agente infettivo e l'intero organismo gioca un ruolo importante, a seguito del quale le tonsille palatine dal corpo della difesa immunitaria si trasformano in un focus cronico di infezione con una funzione immunitaria controproducente.

La tonsillite cronica ricorrente può richiedere la rimozione chirurgica delle tonsille (tonsillectomia).

Le cause

• I virus sono la causa più comune; i batteri rappresentano circa il 40 percento dei casi di tonsillite. I microbi che causano la tonsillite di solito si diffondono attraverso il contatto corpo a corpo o corpo a bocca..

Sintomi

• Mal di gola, rosso, umido; difficoltà a deglutire.

• Macchie grigie o bianche sulle tonsille o sul palato molle.

• Linfonodi ingrossati nella mascella e nel collo.

• Nausea, vomito e dolore addominale (di solito nei bambini).

Spesso i pazienti lamentano una sensazione di disagio alla gola: formicolio, secchezza, sudorazione, dolore, ecc. Caratteristici sono i reclami di alitosi, causati principalmente dalla presenza di tappi purulenti caseosi negli spazi delle tonsille palatine.

I segni faringoscopici locali della malattia sono di grande importanza:

  • il contenuto purulento o caseoso-purulento nelle cripte delle tonsille sotto forma di pus o tappi liquidi è il risultato dell'infiammazione infettiva cronica, l'attività vitale della microflora patogena, la desquamazione dell'epitelio della cripta e la distruzione dei leucociti. Anche i segni locali di tonsillite cronica sono:
  • iperplasia e infiltrazione dei bordi degli archi palatali superiori - un segno di Preobrazhensky;
  • gonfiore e iperemia delle arcate palatine - segni di Zach e Giza;
  • fusione e coesione delle arcate palatine con l'amigdala stessa;
  • ingrossamento e indolenzimento dei linfonodi regionali lungo il bordo anteriore del muscolo sternocleidomastoideo e all'angolo della mascella inferiore.

Dall'anatomia

Nel corpo ci sono gruppi di cellule che svolgono alcune funzioni comuni e simili, queste cellule sono chiamate tessuti. Ci sono cellule responsabili della produzione dell'immunità e della formazione del tessuto linfoide. Le tonsille sono fatte di tessuto linfoide - gli organi più importanti del sistema linfoide. Queste tonsille sono chiamate palatine.

Le tonsille palatali si trovano sulle pareti laterali dell'orofaringe, all'intersezione delle vie respiratorie e digestive. In uno stato sano, le loro dimensioni sono: 20-25 mm di altezza, 12-15 mm di diametro, 15-20 mm - distanza anteroposteriore.

Sulla superficie mediale della tonsilla ci sono fino a venti rientranze, o spazi vuoti, in cui si aprono le cripte, o sacchi simili a fessure, immersi nella profondità delle tonsille.

Le tonsille palatali stesse producono attivamente linfociti, cioè svolgono una funzione ematopoietica, particolarmente pronunciata in tenera età. La funzione protettiva delle tonsille è la partecipazione attiva della formazione dell'immunità locale e generale.

All'età di 6-7 anni, la riorganizzazione morfologica delle tonsille, che occupano la massima superficie a causa del completo sviluppo di lacune e cripte, termina e già a questa fase, il drenaggio delle lacune, il ristagno del loro contenuto è possibile.

Normalmente, durante la deglutizione, i prodotti della fagocitosi e dell'epitelio desquamato vengono rimossi dalle cripte. Con l'infiammazione, la ramificazione delle cripte, la presenza di archi palatine e alcuni altri fattori interferiscono con questo..

Come il microbo è entrato nel tappo

Quando l'infezione entra in loro, il tessuto linfoide molle è interessato, compaiono cicatrici, alcune lacune tonsillari strette e chiuse, si formano foci purulenti chiusi o tappi. E in loro c'è un accumulo di epitelio morto della mucosa delle lacune, che, in linea di principio, non è così spaventoso, perché il vecchio epitelio dovrebbe esfoliare e quello nuovo dovrebbe crescere. Ma la cosa brutta è che non viene rimosso da nessuna parte da lacune chiuse. Qui si accumulano particelle di cibo, microbi viventi e morti, globuli bianchi. È difficile immaginare un terreno più favorevole per la propagazione di microbi patogeni. Non c'è da stupirsi che a volte le tonsille siano coperte di pus liquido..

