Caratteristiche del decorso e trattamento dell'ipotiroidismo in pazienti con malattia coronarica

Perché è importante arrestare prontamente le manifestazioni di ipotiroidismo nei pazienti con malattia coronarica e specialmente negli anziani? Qual è la ragione della difficoltà nella diagnosi di ipotiroidismo negli anziani? Qual è la difficoltà nella gestione dei pazienti con malattia coronarica e ipotiroidismo concomitante??

Perché è importante interrompere prontamente le manifestazioni di ipotiroidismo nei pazienti con malattia coronarica, e specialmente negli anziani?
Qual è la ragione della difficoltà nella diagnosi di ipotiroidismo negli anziani?
Qual è la difficoltà nella gestione dei pazienti con malattia coronarica e ipotiroidismo concomitante??

Il costante aumento del numero di malattie della tiroide osservate negli ultimi anni ha costretto i professionisti di varie specialità a prestare molta attenzione alla tiroidologia. Allo stesso tempo, esiste un'alta prevalenza di malattie cardiovascolari in tutto il mondo e principalmente di malattie coronariche (CHD). Pertanto, attualmente, nei pazienti, specialmente nelle fasce di età più avanzata, si trova spesso una combinazione di patologia tiroidea e cardiaca, che a volte complica la diagnosi e spesso causa la nomina di un trattamento inadeguato.

L'ipotiroidismo è una sindrome clinica derivante da una carenza di ormoni tiroidei negli organi e nei tessuti del corpo. L'ipotiroidismo, che è una patologia abbastanza comune, si verifica: tra la popolazione adulta - nell'1,5-2% delle donne e nello 0,2% degli uomini; tra le persone con più di 60 anni - nel 6% delle donne e nel 2,5% degli uomini [2]. La carenza di ormone tiroideo si basa su cambiamenti strutturali o funzionali nella ghiandola tiroidea stessa (ipotiroidismo primario) o una violazione degli effetti stimolatori dell'ormone stimolante la tiroide ipofisaria (TSH) o dell'ormone ipotalamico che rilascia la tireotropina (TSH) (ipotiroidismo centrale o secondario) (Tabella 1).

Il quadro clinico dell'ipotiroidismo è variabile e dipende dalla gravità della malattia..

La forma più semplice e più comune di ipotiroidismo è l'ipotiroidismo subclinico (riscontrato nel 10-20% dei casi), in cui i sintomi clinici dell'ipotiroidismo possono essere assenti e un livello elevato di TSH nel sangue è determinato con livelli normali di ormoni tiroidei.

L'ipotiroidismo manifesto è accompagnato da manifestazioni cliniche, un aumento dei livelli di TSH e una diminuzione dei livelli dell'ormone tiroideo..

L'ipotiroidismo grave a lungo termine può portare allo sviluppo di coma ipotiroideo (mixedema).

La prima descrizione clinica delle complicanze cardiovascolari dell'ipotiroidismo risale al 1918, quando il medico tedesco N. Zondak coniò per la prima volta il termine sindrome da mixedema, evidenziandone le principali caratteristiche: bradicardia e cardiomegalia. Dopo 20 anni, ha anche descritto i cambiamenti dell'ECG caratteristici dell'ipotiroidismo: il livellamento delle onde P e T..

Gli ormoni tiroidei influenzano sia direttamente che indirettamente lo stato del sistema cardiovascolare. I cambiamenti clinici e di laboratorio nel sistema cardiovascolare nell'ipotiroidismo si basano su un indebolimento delle funzioni inotropiche e cronotrope del miocardio, una diminuzione dei volumi di sangue sistolica e minuto, la quantità di sangue circolante e la velocità del flusso sanguigno, nonché un aumento della resistenza vascolare periferica totale (Polikar).

Tuttavia, il quadro clinico della malattia nei pazienti con ipotiroidismo senza una lesione iniziale della patologia cardiovascolare e nei pazienti con cardiosclerosi è diverso, il che complica in modo significativo la diagnosi tempestiva dell'ipotiroidismo nei pazienti con malattia coronarica (Tabella 2).

Tabella 2. I principali sintomi diagnostici differenziali della distrofia miocardica nell'ipotiroidismo e nella cardiopatia ischemica

Come si può vedere dalla tabella. 2, per i pazienti con ipotiroidismo senza concomitante malattia coronarica, i dolori cardiaci sono caratteristici della regione del cuore. Si verificano in circa il 35% dei pazienti con ipotiroidismo e sono acuti, doloranti, di natura prolungata. Per i pazienti con ipotiroidismo sullo sfondo della malattia coronarica, il dolore compressivo a breve termine dietro lo sterno è più tipico dell'angina. Tuttavia, va notato che con una diminuzione della funzione tiroidea, il numero di attacchi ischemici può diminuire, il che è associato a una diminuzione della domanda di ossigeno del miocardio.

Dei disturbi del ritmo cardiaco per l'ipotiroidismo, la bradicardia è più caratteristica: si verifica nel 30-60% dei pazienti. Tuttavia, l'ipotiroidismo sviluppato sullo sfondo di malattie coronariche e cardiosclerosi può essere accompagnato da tachicardia (10% dei pazienti), extrasistole sopraventricolare o ventricolare (24% dei pazienti) e persino fibrillazione atriale. Tali disturbi del ritmo cardiaco atipici per l'ipotiroidismo sono la causa della diagnosi prematura di questa condizione.

L'edema con ipotiroidismo e malattia coronarica può essere localizzato sia sul viso e sulle gambe, sia su caviglie e piedi. La dispnea è anche più caratteristica per i pazienti con patologia combinata..

Con l'ipotiroidismo, lo spettro dei lipidi nel sangue cambia: appare l'ipercolesterolemia, aumenta l'LDL, diminuisce l'HDL e si osserva l'ipertrigliceridemia. La dislipidemia, insieme ad un aumento della pressione sanguigna, è un fattore di rischio per lo sviluppo di IHD. Tuttavia, l'ipotiroidismo diventerà un fattore di rischio indiretto per lo sviluppo della IHD solo negli anziani e nei pazienti con sclerosi coronarica, l'ipotiroidismo non compensato aggrava il decorso della malattia..

In assenza di trattamento, l'ipotiroidismo prolungato può causare versamento pericardico, che può essere rilevato da studi ECHO-KG, radiografia ed ECG.

Quando si diagnostica l'ipotiroidismo in pazienti con malattia coronarica, sorge una domanda legittima sulla compensazione della funzione tiroidea. Nella maggior parte dei casi, i pazienti con ipotiroidismo necessitano di una terapia sostitutiva permanente con preparazioni di ormoni tiroidei. Tuttavia, va sempre ricordato che il rapido recupero dell'eutiroidismo è accompagnato da un aumento dell'anabolismo, un aumento della domanda di ossigeno del miocardio e più a lungo il paziente soffre di ipotiroidismo non compensato, maggiore è la sensibilità del miocardio ai farmaci tiroidei. Ciò è particolarmente vero per i pazienti anziani. Quando si esegue una terapia sostitutiva per l'ipotiroidismo in pazienti con malattia coronarica, sono possibili le seguenti complicanze cardiovascolari:

  • esacerbazione dell'ischemia miocardica: un aumento degli attacchi di angina, la transizione dell'angina stabile a instabile;
  • infarto miocardico;
  • gravi disturbi del ritmo;
  • morte improvvisa.

Tuttavia, una possibile esacerbazione dell'ischemia miocardica non può essere una ragione per rifiutare la terapia sostitutiva con preparazioni di ormoni tiroidei..

Sulla base di quanto precede, il nostro compito è la correzione ottimale dell'ipotiroidismo sullo sfondo di una costante terapia cardiaca adeguata.

Nel trattamento di pazienti con ipotiroidismo e patologia cardiaca, occorre prestare molta attenzione. Nei pazienti di età superiore ai 50 anni con ipotiroidismo che non hanno mai avuto un esame cardiaco prima, è necessario escludere la malattia coronarica o un fattore di rischio per la malattia coronarica. Il farmaco di scelta nel trattamento dell'ipotiroidismo nei pazienti con malattia coronarica è la tiroxina. La dose iniziale di questo farmaco non deve superare i 12,5-25 mcg al giorno e aumentare la dose di tiroxina di 12,5-25 mcg al giorno ad intervalli di 4-6 settimane (a condizione che la dose sia ben tollerata e non vi siano dinamiche ECG negative). Se ci sono segni clinici ed elettrocardiografici di un peggioramento della circolazione coronarica, si dovrebbe tornare alla dose iniziale di tiroxina e allungare il periodo di adattamento, nonché regolare la terapia cardiaca.

In media, per compensare l'ipotiroidismo in pazienti senza patologia cardiovascolare, è necessario prescrivere la tiroxina a una dose di 1,6 μg per 1 kg di peso corporeo al giorno, tuttavia, per i pazienti con malattia coronarica, la dose errata di tiroxina, che consente di ripristinare completamente i normali livelli di T4, può essere riconosciuta e TSH nel siero e uno che mitiga i sintomi dell'ipotiroidismo senza peggiorare le condizioni del cuore.

Il trattamento con tiroxina in pazienti con ipotiroidismo e cardiopatia coronarica deve sempre essere eseguito sullo sfondo di una terapia cardiaca adeguatamente selezionata: è preferibile combinare la terapia con tiroxina con il trattamento combinato della malattia coronarica con β-bloccanti selettivi, antagonisti del calcio prolungati e citoprotettori, se necessario, con diuretici e nitrati.

La combinazione di tiroxina e beta-bloccanti (o prolungati antagonisti del calcio) riduce la reattività del sistema cardiovascolare alla terapia tiroidea e accorcia i tempi di adattamento dei pazienti alla tiroxina [3]. Allo stato attuale, il "gold standard" nel trattamento della malattia coronarica è la terapia preduttale [4], che può ridurre in modo efficace e affidabile il numero e la durata degli attacchi di ischemia miocardica, anche durante il trattamento con farmaci tiroidei.

Nel trattamento dei glicosidi cardiaci (in caso di fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca), va ricordato che gli ormoni tiroidei aumentano la sensibilità del muscolo cardiaco ai glicosidi e, di conseguenza, il rischio di sovradosaggio di glicosidi cardiaci. Pertanto, tale trattamento combinato deve essere effettuato sotto il controllo settimanale dell'ECG..