Tuttavia, possono aumentare, ma possono rimanere piccoli. Questo non è importante E in questo, e in un altro caso, la gola fa male, una tosse ossessiva tormenta, rovina la vita dell'alitosi, esaurisce la fatica.

Il periodo di incubazione per la tonsillite acuta va da alcune ore a 2-4 giorni. La malattia inizia, di regola, in modo acuto: la temperatura salta a 37,5-39 ° C, il paziente ha un brivido, la gola persiste e fa male, la testa, i muscoli e le articolazioni fanno male. Nei bambini, inoltre, lo stomaco fa male, insorge la nausea, si verifica il vomito.

La durata della malattia (senza trattamento) è di circa 5-7 giorni. I linfonodi ingrossati possono durare fino a 10-12 giorni. In futuro, se non ci sono complicazioni, la febbre scompare, l'infiammazione nelle tonsille scompare.

Il decorso acuto di molte malattie con un trattamento insufficiente, un'immunità indebolita, la presenza di disturbi concomitanti può trasformarsi in uno cronico. Questo vale anche per la tonsillite, che è anche acuta e cronica..

L'agente causativo batterico più significativo della tonsillite acuta è lo streptococco emolitico di gruppo A. Meno comunemente, la tonsillite acuta è causata da virus e altri streptococchi e molto raramente micoplasmi e clamidia. L'agente causale è trasmesso da goccioline trasportate dall'aria. Le fonti di infezione sono i pazienti, portatori asintomatici meno comunemente.

Molto spesso, la tonsillite cronica, le adenoidi, a causa delle quali la respirazione nasale, le malattie dei seni paranasali, i denti cariati, cioè eventuali processi infiammatori della gola dell'orecchio, contribuiscono allo sviluppo della tonsillite cronica..

Esternamente, la tonsillite cronica non si manifesta quasi. A volte la testa fa male e la temperatura salta, la debolezza supera, ma chi presterà attenzione a tali sciocchezze? Succede di tanto in tanto quando ingoia un mal di gola, tormentando una tosse. Ma succede che il processo è quasi asintomatico. E questo è particolarmente negativo, perché il paziente non sa che un focolaio di infezione si è stabilito nel suo corpo e si trova liberamente, il che mina gradualmente la sua forza e si diffonde ad altri organi.

Attualmente sono note più di cento malattie diverse, che devono il loro aspetto alla tonsillite cronica. Colpiscono organi che sono così lontani dalla gola in cui "la tonsillite" vive "che è difficile credere nella connessione tra le due malattie. I cambiamenti più pronunciati negli organi interni con una forma scompensata di tonsillite cronica.

Diagnostica

• Sono necessari anamnesi ed esame fisico. Secondo le caratteristiche cliniche, la tonsillite streptococcica non può essere distinta da una malattia virale.

• Le colture di tampone di semina in gola vengono eseguite per identificare il portatore principale dell'infezione e determinare il trattamento corretto..

• È possibile eseguire test rapidi per determinare lo streptococco di gruppo A..

Quando si diagnostica la "tonsillite cronica", si tiene conto della frequente tonsillite nell'anamnesi: 2-3 volte e spesso 4-6 volte l'anno, ma una volta ogni diversi anni lo è anche spesso. Nella diagnosi di tonsillite cronica, è necessario basarsi su una combinazione di segni locali e generali della malattia. Il più informativo tra gli altri segni locali di tonsillite cronica è la presenza di secrezioni patologiche nelle lacune tonsillari e nella linfoadenite sottomandibolare..

Classificazione della tonsillite cronica

In momenti diversi, molti importanti specialisti in otorinolaringoiatri hanno offerto tutti i tipi di classificazioni di tonsillite cronica. Tuttavia, la classificazione di B.S. è più coerente con gli attuali dati clinici e idee sulla tonsillite cronica. Preobrazhensky, integrato e in qualche modo modificato da V.T. Palchun.

Classificazione della tonsillite cronica secondo Preobrazhensky - Palchun.

In tutte le forme di tonsillite cronica, si possono osservare malattie concomitanti che non hanno una sola base eziologica e patogenetica con tonsillite cronica, la relazione patogenetica di queste malattie viene effettuata attraverso la reattività generale e locale.

Con una forma semplice, il paziente può avere mal di gola frequenti (nel 96% dei pazienti si nota una storia di tonsillite), ci sono segni locali di tonsillite cronica.

Il grado di allergia tossica I è caratterizzato da segni di una semplice forma di tonsillite cronica e da fenomeni tossici allergici generali.

I segni tossici-allergici includono:

febbre di basso grado che si verifica periodicamente;

intossicazione tonsillogenica (debolezza periodica o persistente, affaticamento, malessere, affaticamento, ridotta capacità lavorativa, cattiva salute); dolore articolare occasionale;

disturbi funzionali dell'attività cardiaca (che compaiono solo durante le esacerbazioni e non sono determinati dall'esame obiettivo al di fuori delle esacerbazioni);

Potrebbero esserci anche deviazioni nei dati di laboratorio (emocromo e parametri immunologici), tuttavia sono instabili e non possono essere attribuiti alle caratteristiche.

Con una forma tossico-allergica di II grado, questi cambiamenti diventano permanenti, persistono al di fuori dell'esacerbazione. La presenza di malattie locali e generali associate a tonsillite cronica è caratteristica.

Associato a malattie croniche di tonsillite

• Malattie concomitanti locali: paratonsillite, parafaringite, faringite cronica, ecc..

• Malattie concomitanti comuni: sepsi tonsillogenica, febbre reumatica, poliartrite infettiva, malattie acquisite del cuore, sistema urinario, articolazioni, nonché malattie allergiche infettive di altri organi e sistemi.

Il processo allergico-infettivo alla base di queste malattie è strettamente associato a un'infezione focale e torpida da streptococco, localizzata più spesso nelle tonsille palatine. Le frequenti esacerbazioni della tonsillite cronica causano lo sfondo allergico, che è un fattore scatenante nello sviluppo di malattie coniugate.

Trattamento

• Per il trattamento di streptococco e altre infezioni batteriche, vengono prescritti antibiotici; devono essere presi per almeno 10 giorni.

• Si raccomanda l'uso di paracetamolo o altri farmaci antidolorifici da banco, nonché medicinali per ridurre la febbre, per ridurre il disagio. Non somministrare aspirina ai bambini di età inferiore a 16 anni, poiché ciò può causare una malattia potenzialmente letale..

• Gargarismi con soluzione fisiologica più volte al giorno possono ridurre il mal di gola.

I trattamenti locali includono:

  • tonsille di risciacquo;
  • lavare gli spazi vuoti delle tonsille palatine;
  • l'introduzione di farmaci antibatterici e antisettici nelle tonsille;
  • fisioterapia, laser terapia, magnetoterapia;
  • aromaterapia sotto forma di risciacqui e inalazioni;
  • risanamento della cavità orale;
  • risanamento della cavità nasale e dei seni paranasali;
  • terapia generale.

L'efficacia di ciascuno di questi metodi varia a seconda del grado di sviluppo della malattia e dello stato delle difese dell'organismo. Quindi, gargarismi con soluzioni di antisettici, erbe medicinali e altri mezzi per la tonsillite cronica non è così efficace come nel trattamento della tonsillite o della faringite. Ciò è dovuto al fatto che durante il risciacquo viene irrigata solo la superficie sbadigliante delle tonsille e gli spazi in cui si trovano i microbi sono inaccessibili. Ma il risciacquo non deve essere trascurato, almeno una parte dell'infezione può essere rimossa dal corpo.