Forse una terapia sostitutiva adeguata per i pazienti con ipotiroidismo e cardiopatia coronarica dovrebbe essere selezionata solo in un ospedale multidisciplinare (endocrinologia, cardiologia e rianimazione cardiaca sono obbligatori), specialmente nelle forme gravi di cardiopatia coronarica (angina instabile, gravi classi funzionali di angina pectoris stabile, recente infarto miocardico, fibrillazione atriale extrasistole di alte gradazioni, NK più di 2 fc).

Sullo sfondo della terapia sostitutiva già selezionata per l'ipotiroidismo, è necessario un monitoraggio costante da parte di un endocrinologo e cardiologo con un monitoraggio dinamico non solo dei livelli di TSH, ma anche dello stato del sistema cardiovascolare (monitoraggio ECG, ECHO-KG, Holter ECG) una volta ogni 2-3 mesi.

Tuttavia, per una determinata categoria di pazienti con ipotiroidismo e malattia coronarica, è impossibile scegliere un'adeguata terapia sostitutiva anche se si osservano le regole di cui sopra, poiché il trattamento con tiroxina anche a piccole dosi acuisce notevolmente l'ischemia miocardica. La causa può essere una grave stenosi delle arterie coronarie. Pertanto, in tali casi, il paziente deve sottoporsi a angiografia coronarica selettiva e, se la diagnosi è confermata, viene indicato l'innesto di bypass dell'arteria coronaria. L'ipotiroidismo non può essere una controindicazione al trattamento chirurgico e non causerà possibili complicazioni o morte a seguito di un intervento chirurgico [6]. Dopo un efficace trattamento chirurgico, la tiroxina viene prescritta a pazienti con terapia cardiaca..

Con un'adeguata terapia sostitutiva per l'ipotiroidismo si ottengono:

  • eliminazione persistente di manifestazioni cliniche di ipotiroidismo;
  • migliorata contrattilità miocardica;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • normalizzazione del colesterolo;
  • riassorbimento del versamento nel pericardio;
  • ripristino dei processi di ripolarizzazione su un elettrocardiogramma.

L'ipotiroidismo non trattato a lungo termine può essere complicato dallo sviluppo del coma ipotiroideo, che rappresenta una vera minaccia per la vita del paziente. Nei pazienti anziani con ipotiroidismo non diagnosticato, il coma ipotiroideo si sviluppa spontaneamente. La difficoltà nella diagnosi dell'ipotiroidismo nella vecchiaia è dovuta al fatto che le manifestazioni cliniche iniziali dell'ipotiroidismo sono prese come cambiamenti e disturbi del sistema cardiovascolare correlati all'età e le manifestazioni di un coma sono considerate complicanze vascolari.

Le manifestazioni cliniche del coma ipotiroideo comprendono ipotermia, ipoventilazione, acidosi respiratoria, iponatriemia, ipotensione, prontezza convulsiva, ipoglicemia. Di questi, il sintomo più persistente è l'ipotermia, con una diminuzione della temperatura corporea può essere significativa, a volte fino a 23 gradi.

Se si sospetta un coma ipotiroideo, il paziente deve essere ricoverato in ospedale nel reparto di terapia intensiva e iniziare immediatamente la terapia con farmaci per la tiroide e glucocorticoidi. E in questo caso, per i pazienti con malattie cardiovascolari, il farmaco di scelta sarà la tiroxina, che viene somministrata per via endovenosa o in assenza di forme di iniezione del farmaco attraverso un tubo gastrico sotto forma di compresse triturate alla dose di 250 mcg ogni 6 ore (il primo giorno), nei giorni seguenti - 50-100 mcg.

L'introduzione dei glucocorticoidi deve essere effettuata in parallelo. L'idrocortisone viene somministrato 100 mg iv una volta e quindi 50 mg iv ogni 6 ore.

Ossigenazione o trasferimento raccomandati del paziente alla ventilazione meccanica, limitazione del fluido a 1 litro al giorno e con ipoglicemia in / nell'introduzione di una soluzione di glucosio al 40%.

Al fine di correggere la pressione sanguigna durante lo sviluppo di ipotensione, la noradrenalina non deve essere utilizzata, che in combinazione con farmaci tiroidei può aumentare l'insufficienza coronarica.

Con una terapia adeguata e tempestiva, è possibile migliorare le condizioni del paziente entro la fine del primo giorno. Tuttavia, la mortalità nel coma ipotiroideo nei pazienti anziani con malattie cardiovascolari può raggiungere l'80% [1]. Pertanto, i pazienti con ipotiroidismo, specialmente quando si tratta di categorie di età più avanzata, diagnosi tempestiva e terapia sostitutiva adeguata sono fondamentali.

Pertanto, il trattamento dell'ipotiroidismo nei pazienti con malattia coronarica è un compito molto serio, responsabile e difficile che endocrinologi e cardiologi devono risolvere insieme, basandosi non solo sulla propria esperienza, ma anche sulla ricerca moderna. Solo in questo caso è possibile ottenere la compensazione dell'ipotiroidismo e evitare tutte le possibili complicanze derivanti dalla malattia stessa, nonché la sua terapia sostitutiva.

Letteratura

1. Vetshev P. S., Melnichenko G. A., Kuznetsov N. S. et al. Malattie della tiroide / Ed. I.I. Dedova. M.: JSC "Giornale medico", 1996. S. 126-128.
2. Gerasimov G. A., Petunina N. A. Malattie della ghiandola tiroidea. M.: Casa editrice della rivista "Health", 1998. S. 38.
3. Kotova G. A. Sindrome di ipotiroidismo. Malattie del sistema endocrino / Ed. I.I. Dedova. M.: Medicina, 2000.S. 277-290.
4. Lallotte A. Trimetazidina: un nuovo approccio al trattamento di pazienti con forme gravi di malattia coronarica // Cuore e metabolismo. 1999. N. 2. S. 10-13.
5. Polikar R., Burger A., ​​Scherrer U. et al. La tiroide e il cuore // Circolazione. 1993. Vol. 87. No. 5. P. 1435-1441.
6. Wienberg A. D., Brennan M. D., Gorman C. A. Esito di anestesia e chirurgia in pazienti ipotiroidei // Arch. Stagista Med. 1983. Vol. 143. P. 893-897.

L'effetto dell'ipotiroidismo e altri disturbi della tiroide sul cuore

La fisiologia del funzionamento della ghiandola tiroidea

La ghiandola tiroidea è costituita da tirociti. Hanno un numero enorme di enzimi, tra i quali spicca la tua disossididasi. Questo enzima lega gli atomi di iodio alla proteina tirosina. L'ultimo passo di questa reazione è la formazione di tiroxina e triiodotirosina. Usando l'adenilato ciclasi, le molecole di queste sostanze escono dal tessuto ghiandolare nella circolazione sistemica, dove, in combinazione con le proteine, sono distribuite in tutto il corpo.

Un'adeguata assunzione di iodio è particolarmente importante per il normale funzionamento della ghiandola tiroidea. Allo stesso tempo, la sua quantità non deve superare gli indicatori della norma, poiché ciò può portare allo sviluppo di neoplasie. D'altra parte, l'assenza di disturbi nel sistema di feedback della ghiandola tiroidea con la ghiandola pituitaria è di grande importanza. Un aumento o una diminuzione della quantità di tireotropina non solo regola l'attività della sintesi degli ormoni tiroidei, ma è anche il principale marker biochimico di molte malattie. L'effetto negativo della ghiandola tiroidea sul cuore progredisce nel tempo e può portare a scompenso della sua funzione..

Trattamento efficace dell'ipotiroidismo subclinico

Ipotiroidismo subclinico: questo è ciò che i medici chiamano la condizione quando gli ormoni tiroidei sono un po 'carenti e non ci sono praticamente sintomi. L'ipotiroidismo subclinico è difficile da diagnosticare, ma è spesso la causa di molte altre malattie..

Cause della malattia

Il leader nella frequenza dell'ipotiroidismo subclinico o latente è una forma cronica di tiroidite autoimmune. Le aree della ghiandola tiroidea danneggiate dall'infiammazione sono gradualmente cicatrici, cioè sono ricoperte da tessuto connettivo innocuo e inutile. Il resto della ghiandola tiroidea continua a formare ormoni, ma non può farcela.

Al secondo posto c'è la condizione dopo la parziale rimozione della ghiandola tiroidea o dopo la resezione completa, se una persona prende una dose insufficiente di levotiroxina. L'ipotiroidismo subclinico può anche derivare dal trattamento della malattia di Graves con thionamides o iodio radioattivo..

Tiroidite postpartum o subacuta, esposizione alle radiazioni della testa e del collo, dosi elevate e prolungate di amiodarone, sali di iodio, preparati di litio e alcuni altri farmaci sono le cause meno comuni della malattia.

A volte la ghiandola tiroidea è sottosviluppata o addirittura completamente assente. In entrambi i casi, dopo la diagnosi, il paziente prende ormoni tiroidei e se la loro dose è leggermente insufficiente, si sviluppa un ipotiroidismo subclinico..

Contrariamente alla credenza popolare, la carenza di iodio, sebbene possa causare ipotiroidismo subclinico, è ora rara. La ragione di ciò è il sale iodato. Quindi, molte salsicce, formaggi, semilavorati e altri prodotti vengono salati in fabbrica con sale iodato. Inoltre, molte persone acquistano sale con iodio senza pensarci affatto..

Come fare una diagnosi?

L'ipotiroidismo subclinico tra le donne, specialmente nella quarta decade di vita, è 9 volte più comune che negli uomini.

Di solito procede completamente asintomatico o con sintomi molto scarsi che non sono specifici, cioè possono corrispondere a molte altre malattie. Quindi, con l'ipotiroidismo subclinico, l'intelligenza, la capacità di apprendimento, la memoria, l'attenzione, il linguaggio rallenta, i movimenti rallentano, una persona diventa flemmatica, i capelli diventano opachi, le unghie si rompono... Questo elenco può essere continuato, ma devi ammettere che la descrizione è abbastanza adatta per mancanza stagionale di vitamine o solo stanchezza. È noto che con l'ipotiroidismo, il flusso sanguigno nel cervello diminuisce al 38% al di sotto del normale e ossigeno e glucosio fino al 27%. Questo non solo rallenta i processi mentali, ma provoca anche depressione. Uno su dieci che cerca aiuto per la depressione ha ipotiroidismo subclinico. Di tutte le depressioni che si verificano periodicamente in un paziente, quasi la metà sono dovute a ipotiroidismo subclinico o latente.