Lavare gli spazi vuoti con una siringa speciale è uno dei metodi più affidabili per la riabilitazione delle tonsille, soprattutto se viene eseguito in corsi da 2 a 4 volte l'anno. Oltre al fatto che il pus viene rimosso durante il lavaggio, il medicinale va anche direttamente alle tonsille. La difficoltà qui è che sebbene la procedura sia indolore, sia ai bambini che agli adulti non piace molto quando eseguono una sorta di manipolazione in gola. Ma devi acquisire forza e adempiere a tutti gli appuntamenti del medico, sbarazzarti del processo cronico e dopo fare tutto ciò di cui hai bisogno in modo da non ammalarti mai.

• Se si sviluppa un ascesso, potrebbe essere necessario un drenaggio chirurgico..

Il trattamento conservativo della tonsillite cronica viene effettuato al fine di eliminare o ridurre il numero di esacerbazioni del processo patologico, per ottenere la scomparsa o la diminuzione della gravità dei segni oggettivi della malattia e delle sue manifestazioni tossico-allergiche. Il trattamento comprende il trattamento topico delle tonsille e la terapia riparativa..

Il metodo più efficace di esposizione locale è il lavaggio di lacune tonsillari con varie soluzioni antisettiche: diossidina, miramistina, ottanisept, etericide, furatsilina, ecc..

Il metodo si basa su una lisciviazione puramente meccanica dei contenuti patologici degli spazi vuoti, sulla loro riabilitazione e ripristino della funzione drenante. Il corso del trattamento consiste in 12-15 risciacqui di lacune tonsillari, che vengono effettuati a giorni alterni; durante l'anno si consiglia di condurre 2-3 corsi di lisciviazione.

Tra i metodi di trattamento conservativo, un posto importante è occupato da varie procedure fisioterapiche. Terapia a microonde, UHF nella regione sottomandibolare, radiazione ultravioletta sulle tonsille, terapia laser, magnetoterapia, fangoterapia, ecc. Una componente obbligatoria del trattamento conservativo è l'uso di agenti che aumentano la resistenza del corpo: vitamine (C, gruppo B, E, K); immunocorrettore (poliossidonio, epone, derinato, ecc.), vaccini (imudon, IRS-19, ribomunile, ecc.).

Nella tonsillite cronica vengono utilizzati anche metodi di trattamento semi-chirurgici: criotonsillotomia, dissezione laser delle bocche delle lacune tonsillari, tonsille galvaniche caustiche, ecc..

• Se la tonsillite diventa cronica o la dimensione della tonsilla interferisce con la respirazione o la deglutizione, può essere raccomandata la tonsillectomia. Questa procedura viene spesso eseguita in regime ambulatoriale..

Con una forma semplice della malattia, si raccomanda di eseguirlo nel caso in cui il trattamento conservativo, effettuato in modo completo con 2-3 cicli, fosse inefficace. Nella forma tossico-allergica della malattia di primo grado, la chirurgia è anche indicata se, dopo 1-2 cicli di trattamento conservativo, non è stato raggiunto un effetto sufficiente. Con una forma tossico-allergica di II grado, la tonsillectomia è immediatamente indicata.

Per alleviare il dolore, l'anestesia locale viene utilizzata con una soluzione all'1% di novocaina o lidocaina o anestesia. L'amigdala è bloccata, lungo la scanalatura tra l'amigdala e l'arco anteriore, viene praticata un'incisione arcuata della mucosa nelle dimensioni di 1 - 1,5 cm. Attraverso l'incisione con un raspatore o un elevatore, l'arco anteriore e il polo superiore della tonsilla sono tagliati dappertutto, portarlo al morsetto con lo stesso ascensore (o con un raspatore), l'arco posteriore è separato. Successivamente, con un grande cucchiaio affilato, la tonsilla viene separata dal polo inferiore. In presenza di fusione cicatriziale, non suscettibile di smussare la separazione, questi ultimi vengono sezionati con le forbici. Un anello di taglio viene applicato sulla tonsilla palatina e deve essere tagliato, non separato.