L'ipotiroidismo subclinico parla una combinazione di questi tre segni:

  • Assenza o sintomi non specifici.
  • Livello normale di T4 e T3 o al limite inferiore della norma.
  • Ormone stimolante la tiroide.

L'ultimo punto è il più importante, perché viene utilizzato come controllo del trattamento.

Qualunque sia la causa dell'ipotiroidismo subclinico, è la normalizzazione della concentrazione di TSH che è il criterio di cura.

Perché essere trattati?

Sembrerebbe che non ci siano sintomi, gli ormoni sono normali - quindi perché trattare? Tuttavia, lo squilibrio ormonale distrugge la sana armonia dei processi metabolici e aumenta la probabilità di una lunga lista di malattie. La mancanza di ormoni tiroidei, anche latenti, aumenta significativamente il colesterolo e quindi contribuisce allo sviluppo dell'aterosclerosi.

Inoltre, anche il livello degli ormoni tiroidei colpisce il cuore. Se in uno stato stazionario il cuore funziona perfettamente, quindi quando si dà un carico almeno un po 'più alto del solito, cessa di farcela.

Anche una piccola mancanza di ormoni tiroidei, se dura abbastanza a lungo, porta a una diminuzione della libido e persino alla sterilità. Una donna cammina dai ginecologi, cerca la causa della mancanza di figli, la fecondazione in vitro senza successo e non ha alcun sintomo di malattia latente. È necessaria un'analisi degli ormoni tiroidei per sospetta infertilità.

L'ipotiroidismo, anche subclinico, nelle donne in gravidanza può interrompere lo sviluppo del bambino. Le conseguenze più comuni nelle fasi successive sono il sottosviluppo del sistema nervoso, la demenza e problemi di udito. All'inizio della gravidanza, l'ipotiroidismo subclinico predispone all'aborto spontaneo.

Molti si lamentano che non possono perdere peso, nonostante tutti gli sforzi. Gli ormoni tiroidei hanno un effetto stimolante su quasi tutto il corpo, incluso l'accelerazione del metabolismo. E con la loro mancanza di costi energetici nel corpo sono minimi ed è davvero molto difficile per una persona perdere peso.

L'ipotiroidismo subclinico, se non trattato, può essere curato da solo e senza alcuna ragione apparente. Sfortunatamente, ci sono più casi in cui l'ipotiroidismo peggiora nel tempo..

Assegna l'ipotiroidismo postpartum, che può anche essere subclinico. Questa condizione scompare da sola e di solito non richiede trattamento, solo osservazione.

Come trattare?

L'affermazione secondo cui la mancanza di ormoni tiroidei dovrebbe essere trattata con la loro introduzione sembra logica. Quindi, dopo 3-6 mesi di trattamento con levotiroxina, il TSH viene ricontrollato. Quando il corpo non ha abbastanza ormoni tiroidei, stimola la ghiandola tiroidea con l'aiuto del TSH, che aumenta la sua attività ormonale.

  1. Il TSH è un livello normale, il che significa che la dose dell'ormone è ideale. A volte in questo caso, il medico riduce lentamente la dose dell'ormone al fine di determinare il dosaggio minimo adatto per la persona. Quindi puoi ridurre al minimo gli effetti collaterali dei farmaci.
  2. Il TSH è ancora elevato - la dose di levotiroxina deve essere aumentata, la persona ha ancora ipotiroidismo.
  3. TTG al di sotto del normale - overdose. Anche senza analisi, un medico o un paziente ben letto può suggerire un significativo sovradosaggio di levotiroxina. Ansia, irascibilità, mutevolezza dell'umore, perdita di peso, tremori nelle mani e persino destabilizzazione della malattia coronarica senza motivo apparente: tutti questi sono possibili sintomi di ipertiroidismo, cioè un eccesso di ormoni tiroidei. Se il sovradosaggio è piccolo, quindi ipertiroidismo subclinico, la cui diagnosi non può fare a meno di un'analisi del TSH.

Quest'ultima situazione è più pericolosa per le persone in età avanzata, poiché quasi il cento per cento di loro ha malattie cardiache. E la levotiroxina, come si addice a una preparazione di ormoni tiroidei, fa funzionare il cuore in modo aumentato. Un infarto può sviluppare, esacerbare o destabilizzare la malattia coronarica. "Miti", errori e "trappole" nella nomina di levotiroxina:

  • La necessità di levotiroxina sodica varia in diversi periodi dell'anno.
  • Interruzioni nella nomina del farmaco.
  • Ritiro un paio di settimane prima del previsto test del TSH.
  • Ridurre la dose di levotiroxina durante la gravidanza.

Allo stesso tempo, il paziente viene esaminato per la causa dell'ipotiroidismo e inizia a trattarlo. È importante capire che se la causa dell'ipotiroidismo non può essere eliminata e la ghiandola tiroidea non produce ancora abbastanza dei suoi ormoni, una persona dovrà prendere la levotiroxina per anni.

L'effetto degli ormoni tiroidei sul cuore

La triiodotironina è la forma più attiva di ormoni tiroidei. Se esposto al cuore, provoca i seguenti effetti biologici:

  • aumenta l'assorbimento di glucosio dal sangue da parte delle cellule d'organo;
  • stimola i processi di glicolisi;
  • migliora la lipolisi, riduce la quantità di grasso nelle cellule, ne inibisce la formazione;
  • aumenta la sensibilità del miocardio agli effetti degli ormoni surrenali - catecolamine (adrenalina, noradrenalina);
  • in piccole quantità stimola la sintesi proteica (presenza di effetto anabolico);
  • in alte concentrazioni porta alla rottura delle proteine ​​e un bilancio azotato negativo;
  • aumenta l'efficienza del miocardio con uno sforzo fisico significativo;
  • aumenta la frequenza cardiaca (frequenza cardiaca) e la pressione sanguigna (BP);
  • stimola la crescita e la proliferazione del tessuto miocardico;
  • aumenta la necessità di cellule nell'ossigeno;
  • porta ad un aumento del tasso metabolico.

Diagnosi di tachicardia ormonale

Viene effettuato tenendo conto della malattia di base. Prima di tutto, viene nominata una consultazione di un endocrinologo, che fornisce indicazioni per test specifici che aiutano a determinare il livello di determinati ormoni. Per determinare la forma di tachicardia, viene utilizzato un ECG standard, è possibile eseguire il monitoraggio Holter, che è più informativo in caso di tachicardia parossistica.

I seguenti segni di tachicardia sono visibili sull'ECG:

  • Il ritmo spesso rimane del seno.
  • QRS, o il complesso ventricolare, cambia e questo assomiglia a un blocco del piede di His o extrasistoli con localizzazione ventricolare.
  • In presenza di un complesso QRS deformato, in rari casi, l'onda P è visibile, molto spesso non è determinata.

Se il paziente presumibilmente ha una relazione ereditaria con uno squilibrio ormonale, viene eseguita l'imaging a risonanza magnetica e questo metodo di ricerca aiuta a determinare le neoplasie tumorali nel cervello e nelle ghiandole surrenali..

Cuore con tireotossicosi

È importante considerare che un aumento del livello degli ormoni tiroidei in varie malattie porta allo sviluppo di cardiomiopatia tireotossica. Appartiene al gruppo di patologie metaboliche del cuore. Questa malattia è in grado di manifestarsi solo nella fase avanzata del suo sviluppo, il che complica il suo trattamento. Studi moderni hanno dimostrato che il più delle volte si presenta nella categoria di età superiore ai 70 anni. C'è una tendenza ad aumentare lo sviluppo della cardiomiopatia negli adolescenti. I seguenti meccanismi portano alla progressione dei sintomi e al peggioramento delle condizioni generali del paziente:

  • disgregazione eccessiva di proteine ​​nelle cellule del miocardio;
  • aumento del numero di recettori della catecolamina;
  • carico aumentato stabile sul corpo;
  • sviluppo di cambiamenti distrofici;
  • sostituzione del normale tessuto miocardico con fibre connettive;
  • progressione dell'insufficienza cardiaca.

I primi segni della malattia non sono specifici ed è difficile distinguerli sullo sfondo dell'eccitazione generale del paziente e dei disturbi neurologici. Ma gradualmente il paziente è sempre più preoccupato per i seguenti sintomi:

  • vertigini frequenti;
  • febbre, sudorazione;
  • l'impossibilità di una prolungata concentrazione sul lavoro;
  • stanchezza e debolezza generale;
  • insonnia;
  • mal di testa (il più delle volte nei templi);
  • dolore dietro lo sterno di natura urgente o spinosa;
  • mancanza di respiro durante lo sforzo fisico;
  • gonfiore delle estremità, che si intensifica la sera;
  • palpitazioni e disturbi del ritmo cardiaco.

Un esame clinico di tali pazienti rivela:

  • fegato e milza ingrossati;
  • tachicardia costante (frequenza cardiaca superiore a 100 in 1 minuto);
  • labilità del polso durante varie attività fisiche;
  • un aumento delle dimensioni del cuore (specialmente a sinistra);
  • la comparsa di soffio sistolico sopra la base del cuore;
  • enfasi 2 toni sull'aorta;
  • aumento della pressione del polso (la differenza tra pressione sistolica e diastolica);
  • fibrillazione atriale;
  • extrasistole ventricolare;
  • dilatazione e assottigliamento delle pareti delle camere cardiache.

Nell'ipertiroidismo, è molto importante calmare un battito cardiaco accelerato e disattivare l'effetto eccessivo delle catecolamine su un miocardio indebolito. I beta-bloccanti sono usati per questo. Con lo sviluppo di insufficienza cardiaca, vengono prescritti anche diuretici dell'ansa..

Mezzi che colpiscono il sistema cardiovascolare

Ospiterà una biblioteca online. Sommario Menu principale. Nikiforov, E. Gusev - Categorie Ostetricia e Ginecologia Anatomia Sicurezza della vita e medicina di catastrofe Biologia Medicina interna Ematologia Igiene Istologia, Embriologia e citologia Terapia ospedaliera Chirurgia ospedaliera Scienze umanitarie Dermatovenerologia Chirurgia pediatrica Lingue straniere Malattie infettive Microbiologia e neuroscienza Generale e Neurologia Chirurgia Sanità pubblica e sanità Oncologia Oftalmologia Anatomia patologica Patofisiologia Pediatria Terapia policlinica Propedeutica delle malattie interne Propedeutica delle malattie infantili Psichiatria Psicologia e pedagogia Scienze sociali Odontoiatria Medicina legale Medicina topografica anatomia e chirurgia operativa Traumatologia e ortopedia Facoltà di medicina Fisica e medicina Facoltà di medicina Fisica e medicina Medicina e gestione della condivisione di file di librerie varie.