La complicazione più comune della tonsillectomia è il sanguinamento: arterioso, venoso o parenchimale. Ci sono emorragie primarie che si sono verificate direttamente durante la tonsillectomia e secondarie, che possono comparire sia nelle prime ore del periodo postoperatorio, sia dal 2 ° al 5 ° giorno e più tardi.

C'è stato un tempo in cui si credeva che questo fosse il metodo più rapido, affidabile ed efficace per combattere la tonsillite, l'otite media e altre malattie che attendono il naso dell'orecchio. Le tonsille infette e infiammate diventano produttori e piantine di batteri che si sforzano di strisciare in tutto il corpo, e anche quegli organi e sistemi che si trovano nelle vicinanze, in primo luogo. Quindi il desiderio di porre fine all'esistenza delle tonsille come contenitore e distributore di infezione è abbastanza giustificato.

Ma qui dovresti pensare al fatto che non c'è nulla di accidentale in natura. Se le tonsille esistono, significa che hanno una certa funzione. È facile per il corpo fare a meno delle tonsille se rimosse? Neanche facile.

Le tonsille sono una barriera ai patogeni. E se non ce ne sono, allora una barriera ai batteri diminuirà. Ciò significa che l'infezione penetrerà immediatamente più in profondità nel tratto respiratorio. Inoltre, i processi infiammatori nelle tonsille, specialmente durante l'infanzia, portano allo sviluppo di un'immunità stabile. Diventano una sorta di banco di prova in cui il corpo trova i mezzi per combattere l'infezione. Non ci sarà questo "sito di test" per la forza, il corpo non imparerà a resistere alle infezioni di tutte le strisce.

Quindi, quando si decide se è consigliabile o meno rimuovere le tonsille, si deve procedere dalla possibilità di ripristinare o meno la loro funzione protettiva. Se c'è speranza, le tonsille dovrebbero essere trattate. Se le tonsille purulente non proteggono più il corpo, ma, al contrario, sono esse stesse una fonte di infezione e non sono suscettibili di alcun trattamento, allora dovranno essere rimosse.

Gli effetti della tonsillite

È dimostrato che la tonsillite cronica:

  • porta alla formazione di patologia del cuore, delle articolazioni e dei reni;
  • crea veri e propri prerequisiti per lo sviluppo di dermatosi;
  • abbassa l'immunità;
  • colpisce il fegato, il tratto biliare;
  • complica il decorso dei disturbi cerebrali;
  • provoca disturbi neuroendocrini: obesità o perdita di peso, mancanza di appetito, sete, irregolarità mestruali, riduzione della potenza sessuale;
  • aggrava il decorso della schizofrenia;
  • indebolisce la funzione del pancreas e la secrezione di un enzima che distrugge l'insulina;
  • colpisce la ghiandola tiroidea;
  • ha un effetto negativo sulla formazione del sistema riproduttivo nelle ragazze.

Da tutto quanto sopra, possiamo concludere che la tonsillite cronica non è una malattia innocua.

Il processo infiammatorio cronico nell'area dell'anello linfoepiteliale faringeo e delle tonsille ha un effetto su tutto l'organismo, interrompe le sue funzioni protettive e provoca lo sviluppo di una massa di malattie. Pertanto, la tonsillite cronica deve essere considerata come un'infezione focale, l'eliminazione (dal latino eliminare - per espellere) che è una parte estremamente importante del mantenimento della salute umana in generale, nonché il successo del trattamento delle malattie concomitanti.

Prevenzione

• Le misure convenzionali di controllo delle infezioni possono aiutare a ridurre la tonsillite..

• La cosa principale è il lavaggio frequente delle mani, soprattutto in inverno, quando i germi si diffondono più facilmente a causa del contatto nelle stanze.

• Il trattamento rapido limita la trasmissione.

• Consultare un medico se il mal di gola persiste dopo 48 ore, specialmente se è accompagnato da febbre..

• Consultare un medico se il mal di gola peggiora, soprattutto da un lato, nonostante il trattamento antibiotico.

Al fine di porre fine alle ricorrenti esacerbazioni della tonsillite cronica, è necessario, come con qualsiasi malattia cronica, 2 volte l'anno, in primavera e in autunno, per prevenire la malattia. Per questo, le raccomandazioni che il medico fornirà possono essere integrate con i seguenti mezzi.

Gargarismi 2-3 volte al giorno per un mese con i seguenti composti.

Schiaccia due grandi spicchi d'aglio verde, versa 1 tazza di latte caldo bollito, cola e fai i gargarismi fino a quando il composto si è raffreddato.

In un bicchiere di acqua bollita calda, aggiungi 1 cucchiaino di aceto di mele, fai i gargarismi fino a quando la soluzione si è raffreddata.

Aggiungi 1 cucchiaio. un cucchiaio di erba celidonia in un bicchiere di acqua bollente, far bollire per 5-10 minuti in un bagno di vapore, lasciare riposare per mezz'ora, filtrare, fare i gargarismi mentre la soluzione è calda.

Puoi utilizzare uno qualsiasi di questi composti, puoi alternarli durante il giorno o ogni dieci giorni: questa è la tua attività.

Quindi, durante la settimana, 4 volte al giorno (per i bambini e due volte saranno sufficienti), sciogliere le compresse antisettiche.

Se per una ragione o per l'altra non vuoi usare medicinali, prepara una composizione per il riassorbimento da componenti naturali. Per fare questo, mescola 2 cucchiai. cucchiai di carote grattugiate finemente, 1 cucchiaio. un cucchiaio di miele, 5-10 gocce di tintura alcolica di propoli in farmacia, 3-5 gocce di una soluzione di Lugol, 0,5 ml di una soluzione al 5% di acido ascorbico da una fiala. Riceverai una porzione sufficiente per una procedura, che deve essere eseguita come segue. Metti una piccola quantità del composto sulla lingua con un cucchiaino, strizzalo verso il cielo, aspiralo e poi ingoia. Utilizzare l'intera porzione alla volta (dimezzare la dose per i bambini). Ripeti 2 volte al giorno per 2-3 settimane. Come usare i rimedi popolari per questo disturbo, vedi qui.

Per aumentare le difese del corpo, tali composti sono adatti.

Mescola 2 cucchiai. cucchiai di succo di barbabietola rossa, un quarto di litro di kefir, 1 cucchiaino di sciroppo di cinorrodo, succo di mezzo limone. Prendi l'intera porzione in una volta. Trascorri 3 corsi di 10 giorni ciascuno con una pausa di dieci giorni tra di loro. Per curare neonati e bambini in età prescolare, è necessario dividere la porzione in due parti e somministrare questa gustosa medicina al mattino e alla sera.

Tale miscela stimola bene il sistema immunitario.

In un bicchiere di acqua bollita, aggiungi 1 cucchiaino di miele e 1 goccia della soluzione di Lugol. Assumere 1 volta al giorno dopo i pasti per 10 giorni.

Per chi non lo sapesse: la soluzione di Lugol è un agente antimicrobico, che include 1 parte di iodio, 2 parti di ioduro di potassio, 17 parti di acqua.

Una miscela di foglie di ortica dioica, fiori di camomilla ed achillea ha proprietà stimolanti e toniche. Mescola le erbe in parti uguali, prendi 1 cucchiaino della raccolta, versa 1 tazza di acqua bollente, aggiungi 1 cucchiaino di miele e bevi al posto del tè per 10 giorni.

Questo metodo di trattamento del mal di gola con un raffreddore è ben noto a qualsiasi cantante d'opera..

Versa 1 bicchiere d'acqua nella padella, versaci mezzo bicchiere di semi di girasole, fai bollire per 15 minuti. Quindi scartare i semi e far bollire di nuovo il brodo, aggiungendo 1/4 di tazza di miele (preferibilmente tiglio) e 1 cucchiaio. un cucchiaio di brandy. Bevi 1 cucchiaio. cucchiaio ogni mezz'ora. Dopo un giorno dalla malattia non ci sarà più traccia.