Ormoni. Assolutamente la stessa Wikipedia. prodotto dalle cellule del corpo e che colpisce le cellule di altre parti del corpo. " E gli ormoni sono più simili al Wi-Fi. Senza fili. Gli ormoni sono prodotti e.

Terapia popolare

Prima di tutto, con la tachicardia causata da disturbi nella tiroide, il caffè, il tè forte, il fumo, i cibi grassi, salati e piccanti dovrebbero essere abbandonati. L'alimentazione dovrebbe essere regolare, equilibrata e sana. L'eccesso di cibo deve essere escluso, poiché un tale fenomeno può provocare attacchi indesiderati. È utile includere miele, crusca, frutta e verdura naturali nella dieta. È molto importante smettere di essere nervosi e sperimentare un sovraccarico emotivo.

Metodi alternativi di trattamento possono essere utilizzati per ridurre la frequenza cardiaca. Un rimedio molto efficace è il succo di avena. Dalle parti aeree della pianta, è necessario spremere il succo e berlo mezzo bicchiere 2-3 volte al giorno. Questo rimedio è particolarmente indicato per coloro la cui tachicardia è accompagnata da pressione sanguigna regolarmente alta..

Il biancospino è un noto rimedio per il trattamento dei disturbi cardiaci. Con la tachicardia, provocata da un malfunzionamento della ghiandola tiroidea, è molto utile bere il tè con questi frutti. Inoltre, è utile aggiungere l'erba madre al tè.

Il fiordaliso blu affronta bene anche la tachicardia. In un bicchiere di acqua bollente, devi prendere un cucchiaino di fiori, insistere per un'ora, quindi filtrare e bere mezzo bicchiere più volte al giorno.

Se i test mostrano troppo sangue, in questo caso un trifoglio dolce può aiutare. Ha un effetto fluidificante del sangue. Melilot può essere combinato con altre erbe e bevuto come tè. Se bevi questo rimedio per sei mesi, la pressione si stabilizzerà e gli attacchi di tachicardia scompariranno.

Invece del tè, puoi preparare la melissa, allevia anche gli attacchi di tachicardia. Se hai il kombucha, puoi insistere non solo sul normale tè, ma anche sulle erbe medicinali. Usa heather, digitalis, motherwort, cohosh nero. Prendi tutti gli ingredienti in proporzioni uguali, versa acqua bollente e lascia insistere sulla notte. Quindi aggiungere il miele e riempire il fungo. Dopo una settimana, la bevanda salutare è pronta da bere. Bevi 100 grammi prima dei pasti.

Il miele e il limone sono spesso usati nel trattamento della tachicardia, quindi si consiglia di preparare un delizioso trattamento da una miscela di miele, mandorle e limone. Una libbra di limone e 30 mandorle pelate richiedono una libbra di miele. Tritare finemente il limone, schiacciare le noci. Mescola tutto con miele e consuma 1 cucchiaio. l 2 volte al giorno.

Informazioni introduttive

Di tutti i sistemi del corpo umano, il sistema cardiovascolare molto spesso soffre di malattie della ghiandola tiroidea (ghiandola tiroidea).
La violazione del normale funzionamento di questo organo endocrino può portare a uno squilibrio degli ormoni tiroidei, che può provocare disturbi:

  • ritmo
  • contrattilità del cuore;
  • pressione sanguigna
  • volume della gittata cardiaca;
  • resistenza vascolare periferica totale.

La presenza e la gravità di questi cambiamenti patologici dipendono dal superamento o dall'insufficienza del livello degli ormoni tiroidei nel sangue periferico.

Le patologie della ghiandola tiroidea, purtroppo, sono abbastanza comuni nella popolazione umana. Ad esempio, fino al 15% delle donne adulte soffre di varie malattie della ghiandola tiroidea. È interessante notare che gli uomini di mezza età sono meno inclini a tale sventura, ma con l'età, questo squilibrio diminuisce gradualmente fino a scomparire completamente..

I principali sintomi clinici delle patologie tiroidee in un modo o nell'altro dipendono dall'influenza dei suoi ormoni sui componenti del sistema cardiovascolare. Inoltre, i cambiamenti provocano sia un aumento che una riduzione della produzione di queste sostanze biologicamente attive.


La tireotossicosi è spesso la causa della fibrillazione atriale.

Molti cambiamenti nel lavoro del sistema cardiovascolare che si sono sviluppati sotto l'influenza di uno squilibrio degli ormoni tiroidei passano non appena la ghiandola tiroidea si normalizza..

Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno dimostrato che anche le forme subcliniche di patologie della ghiandola tiroidea possono interrompere il normale funzionamento del sistema cardiovascolare, aumentando il rischio di sviluppare gravi malattie dei suoi organi costitutivi.

Bibliografia

  1. Sacca L, Cittadini A, Fazio S. Ormone della crescita e cuore. Endocr rev. 1994; 15 (5): 555-573. doi: 10.1210 / edrv-15-5-555.
  2. Sverrisdóttir YB, Elam M, Herlitz H, Bengtsson B-Å, Johannsson G. Intensa attività nervosa simpatica negli adulti con ipopituitarismo e deficit dell'ormone della crescita non trattato. J Clin Endocrinol Metab. 1998; 83 (6): 1881-1885. doi: 10.1210 / jcem.83.6.4895.
  3. Isgaard J, Arcopinto M, Karason K, Cittadini A. GH e il sistema cardiovascolare: un aggiornamento su un argomento a cuore. Endocrino. 2014: 25-35. doi: 10.1007 / s12020-014-0327-6.
  4. Pete G, Hu Y, Walsh M, Sowers J, Dunbar JC. Il fattore di crescita simile all'insulina-I riduce la pressione sanguigna media e aumenta selettivamente il flusso sanguigno regionale nei ratti normali. Proc Soc Exp Biol Med. 1996; 213 (2): 187-192.
  5. Donath MY, Jenni R, Brunner HP, et al. Effetti cardiovascolari e metabolici del fattore di crescita insulino-simile I a riposo e durante l'esercizio fisico nell'uomo. J Clin Endocrinol Metab. 1996; 81 (11): 4089-4094. doi: 10.1210 / jcem.81.11.8923865.
  6. Tsukahara H, Gordienko D V, Tonshoff B, Gelato MC, Goligorsky MS. Dimostrazione diretta della produzione di ossido nitrico indotta dal fattore di crescita simile all'insulina da parte delle cellule endoteliali. Rene int. 1994; 45 (2): 598-604.
  7. Haylor J, Singh I, el Nahas AM. L'inibitore della sintesi di ossido nitrico previene la vasodilatazione dal fattore di crescita insulino-simile I. Rene Int. 1991; 39 (2): 333-335.
  8. Standley PR, Zhang F, Zayas RM, et al. Regolazione IGF-I di Na (+) - K (+) - ATPasi nella muscolatura liscia arteriosa del ratto. Am J Physiol Endocrinol Metab. 1997; 273 (1): E113-E121. https://ajpendo.physiology.org/content/273/1/E113. Accesso effettuato il 22 agosto 2020.
  9. Tivesten Å, Barlind A, Caidahl K, et al. La riduzione della pressione arteriosa indotta dall'ormone della crescita è associata all'aumento dei livelli di mRNA del canale KATP della muscolatura liscia vascolare. J Endocrinol. 2004; 183 (1): 195-202. doi: 10.1677 / joe.1.05726.
  10. Sverrisdottir YB, Elam M, Caidahl K, Soderling AS, Herlitz H, Johannsson G. L'effetto della terapia sostitutiva dell'ormone della crescita (GH) sull'iperattività del nervo simpatico negli adulti ipopituitari: un doppio cieco, controllato con placebo, crossover, a breve termine prova seguita da sostituzione a lungo termine di GH aperto negli adulti ipopituitari. J Hypertens. 2003; 21 (10): 1905-1914. doi: 10.1097 / 01.hjh.0000084757.37215.55.
  11. Rosen T, Eden S, Larson G, Wilhelmsen L, Bengtsson BA. Fattori di rischio cardiovascolare in pazienti adulti con deficit dell'ormone della crescita. Acta Endocrinol (Copenh). 1993; 129 (3): 195-200.
  12. Borson-Chazot F, Serusclat A, Kalfallah Y, et al. Diminuzione dello spessore dell'intima-media carotideo dopo un anno di trattamento con ormone della crescita (GH) negli adulti con deficit di GH. J Clin Endocrinol Metab. 1999; 84 (4): 1329-1333. doi: 10.1210 / jcem.84.4.5595.
  13. Pfeifer M, Verhovec R, Zizek B, Prezelj J, Poredos P, Clayton RN. Il trattamento con ormone della crescita (GH) inverte i primi cambiamenti aterosclerotici negli adulti con deficit di GH. J Clin Endocrinol Metab. 1999; 84 (2): 453-457. doi: 10.1210 / jcem.84.2.5456.
  14. Penney DG, Dunbar JCJ, Baylerian MS. Cardiomegalia ed emodinamica nei ratti con tumore che secerne l'ormone della crescita trapiantabile. Cardiovasc Res. 1985; 19 (5): 270-277.
  15. Mosca S, Paolillo S, Colao A, et al. Coinvolgimento cardiovascolare in pazienti affetti da acromegalia: una valutazione. Int J Cardiol. 2013; 167 (5): 1712-1718. doi: 10.1016 / j.ijcard.2012.11.11.109.
  16. Otsuki M, Kasayama S, Yamamoto H, et al. Caratterizzazione dell'aterosclerosi prematura delle arterie carotidi in pazienti acromegalici. Clin Endocrinol (Oxf). 2001; 54 (6): 791-796.
  17. Ito H, Hiroe M, Hirata Y, et al. Il fattore di crescita I insulino-simile induce l'ipertrofia con una migliore espressione dei geni specifici dei muscoli nei cardiomiociti di ratto in coltura. Circolazione. 1993; 87 (5): 1715-1721.
  18. Bruel A, Oxlund H, Nyengaard JR. L'ormone della crescita aumenta il numero totale di nuclei di miociti nel ventricolo sinistro dei ratti adulti. Ormone della crescita IGF Res. 2002; 12 (2): 106-115.
  19. Li Q, Li B, Wang X, et al. La sovraespressione del fattore di crescita 1 insulino-simile nei topi protegge dalla morte dei miociti dopo infarto, attenuando la dilatazione ventricolare, lo stress delle pareti e l'ipertrofia cardiaca. J Clin Invest. 1997; 100 (8): 1991-1999. doi: 10.1172 / JCI119730.
  20. Cuneo RC, Salomon F, Wiles CM, Hesp R, Sonksen PH. Trattamento dell'ormone della crescita negli adulti con deficit dell'ormone della crescita. II. Effetti sulle prestazioni dell'esercizio. J Appl Physiol. 1991; 70 (2): 695-700.
  21. Sacca L, Napoli R, Cittadini A. Ormone della crescita, acromegalia e insufficienza cardiaca: una complessa triangolazione. Clin Endocrinol (Oxf). 2003; 59 (6): 660-671. doi: 10.1046 / j.1365-2265.2003.01780.x.
  22. Freestone NS, Ribaric S, Mason WT. L'effetto del fattore di crescita 1 insulino-simile sulla contrattilità cardiaca dei ratti adulti. Molche Biochem. 1996; 163-164: 223-229.
  23. Stromer H, Cittadini A, Grossman JD, Douglas PS, Morgan JP. La funzione intrinseca del muscolo cardiaco, la gestione del calcio e la reattività beta -adrenergica sono compromesse nei ratti con deficit dell'ormone della crescita. Ormone della crescita IGF Res. 1999; 9 (4): 262-271. doi: 10.1054 / ghir.1999.0117.
  24. Cittadini A, Ishiguro Y, Stromer H, et al. Fattore di crescita simile all'insulina-1 ma non l'ormone della crescita aumenta la contrattilità miocardica dei mammiferi sensibilizzando il miofilamento a Ca2 + attraverso un percorso sensibile al wortmannin: studi su muscoli isolati di ratto e furetto. Circ Res. 1998; 83 (1): 50-59.
  25. Mayoux E, Ventura-Clapier R, Timsit J, Behar-Cohen F, Hoffmann C, Mercadier JJ. Le proprietà meccaniche delle fibre di pelle cardiaca di ratto sono alterate dall'ipersecrezione cronica dell'ormone della crescita. Circ Res. 1993; 72 (1): 57-64.
  26. Drake WM, Howell SJ, Monson JP, Shalet SM. Ottimizzazione della terapia gh in adulti e bambini. Endocr rev. 2001; 22 (4): 425-450. doi: 10.1210 / edrv.22.4.0438.
  27. Li L, Ren W, Li J, et al. L'aumento della proteina A plasmatica associata alla gravidanza sierica è correlato all'aumento dei fattori di rischio cardiovascolare nei pazienti adulti con deficit dell'ormone della crescita. Endocrino. 2012; 42 (2): 375-381. doi: 10.1007 / s12020-012-9697-9.
  28. Gazzaruso C, Gola M, Karamouzis I, Giubbini R, Giustina A. Rischio cardiovascolare in pazienti adulti con deficit dell'ormone della crescita (GH) e successiva sostituzione con GH - un aggiornamento. J Clin Endocrinol Metab. 2014; 99 (1): 18-29. doi: 10.1210 / jc.2013-2394.
  29. Svensson J, Bengtsson B-A, Rosen T, Oden A, malattia di Johannsson G. Maligna e morbilità cardiovascolare negli adulti ipopituitari con o senza terapia ormonale sostitutiva. J Clin Endocrinol Metab. 2004; 89 (7): 3306-3312. doi: 10.1210 / jc.2003-031601.
  30. Hartman ML, Xu R, Crowe BJ, et al. Sorveglianza di sicurezza prospettica degli adulti con deficit di GH: confronto tra pazienti trattati con GH e non trattati. J Clin Endocrinol Metab. 2013; 98 (3): 980-988. doi: 10.1210 / jc.2012-2684.
  31. Jin H, Yang R, Gillett N, Clark RG, Ko A, Paoni NF. Effetti benefici dell'ormone della crescita e del fattore di crescita simile all'insulina-1 nell'insufficienza cardiaca sperimentale nei ratti trattati con inibizione ACE cronica. J Cardiovasc Pharmacol. 1995; 26 (3): 420-425.
  32. Perrot A, Ranke MB, Dietz R, Osterziel KJ. Trattamento dell'ormone della crescita nella cardiomiopatia dilatativa. J Card Surg. 2001; 16 (2): 127-131.

33. Cittadini A, Saldamarco L, Marra AM, et al. Carenza di ormone della crescita in pazienti con insufficienza cardiaca cronica ed effetti benefici della sua correzione. J Clin Endocrinol Metab. 2009; 94 (9): 3329-3336. doi: 10.1210 / jc.2009-0533.

Quanto costa una cura per la tiroide?

Quando si tratta di prevenzione delle malattie, il medico di solito parla di una corretta alimentazione, esercizio fisico e controlli medici regolari..

Ma per prevenire la malattia della tiroide, basta cucinare tutto il cibo con sale iodato.

Secondo le statistiche del Ministero della Salute, oltre il 2% dei russi soffre di malattie alla tiroide - quasi 3 milioni di persone. Tutte queste malattie sono croniche. Nella maggior parte dei casi, la medicina non sa ancora come trattarli, può solo compensare.

Sono un endocrinologo. In questo articolo ti dirò quali malattie sono causate da disturbi della tiroide, come vengono trattate e quanto costa..

Quali sono le malattie della tiroide?

La ghiandola tiroidea è un organo che prende lo iodio dal sangue e lo trasforma in ormoni. Sono chiamati contenenti iodio. Come altri ormoni, regolano il metabolismo nel corpo. Prima di tutto, influenzano il ritmo del cuore e il funzionamento del sistema nervoso..

Mentre una quantità normale di iodio è nel sangue di una persona, la ghiandola tiroidea funziona normalmente. Ma se diventa piccolo, compensa il deficit. Per questo, il ferro aumenta: elabora più sangue, cattura più iodio e produce più ormoni. A volte il cambiamento è visibile dal lato: un gonfiore simile al gozzo di uccello appare sul collo, a causa del quale la malattia ha preso il nome.

iodio giornaliero per un adulto

Meno iodio nel sangue, più intensamente il ferro aumenta per fornirci la giusta quantità dei suoi ormoni. Ma qualsiasi compensazione ha un limite.

Se si avvia il processo, dopo qualche tempo nella ghiandola tiroidea compaiono formazioni extra - nodi. Sono costituiti da cellule ghiandolari, motivo per cui catturano anche iodio e producono ormoni. Ma la ghiandola tiroidea non regola la loro attività, quindi dopo un po 'le cellule iniziano a produrre troppi ormoni. C'è una condizione che i medici chiamano tireotossicosi.

Con la tireotossicosi, una persona diventa nervosa, suda molto, perde rapidamente peso, ha un battito cardiaco più veloce e mancanza di respiro anche con uno sforzo minore. Se la tireotossicosi non viene trattata, vi sarà il rischio di fibrillazione atriale e arresto cardiaco.

Con il gozzo in esecuzione, è possibile un altro scenario. A volte le cellule della ghiandola nei nodi perdono la loro capacità di catturare lo iodio dal sangue e produrre ormoni. Quindi, al contrario, diventano troppo pochi. I medici chiamano questa malattia ipotiroidismo..

Con l'ipotiroidismo, una persona sente debolezza, sonnolenza, gonfiore appare in lui, il suo pensiero peggiora, il linguaggio rallenta. Aumenta di peso, non tollera il freddo, la sua pressione diminuisce, la pelle si secca, si verifica costipazione. La malattia è particolarmente pericolosa per le donne in gravidanza. L'ipotiroidismo avanzato porta al coma.

La ghiandola tiroidea si trova nella parte anteriore del collo ed è a forma di farfalla. Fonte: Sebastian Kaulitzki / Shutterstock

Prevenzione

I problemi alla tiroide si verificano spesso a causa della mancanza di iodio nel corpo. Pertanto, il modo più semplice per prevenirli è consumare abbastanza oligoelementi. Un adulto ha bisogno di 150 microgrammi al giorno, i bambini dai 2 ai 6 anni hanno bisogno di 90 microgrammi e le donne in gravidanza e in allattamento hanno bisogno di almeno 200 microgrammi.

Ci sono due problemi con lo iodio. Nella maggior parte delle regioni della Russia non è abbastanza. Più lontano dal mare, meno iodio nell'aria, nell'acqua e, soprattutto, nei prodotti.

Un altro problema è che non si accumula nel corpo, ma viene escreto quando visitiamo il bagno. Pertanto, per la prevenzione delle malattie della tiroide, è necessario assicurarsi che lo iodio entri nel corpo ogni giorno.

Dal 1956, in URSS, lo iodio iniziò ad essere aggiunto al sale da tavola senza fallo. Dopo 10 anni, l'incidenza della malattia della tiroide è stata drasticamente ridotta. Ho persino dovuto chiudere i dispensari specializzati per l'ansia - ce n'erano alcuni.

Ma la iodizzazione del sale aumenta il suo costo, anche se non di molto: non più del 10%. Pertanto, negli anni '90, quando non dipendeva dallo iodio, molte industrie smisero di farlo - e l'incidenza della ghiandola tiroidea iniziò ad aumentare drasticamente. Ora stanno prendendo in considerazione un nuovo progetto di legge sulla iodizzazione obbligatoria dei prodotti, ma non è ancora stato adottato..

Tachicardia per il trattamento dell'ipotiroidismo - Trattamento dell'ipertensione

Si discute se la tachicardia e la tiroide sono correlate, perché svolgono funzioni eterogenee. La pratica medica mostra che questa combinazione di sintomi si trova spesso nelle persone in età adulta. Molti, avendo notato la tachicardia in sé, citano nervosismo e sentimenti e non sanno che la ghiandola tiroidea influenza lo stato di tutto l'organismo e, in particolare, il cuore.

Bradicardia tiroidea

A volte una minaccia per la salute del cuore non è visibile a prima vista. Ad esempio, la malattia della tiroide. Molte persone vivono senza nemmeno sospettare la loro presenza. Possono condurre uno stile di vita sano, persino praticare sport - e chiedersi da dove provengono i problemi cardiaci? MedAboutMe studia come la carenza e l'eccesso di ormoni tiroidei influenzino il cuore.