Prendi un bicchiere di acqua calda, 7 cucchiaini di aceto di mele, 1 cucchiaino di miele, mescola bene, bevi a piccoli sorsi, non lasciando raffreddare il liquido. Prendi il più spesso possibile durante il giorno.

Il fatto che fosse necessario curare la gola fredda non con pillole sgradevoli e ogni sorta di altre pozioni, ma con cibi e bevande deliziosi o, in altre parole, dieta, era ben noto ai nostri lontani antenati.

Quindi, il medico di corte di Luigi XV raccomandò a loro maestà, come medicina per il mal di gola, mangiare cinque uova crude al giorno o bere un caldo brodo di quaglie con vino rosso riscaldato.

I dottori delle Fiandre preferivano il lardo fuso del cappone (gallo), che doveva essere bevuto da tutti i raffreddori. La logica delle loro raccomandazioni è abbastanza comprensibile: il cibo che passa attraverso la faringe ha un effetto termico e chimico sulla sua mucosa, che può essere diverso. Speziato, salato, fritto, ruvido irrita la superficie flaccida dell'orofaringe e ne intensifica il gonfiore, mentre il cibo schiacciato e mucoso al contrario ammorbidisce la membrana, lenendola.

Ecco perché con il mal di gola devi bere quanto più fluido possibile, idrata la mucosa e risciacqua anche i resti di cellule distrutte e sostanze tossiche che vengono rilasciate dai microrganismi da essa. 2-2,5 litri di liquidi caldi (e non caldi, come molti credono) al giorno non andranno male.

Anche l'acidità di ciò che bevi è importante. Un ambiente altamente acido (succo di mirtillo rosso, succhi di agrumi e ananas, bevande gassate) favorisce la crescita di microrganismi. Quindi, dobbiamo dare la preferenza alla bevanda alcalina: acqua, tè, cacao, decotti di piante medicinali o nettare di bacche.

Le prime cose dovrebbero innanzitutto rafforzare il corpo.

Per questo, tutti i prodotti benessere tradizionali sono buoni. Ne siamo tutti ben consapevoli:

  • ragionevole modalità di lavoro e riposo;
  • sonno adeguato;
  • cammina all'aperto;
  • attività fisica fattibile;
  • educazione fisica e sport;
  • dieta bilanciata;
  • indurimento;
  • rifiuto di cattive abitudini (e questo non è solo alcol e fumo, ma anche lunghe ore trascorse a guardare la TV, pasti abbondanti per un sogno futuro, preoccupazioni per le sciocchezze, ecc.);
  • trattamento tempestivo di malattie croniche e focolai di infezione nel corpo (tra cui i denti cariati vengono prima).

Cosa causa la tonsillite: ragioni

La tonsillite è una malattia infettiva e immunitaria caratterizzata da un processo infiammatorio nelle tonsille palatine e nei tessuti adiacenti. Senza un'adeguata attenzione, la patologia diventa cronica e scarsamente curabile. Si verifica più spesso nei bambini e negli adolescenti, meno spesso in età adulta, nelle persone anziane non viene praticamente diagnosticato.

Patogeni classici ↑

Come qualsiasi altra malattia, la tonsillite ha le sue ragioni, sia i batteri che i virus possono diventare patogeni. La tonsillite delle cause del suo sviluppo si trova in tali agenti patogeni:

  • stafilococchi;
  • streptococchi;
  • pneumococchi;
  • adenovirus;
  • bacchetta influenzale ecc.

Quando creano condizioni favorevoli per loro, entrando nel rinofaringe diventano le principali cause della malattia. In questo caso, le tonsille non possono far fronte alle loro funzioni, sono loro che devono colpire se stessi e distruggere i microbi dannosi dalle forze immunitarie del corpo. Ma quando l'immunità è indebolita, il tessuto linfoide viene attaccato, al quale non può resistere, accendendo il bersaglio con un ulteriore focus di infiammazione.