La ghiandola tiroidea è il più grande organo endocrino nell'uomo. Produce due ormoni principali chiamati ormoni tiroidei:

T3 e T4 sono tra i principali regolatori del metabolismo. Sono coinvolti in molti processi legati allo stoccaggio e alla spesa di energia. La carenza di ormoni tiroidei si manifesta sotto forma di affaticamento cronico, aumento della fatica. E viceversa: l'eccessiva produzione di questi ormoni attiva il metabolismo, rende una persona eccessivamente eccitabile.

I medici americani ritengono che il 12% della popolazione abbia bassi livelli di ormoni tiroidei (ipotiroidismo). Ma la maggior parte di queste persone non va dai medici perché non sono consapevoli del loro problema. Le condizioni al limite tra normale e ipotiroidismo non cambiano la qualità della vita del paziente così tanto che pensa alle vere cause della sua stanchezza cronica, costante sensazione di freddo, attenzione distratta, ecc. Ci sono spesso casi in cui i pazienti iniziano persino a sottoporsi a trattamenti per la depressione e assumono i farmaci appropriati, sebbene, in realtà, dovessero consultare un endocrinologo. L'ipotiroidismo si verifica 20 volte più spesso dell'ipertiroidismo - un aumento del livello degli ormoni tiroidei. Molto spesso, le donne soffrono di ipotiroidismo..

Senza entrare nella complessità del calcolo del contenuto degli ormoni tiroidei nel sangue, chiariamo che per ciascuno di essi esiste un certo intervallo. Nel mezzo - indicatori ideali, sui lati - i limiti superiore e inferiore della norma, quando il livello di ormoni è superiore o inferiore alla media, ma non è ancora un indicatore della malattia.

Nel 2012 è stata pubblicata la prova che l'ipertiroidismo aumenta significativamente il rischio di sviluppare la fibrillazione atriale, una condizione piuttosto pericolosa in cui il ritmo cardiaco diventa caotico e può raggiungere 300-700 battiti / min. Si è scoperto che anche uno spostamento del livello di produzione dell'ormone tiroideo al limite superiore della norma aumenta il rischio di aritmia del 12%, ma con ipertiroidismo questo indicatore aumenta al 30%.

Nell'autunno di quest'anno sono stati pubblicati i risultati di uno studio, secondo il quale un aumento del livello degli ormoni tiroidei aumenta la probabilità di arresto cardiaco improvviso. Inoltre, questa dipendenza rimane, anche se il livello degli ormoni non supera il limite superiore della norma: non critico, ma un aumento del livello degli ormoni tiroidei aumenta il rischio di morte di una persona di 2,5 volte, rispetto alle persone i cui indicatori sono più vicini al limite inferiore. Inoltre, la probabilità di morte improvvisa per insufficienza cardiaca nei prossimi 10 anni è anche 4 volte superiore nelle persone con livelli elevati di ormoni tiroidei. Le cifre stesse non sono così critiche: il 4% dei casi di arresto cardiaco improvviso contro l'1% nelle persone con tassi più bassi, ma la tendenza è allarmante.

Sintomi del diabete

Una caratteristica del diabete è il fatto che i suoi sintomi spesso non compaiono immediatamente. La malattia può essere nel corpo di una persona malata in uno stato cosiddetto "dormiente" per molto tempo, senza tradire in alcun modo la sua presenza. Spesso una persona viene a conoscenza della sua malattia completamente inaspettatamente, quando si contatta un medico per qualsiasi altra malattia. Ad esempio, una persona contatterà un oculista che, dopo aver esaminato il fondo, potrebbe sospettare la presenza di diabete in un paziente.

La medicina moderna conosce due tipi di diabete mellito, i cui sintomi e manifestazioni possono anche variare. Tuttavia, dato che la malattia è sempre la stessa, ci sono molti sintomi comuni. I segni del diabete hanno i seguenti:

Di norma, una sensazione di sete costante si verifica in tutti i casi di diabete. Molto spesso, questo sintomo appare uno dei primi. Tuttavia, non dimenticare che la sete può essere causata da una serie di altre malattie, quindi il medico non si concentrerà su questo sintomo durante la diagnosi..

Per entrambe le forme di diabete, è caratteristico un sintomo come la minzione frequente. Tuttavia, è di nuovo necessario ricordare che la minzione frequente può segnalare altre malattie, ad esempio un malfunzionamento del sistema urinario.

Se una persona vuole costantemente mangiare, ma il suo peso diminuisce senza motivo, ha anche senso essere vigili e sottoporsi a un esame per rilevare la presenza di diabete.

La comparsa di sindrome da stanchezza cronica, sonnolenza - tutti questi sintomi accompagnano un numero enorme di varie malattie. E il diabete non fa eccezione a questa regola..

Molte persone con diabete lamentano fenomeni come la comparsa di un'immagine sfocata, un “velo” bianco davanti ai loro occhi.

Negli uomini - il verificarsi di problemi con la vita sessuale - peggioramento o completa scomparsa di un'erezione. A proposito, i segni del diabete nelle donne includono il fenomeno dell'eccessiva secchezza delle mucose vaginali.

Una sensazione di intorpidimento e formicolio nelle mani e nei piedi di una persona malata, la comparsa di crampi nei muscoli del polpaccio - questa è un'occasione per fare un esame del sangue per determinare il livello di zucchero.

Qualsiasi danno alla pelle, anche un semplice graffio, guarisce estremamente ed estremamente a lungo. Spesso ci sono ferite piangenti e persino ulcere.

Di norma, nelle persone con diabete, la temperatura corporea è abbassata e varia da 35, 5 a 36 gradi.

La gravità di un particolare sintomo dipende dalle caratteristiche individuali del corpo di ogni singolo malato. Qualcuno ha tutti i suddetti sintomi ed espressi abbastanza chiaramente. E in alcune persone, quasi tutti i sintomi sono molto sfocati o addirittura completamente assenti. Oltre alle caratteristiche individuali del corpo, lo stadio della malattia influisce anche sulla gravità dei sintomi del diabete mellito: più grave è la normale secrezione di insulina, più forti sono i sintomi.

Ipotiroidismo e bradicardia

Un sintomo notevole della disfunzione tiroidea è la bradicardia nell'ipotiroidismo. Le sostanze ormonali prodotte da questo organo influiscono direttamente sul miocardio. La tiroxina (T4) e la triiodotironina (T3) stimolano la produzione di impulsi da parte dei cardiomiociti e contribuiscono al loro ulteriore movimento lungo il sistema di conduzione del cuore. Un cambiamento nel ritmo cardiaco con una persistente mancanza di ormoni tiroidei viene diagnosticato da un'anamnesi competente che prende e ottiene i dati dell'esame di laboratorio e strumentale.

In casi gravi di ipotiroidismo con scompenso, il paziente sviluppa coma ipotiroideo. Questa emergenza richiede un trattamento nel reparto di terapia intensiva..

La relazione tra frequenza cardiaca e deficit ormonale

La bradicardia è una diminuzione della frequenza cardiaca a 60 battiti al secondo. e sotto. L'ipotiroidismo è una ridotta funzione tiroidea con produzione insufficiente degli ormoni T3 e T4. Una diminuzione della loro produzione influenza direttamente il sistema di circolazione sanguigna. Queste sostanze biologicamente attive agiscono sul muscolo cardiaco, stimolando la produzione di un impulso elettrico e il suo passaggio attraverso il miocardio. Pertanto, una violazione della concentrazione di tiroxina e triiodotironina nel sangue provoca un rallentamento della frequenza cardiaca e una diminuzione del volume del sangue che entra nella circolazione generale. Spesso, la bradicardia con ipotiroidismo si verifica in pazienti che vivono in regioni con una ridotta concentrazione di iodio nell'acqua. Tali aree sono chiamate endemiche. Tra i residenti, i medici diagnosticano costantemente i disturbi del sistema cardiovascolare nella direzione della riduzione del ritmo sinusale.

Infermieristica nel diabete e nella gestione dei pazienti

Il diabete mellito è una delle malattie croniche più comuni al mondo..

La più grande minaccia per l'umanità è, prima di tutto, le successive complicazioni di questa malattia, che influenzano in modo significativo la qualità della vita di molti membri della popolazione. Il diabete non può essere completamente rimosso, ma può essere trattato e, se vengono seguite alcune misure di regime, c'è speranza per una vita piena.

Molte persone spesso non si rendono conto che sottovalutare il loro stato di salute può causare una serie di gravi complicazioni che il diabete può causare; I casi in cui i pazienti vengono dal medico proprio dopo la manifestazione di queste complicanze non fanno eccezione. Un esempio terrificante sono molte statistiche documentate, da cui è possibile verificare l'ampiezza dell'aspetto di questa malattia apparentemente invisibile, ma molto significativa. Il diabete è a livello di malattie cardiovascolari e oncologiche.

Cause di bradicardia nell'ipotiroidismo

Con una diminuzione della produzione di ormoni tiroidei, il paziente ha un quadro clinico caratteristico di una diminuzione della frequenza cardiaca. Le ragioni di questa condizione sono:

La patologia può svilupparsi quando l'impulso del muscolo elettrico viene condotto lentamente dal muscolo cardiaco..

  • La reazione della circolazione periferica alla caduta degli ormoni nel sangue. Con la terapia sostitutiva competente con tiroxina e triiodotironina, l'eutiroidismo viene ripristinato e la frequenza cardiaca torna alla normalità.
  • Aumento della resistenza dei vasi periferici. Allo stesso tempo, il segmento diastolico del letto arterioso cresce. Un ruolo importante in questa catena patogenetica è svolto dagli ormoni prodotti dai reni..
  • Generazione di impulsi lenti da parte di cellule pacemaker del miocardio.
  • Una diminuzione delle sostanze ematiche che contribuiscono all'espansione dei vasi sanguigni. Sono sostituiti da vasodilatatori. Rilassano i muscoli lisci dei vasi sanguigni, riducendo la pressione e aumentando l'afflusso di sangue agli organi.
  • Rallentando il passaggio di un impulso elettrico attraverso il sistema di conduzione del cuore.

Torna al sommario

Coma ipotiroideo

Con un forte calo dei livelli ematici di tiroxina e triiodotironina o quando il corpo raggiunge lo stadio di scompenso, nel caso di una cronica mancanza di questi ormoni, si verifica un coma. Si manifesta in un quadro vivido della malattia, costituito da sintomi caratteristici. Questa grave complicanza minaccia la vita del paziente. Pertanto, il trattamento del coma ipotiroideo viene effettuato nell'unità di terapia intensiva e terapia intensiva. È importante riconoscere tempestivamente l'insorgenza dell'insorgenza di una condizione patologica. I pazienti manifestano i seguenti sintomi:

In questa condizione, la temperatura della persona è ridotta.

  • Confusione e disorientamento. Il paziente è più spesso sonnolento, si muove lentamente, parla lentamente e non è in grado di rispondere alle domande di base.
  • Un calo della temperatura corporea. In questo caso, la pelle si raffredda e appare un sudore freddo e appiccicoso.
  • bradicardia Una diminuzione della frequenza cardiaca si verifica a causa dell'eliminazione dell'effetto stimolante degli ormoni tiroidei.
  • Perdita di conoscenza. Si verifica a causa della vasodilatazione e dell'incapacità di ricevere abbastanza sangue al cervello.
  • Insufficienza respiratoria Una sensazione di mancanza d'aria appare a causa di un tentativo da parte dei polmoni di compensare una bassa frequenza cardiaca.
  • Insufficienza renale. Si verifica a causa di un forte calo della pressione e dell'insorgenza dell'ischemia renale.

Ipertensione endocrina: feocromocitoma, iperaldosteronismo, sindrome di Cushing

Nell'articolo di oggi, discuteremo dei problemi relativi alle cause endocrine dell'ipertensione, cioè l'aumento della pressione sanguigna a causa dell'eccessiva produzione di un ormone.

  1. Innanzitutto, elenchiamo gli ormoni che possono causare problemi e scoprirai quale ruolo svolgono nel corpo quando tutto è normale..
  2. Quindi parleremo di malattie specifiche che sono nell'elenco delle cause endocrine dell'ipertensione.
  3. E, soprattutto, forniremo informazioni dettagliate sui metodi del loro trattamento..

Ho fatto del mio meglio per spiegare problemi medici complessi in termini semplici. Spero di riuscirci più o meno. Le informazioni su anatomia e fisiologia nell'articolo sono presentate in modo molto semplificato, non sufficientemente dettagliato per i professionisti, ma giusto per i pazienti.

Feocromocitoma, aldosteronismo primario, sindrome di Cushing, problemi alla tiroide e altre malattie endocrine sono la causa dell'ipertensione in circa l'1% dei pazienti. Si tratta di decine di migliaia di pazienti di lingua russa che possono essere completamente guariti o almeno alleviare l'ipertensione se i medici più sensibili li affrontano..

La ghiandola pituitaria (sinonimo: ghiandola pituitaria) è una ghiandola di forma arrotondata situata sulla superficie inferiore del cervello. La ghiandola pituitaria produce ormoni che influenzano il metabolismo e, in particolare, la crescita. Se la ghiandola pituitaria è colpita da un tumore, ciò provoca un aumento della produzione di alcuni ormoni al suo interno, e quindi "lungo la catena" nelle ghiandole surrenali, che controlla. Un tumore ipofisario è spesso una causa endocrinologica dell'ipertensione. Leggi i dettagli di seguito..

Ghiandole surrenali - ghiandole che producono vari ormoni, tra cui catecolamine (adrenalina, noradrenalina e dopamina), aldosterone e cortisolo. Queste ghiandole nell'uomo sono 2 pezzi. Si trovano, come si può immaginare, in cima ai reni.

Se un tumore si sviluppa in una o entrambe le ghiandole surrenali, provoca l'eccessiva produzione di un ormone, che a sua volta provoca ipertensione. Inoltre, tale ipertensione è generalmente stabile, maligna e non può essere trattata con compresse. La produzione di alcuni ormoni nelle ghiandole surrenali è controllata dalla ghiandola pituitaria. Pertanto, non appaiono una ma due potenziali fonti di problemi con questi ormoni: malattie della ghiandola surrenale e dell'ipofisi.

L'ipertensione può causare un'eccessiva produzione dei seguenti ormoni nelle ghiandole surrenali:

  • Catecolamine - adrenalina, noradrenalina e dopamina. La loro produzione è controllata dall'ormone adrenocorticotropo (ACTH, corticotropina), che viene prodotto nella ghiandola pituitaria..
  • Aldosterone - si forma nella zona glomerulare della corteccia surrenale. Causa un ritardo nel sale e nell'acqua nel corpo, migliora anche l'escrezione di potassio. Aumenta il volume del sangue circolante e la pressione sanguigna sistemica. Se l'aldosterone è un problema, si sviluppano edema, ipertensione, talvolta insufficienza cardiaca congestizia e debolezza dovuta a bassi livelli di potassio nel sangue.
  • Il cortisolo è un ormone che ha un effetto sfaccettato sul metabolismo, preservando le risorse energetiche del corpo. Sintetizzato nello strato esterno (corteccia) della ghiandola surrenale.

La produzione di catecolamine e cortisolo avviene nelle ghiandole surrenali sotto il controllo dell'ipofisi. La ghiandola pituitaria non controlla la produzione di aldosterone.

L'adrenalina è un ormone della paura. Il suo rilascio si verifica con qualsiasi forte eccitazione o forte sforzo fisico. L'adrenalina satura il sangue di glucosio e grassi, aumenta l'assorbimento dello zucchero dal sangue da parte delle cellule, provoca un restringimento dei vasi degli organi addominali, della pelle e delle mucose.

  • Il modo migliore per curare l'ipertensione (veloce, facile, buono per la salute, senza i farmaci "chimici" e gli integratori alimentari)
  • L'ipertensione è un modo popolare per riprendersi dalle fasi 1 e 2
  • Cause di ipertensione e come eliminarle. Test di ipertensione
  • Trattamento efficace dell'ipertensione senza farmaci

La noradrenalina è un ormone della rabbia. Come risultato del suo rilascio nel sangue, una persona diventa aggressiva, la forza muscolare aumenta in modo significativo. La secrezione di noradrenalina aumenta con stress, sanguinamento, duro lavoro fisico e altre situazioni che richiedono una rapida ristrutturazione del corpo. La noradrenalina ha un forte effetto vasocostrittore e svolge un ruolo chiave nella regolazione della velocità e del volume del flusso sanguigno..

La dopamina provoca un aumento della gittata cardiaca e migliora il flusso sanguigno. La noradrenalina è prodotta dalla dopamina sotto l'azione degli enzimi e da essa è già l'adrenalina, che è il prodotto finale della biosintesi della catecolamina.

Quindi, abbiamo risolto un po 'gli ormoni, ora elencheremo direttamente le cause endocrine dell'ipertensione:

  1. Il feocromocitoma è un tumore della ghiandola surrenale che provoca una maggiore produzione di catecolamine. Nel 15% dei casi succede non nelle ghiandole surrenali, ma nella cavità addominale o nel torace.
  2. L'iperaldosteronismo primario è un tumore in una o entrambe le ghiandole surrenali che produce troppo aldosterone.
  3. La sindrome di Itsenko-Cushing, nota anche come ipercorticismo, è una malattia in cui viene prodotto troppo cortisolo. Nel 65-80% dei casi è dovuto a problemi con la ghiandola pituitaria, nel 20-35% dei casi a causa di un tumore in una o entrambe le ghiandole surrenali.
  4. Acromegalia - eccesso di ormone della crescita nel corpo a causa di un tumore nella ghiandola pituitaria.
  5. L'iperparatiroidismo è un eccesso di ormone paratiroideo (ormone paratiroideo), prodotto dalle ghiandole paratiroidee. Da non confondere con la ghiandola tiroidea! L'ormone paratiroideo aumenta la concentrazione di calcio nel sangue a causa della lisciviazione di questo minerale dalle ossa.
  6. Iper- e ipotiroidismo: aumento o diminuzione dei livelli di ormoni tiroidei.

Se non trattate le malattie elencate, ma date semplicemente al paziente pillole per l'ipertensione, di solito ciò non consente di ridurre sufficientemente la pressione. Per riportare la pressione alla normalità, per evitare infarto e ictus, è necessario partecipare al trattamento di un team di medici competenti - non solo un endocrinologo, ma anche un cardiologo e un chirurgo con le mani d'oro.

La buona notizia: negli ultimi 20 anni, le possibilità di trattamento dell'ipertensione indotta da endocrino si sono notevolmente ampliate. La chirurgia è diventata molto più sicura ed efficace. In alcune situazioni, un intervento chirurgico tempestivo consente di normalizzare la pressione in modo da poter annullare l'uso costante di pillole per l'ipertensione.

Il problema è che tutte le malattie sopra elencate sono rare e complesse. Pertanto, non è facile per i pazienti trovare medici in grado di trattarli con coscienza e competenza. Se sospetti di avere l'ipertensione a causa di una causa endocrina, tieni presente che probabilmente l'endocrinologo in servizio presso la clinica proverà a prenderti a calci.

Di seguito sono riportate informazioni dettagliate che ti aiuteranno a comprendere il corso del trattamento: perché hai bisogno di questo o quell'evento, prescrivi farmaci, come prepararti per un intervento chirurgico, ecc. Nota che oggi non sono stati condotti importanti studi seri tra i pazienti con ipertensione endocrina, che soddisferebbe i criteri per la medicina basata sull'evidenza.

Diagnosi e terapia

Il metodo diagnostico primario per l'ipotiroidismo è di intervistare un paziente. Un medico generico scopre se ci sono stati attacchi di bradicardia in precedenza. Se una frequenza cardiaca ridotta è caratteristica del paziente per tutta la vita, una nota al riguardo dovrebbe essere inclusa nella cartella clinica. Molta attenzione è rivolta agli indicatori di laboratorio. La concentrazione nel sangue di tiroxina e triiodotironina diminuisce drasticamente con la bradicardia ipotiroidea. Viene eseguito un esame ecografico della ghiandola tiroidea. Sul monitor si nota la presenza di noduli, aree di degenerazione, aumento dell'ecogenicità. La terapia sostitutiva è usata per trattare la bradicardia nel complesso sintomatico generale dell'ipotiroidismo. Gli ormoni ricombinanti vengono somministrati al paziente. La tiroxina e la triiodotironina introdotte svolgono la funzione di perdere le proprie sostanze biologicamente attive. Stimolanti cardiaci vengono anche aggiunti al regime di trattamento..