Varietà insolite della malattia ↑

Il quadro clinico della patologia dipende dal patogeno, nel corso tradizionale della malattia causata dai suddetti batteri e virus, è simile, è:

  • arrossamento della gola;
  • ghiandole ingrossate;
  • la formazione di placca o follicoli purulenti sulle tonsille;
  • febbre e sintomi correlati.

Ma ci sono ancora alcune forme di malattia che si sviluppano a causa dell'ingestione di altri microrganismi nel rinofaringe, hanno il loro quadro non standard della patologia. Meno spesso, l'enterovirus o il virus dell'herpes simplex diventano le cause della tonsillite, in questo caso la malattia è accompagnata da eruzioni cutanee di bolle bianche che sono sparse in tutta la cavità orale (sul retro della gola, del palato, delle ghiandole, della lingua e dei lati interni delle guance). La malattia viene diagnosticata più spesso nei bambini che negli adulti..

Un altro insolito agente causale della malattia può essere:

  • Toxoplasmosi;
  • Mononucleosi infettiva;
  • Citomegalovirus.

In questo caso, i sintomi standard sono accompagnati da eruzioni cutanee sul corpo e un forte aumento dei linfonodi regionali, che causano dolore alla palpazione. Se noti tali sintomi, è molto probabile che questi microrganismi diventino la causa della tonsillite, non esitare e vai immediatamente in ospedale.

Possibili fattori ↑

Affinché virus o batteri diventino agenti causali della malattia, devono esserci fattori concomitanti.

Come malattia indipendente, senza precedenti patologie prima, la tonsillite si sviluppa raramente. Fondamentalmente, si verifica sullo sfondo di un'infezione esistente nella gola o negli organi vicini, queste malattie includono:

  • ARVI;
  • ARI;
  • influenza;
  • scarlattina;
  • laringite;
  • faringite;
  • sinusite e altre malattie del rinofaringe.

Ciò accade a causa del fatto che durante il periodo della malattia, l'immunità umana è indebolita ed è molto più facile per i batteri entrare nelle formazioni linfoidi e non essere distrutti, l'ambiente più favorevole è già stato formato prima di loro da altre varietà di microrganismi.

Contribuire allo sviluppo della patologia, difficoltà a respirare attraverso il naso può. Molto spesso questo è associato a una curvatura del setto nasale, alla presenza di adenoidi o iperplasia del concha nasale.

Il cibo scadente può causare malattie

Nel caso di una natura batterica, ad eccezione dello stafilococco, si osserva una pronunciata stagionalità della patologia, nella stagione fredda e fuori stagione, i batteri attaccano il corpo molto più spesso. La ragione di ciò è l'aumento dell'umidità in cui i microbi si moltiplicano bene, così come l'ipotermia associata alle variazioni di temperatura.

Poiché l'infezione viene trasmessa da goccioline trasportate dall'aria, si dovrebbe essere estremamente attenti a comunicare con persone già malate. È meglio escludere completamente tale contatto, ma se per motivi indipendenti dalla tua volontà devi essere vicino, proteggiti il ​​più possibile con un lavaggio sistematico delle mani, indossando una benda di garza e arieggiando la stanza.

Anche la qualità del cibo svolge un ruolo importante tra i possibili fattori della malattia. Soprattutto i cibi proteici con un'acuta mancanza di vitamine, in particolare i gruppi C e B, possono causare tonsillite. A causa di vitamine non ricevute dall'organismo, si verifica un malfunzionamento del sistema immunitario e, di conseguenza, una protezione corporea insufficiente contro i virus.

Predisposizione in famiglie in cui si nota un'alta incidenza di varie malattie, in cui l'agente causale è lo streptococco. In tali casi, i membri di queste famiglie hanno maggiori probabilità di sviluppare tonsillite rispetto ad altri..

Sfortunatamente, è impossibile proteggersi da tutti i virus e batteri, ma è in nostro potere ridurre la frequenza dei loro danni al corpo. Prima di tutto, a causa del rafforzamento dell'immunità e dell'attuazione di misure preventive che non lasceranno una patologia una possibilità!