Dipendenza da danno alla tiroide e aritmia

Università medica statale di Saratov. IN E. Razumovsky (SSMU, media)

Livello di istruzione - Specialista

1990 - Ryazan Medical Institute prende il nome dall'accademico I.P. Pavlova

La maggior parte delle malattie che si presentano nel corpo umano sono interconnesse: in presenza di disturbi organici, ne sorgerà inevitabilmente un'altra, più grave, perché sono necessarie una diagnosi tempestiva e un trattamento adeguato delle lesioni per prevenire un ulteriore aggravamento dello stato negativo e prevenire l'insorgere di nuove malattie. Ad esempio, l'aritmia e la ghiandola tiroidea sono interconnesse attraverso il cuore - con le malattie della tiroide, si nota lo sviluppo del cosiddetto cuore ipotiroideo, in cui vi è una tendenza a lesioni quali bradicardia, fibrillazione atriale e tachicardia.

L'aritmia cardiaca, manifestata sotto forma delle patologie miocardiche elencate, ha le sue manifestazioni caratteristiche e può essere rilevata in modo tempestivo. Tuttavia, la diagnosi delle fasi iniziali di queste malattie richiede un'attenta attenzione alla salute e un monitoraggio medico regolare, che è anche importante in presenza di debolezza cardiaca, cattive abitudini e un fattore ereditario che svolge un ruolo chiave nel verificarsi di patologie cardiache..

Caratteristiche della manifestazione di aritmia nelle malattie della tiroide

Le malattie della ghiandola tiroidea sono il risultato di cambiamenti nello sfondo ormonale del corpo, perché questo particolare corpo è il "produttore" di ormoni ed è responsabile della maggior parte dei processi attuali con la loro partecipazione. La medicina moderna consente di farsi un'idea della relazione tra lesioni tiroidee e aritmie, poiché molti esperimenti pratici, studi di laboratorio su questa dipendenza possono prevenire lo sviluppo di patologie nel corpo.

Se consideriamo ciascuna lesione individualmente, possiamo capire come le manifestazioni di tutte le varietà di aritmia siano associate ai cambiamenti nello stato della ghiandola tiroidea. Tuttavia, qualsiasi manifestazione di malattie cardiache ha un impatto maggiore sulla salute proprio in presenza di deviazioni nello stato dello sfondo ormonale del corpo, poiché l'indicatore del contenuto ormonale può ridurre significativamente sia la dinamica positiva durante il trattamento sia la salute generale.

Bradicardia: le principali manifestazioni e connessione con il lavoro della ghiandola tiroidea

Quando viene rilevata la bradicardia, il cambiamento negli indicatori e la qualità dell'impulso è notevole in primo luogo: diventa più raro, debole. La morbidezza del polso comporta un cambiamento nella qualità del pompaggio del sangue attraverso il cuore, gli attacchi della malattia sono relativamente rari e possono essere associati a un trattamento insufficiente, che di solito si esprime come prendere una terapia tiroidea attiva.

La bradicardia con eventuali anomalie nel funzionamento della ghiandola tiroidea ha anche le seguenti manifestazioni caratteristiche:

  • basso bilancio metabolico dell'ossigeno;
  • gli indicatori della pressione sanguigna possono non differire in modo significativo dal normale, ma possono anche esserci segni di aumento o diminuzione;
  • la differenza nell'indice artero-venoso non è significativa sullo sfondo di un basso bilancio metabolico dell'ossigeno.

La frequenza cardiaca ridotta è caratteristica per il 35-65% dei pazienti con bradicardia identificata. Molti notano una costante letargia e debolezza, una diminuzione del grado di capacità lavorativa, il quadro in uno studio di laboratorio su campioni di sangue e urine non rivela una patologia organica significativa. La scelta del regime di trattamento viene determinata dopo un esame completo del corpo, determinando il livello di ormoni e la qualità del sistema ormonale nel suo insieme, nonché la suscettibilità di un particolare organismo al trattamento selezionato. In questo caso, il controllo del trattamento da parte di un medico è obbligatorio.

Una tale varietà di aritmie come la bradicardia, che viene rilevata nelle malattie della tiroide, attira l'attenzione anche nelle fasi iniziali dello sviluppo; tuttavia, in alcuni casi, le prime manifestazioni della malattia possono essere minori. Pertanto, il passaggio di esami preventivi consente di avere un quadro più chiaro della propria salute.

Fibrillazione atriale: i sintomi principali

Questo tipo di aritmia con lesioni alla tiroide, come la fibrillazione atriale, è considerato uno dei più pericolosi. Infatti, nel caso del rilevamento di questa malattia, la probabilità di un danno significativo ai tessuti del miocardio è elevata, il rischio di sviluppare un infarto e l'embolia aumenta con il risultato dell'assenza di un trattamento tempestivo sotto forma di esito fatale.

Con la fibrillazione atriale, si nota un disturbo nelle contrazioni cardiache senza una causa rilevabile, che può raggiungere 180-230 battiti al minuto. Ciò comporta un significativo deterioramento delle condizioni generali del paziente, una rapida usura del muscolo cardiaco. L'effetto terapeutico può essere prescritto solo dopo un esame completo del sistema cardiaco, eseguito mediante ultrasuoni e un elettrocardiogramma del cuore, studiando i risultati degli esami del sangue di laboratorio, la sua analisi biochimica.

La fibrillazione atriale è considerata una pericolosa conseguenza dello sviluppo dell'aritmia e, sullo sfondo del danno alla tiroide, questa patologia è aggravata dall'eccessiva sensibilità del corpo ai farmaci per la tiroide. Ciò complica il processo di trattamento (scegliendo la sua opzione) e ottenendo dinamiche positive durante la sua attuazione.

Tachicardia

Il pericolo di una manifestazione come la tachicardia con una patologia identificata nella ghiandola tiroidea consiste in un aggravamento significativo delle manifestazioni dei segni caratteristici di questa malattia. Questi includono:

  • aumento della frequenza cardiaca, che con stress emotivo o fisico può raggiungere un indicatore di 95-150 battiti al minuto;
  • la comparsa di una sensazione di battito cardiaco in tutto il corpo - nel collo, negli arti, nella testa;
  • tremore del cuore;
  • aumento delle contrazioni cardiache.

Con attacchi di tachicardia in alcuni casi, viene diagnosticata una contrazione eccessivamente alta del muscolo cardiaco, che può raggiungere 450 battiti al minuto. La tachicardia, aggravata dalla presenza di disturbi nella ghiandola tiroidea, può avere una serie di conseguenze negative per il corpo. Molto spesso questo si manifesta sotto forma di indebolimento del muscolo cardiaco, comparsa di una tendenza al verificarsi di uno stato pre-infarto.

Poiché il passaggio tempestivo di una visita medica è accompagnato dall'identificazione di deviazioni anche minori sia nel lavoro del sistema cardiaco sia nello stato del background ormonale, la diagnosi tempestiva consente di iniziare sempre il trattamento necessario in tempo e mantenere la salute del cuore.

Terapia popolare

Prima di tutto, con la tachicardia causata da disturbi nella tiroide, il caffè, il tè forte, il fumo, i cibi grassi, salati e piccanti dovrebbero essere abbandonati. L'alimentazione dovrebbe essere regolare, equilibrata e sana. L'eccesso di cibo deve essere escluso, poiché un tale fenomeno può provocare attacchi indesiderati. È utile includere miele, crusca, frutta e verdura naturali nella dieta. È molto importante smettere di essere nervosi e sperimentare un sovraccarico emotivo.

Metodi alternativi di trattamento possono essere utilizzati per ridurre la frequenza cardiaca. Un rimedio molto efficace è il succo di avena. Dalle parti aeree della pianta, è necessario spremere il succo e berlo mezzo bicchiere 2-3 volte al giorno. Questo rimedio è particolarmente indicato per coloro la cui tachicardia è accompagnata da pressione sanguigna regolarmente alta..

Il biancospino è un noto rimedio per il trattamento dei disturbi cardiaci. Con la tachicardia, provocata da un malfunzionamento della ghiandola tiroidea, è molto utile bere il tè con questi frutti. Inoltre, è utile aggiungere l'erba madre al tè.

Il fiordaliso blu affronta bene anche la tachicardia. In un bicchiere di acqua bollente, devi prendere un cucchiaino di fiori, insistere per un'ora, quindi filtrare e bere mezzo bicchiere più volte al giorno.

Se i test mostrano troppo sangue, in questo caso un trifoglio dolce può aiutare. Ha un effetto fluidificante del sangue. Melilot può essere combinato con altre erbe e bevuto come tè. Se bevi questo rimedio per sei mesi, la pressione si stabilizzerà e gli attacchi di tachicardia scompariranno.

Invece del tè, puoi preparare la melissa, allevia anche gli attacchi di tachicardia. Se hai il kombucha, puoi insistere non solo sul normale tè, ma anche sulle erbe medicinali. Usa heather, digitalis, motherwort, cohosh nero. Prendi tutti gli ingredienti in proporzioni uguali, versa acqua bollente e lascia insistere sulla notte. Quindi aggiungere il miele e riempire il fungo. Dopo una settimana, la bevanda salutare è pronta da bere. Bevi 100 grammi prima dei pasti.

Il miele e il limone sono spesso usati nel trattamento della tachicardia, quindi si consiglia di preparare un delizioso trattamento da una miscela di miele, mandorle e limone. Una libbra di limone e 30 mandorle pelate richiedono una libbra di miele. Tritare finemente il limone, schiacciare le noci. Mescola tutto con miele e consuma 1 cucchiaio. l 2 volte al giorno.

La fisiologia del funzionamento della ghiandola tiroidea

La ghiandola tiroidea è costituita da tirociti. Hanno un numero enorme di enzimi, tra i quali spicca la tua disossididasi. Questo enzima lega gli atomi di iodio alla proteina tirosina. L'ultimo passo di questa reazione è la formazione di tiroxina e triiodotirosina. Usando l'adenilato ciclasi, le molecole di queste sostanze escono dal tessuto ghiandolare nella circolazione sistemica, dove, in combinazione con le proteine, sono distribuite in tutto il corpo.

Un'adeguata assunzione di iodio è particolarmente importante per il normale funzionamento della ghiandola tiroidea. Allo stesso tempo, la sua quantità non deve superare gli indicatori della norma, poiché ciò può portare allo sviluppo di neoplasie. D'altra parte, l'assenza di disturbi nel sistema di feedback della ghiandola tiroidea con la ghiandola pituitaria è di grande importanza. Un aumento o una diminuzione della quantità di tireotropina non solo regola l'attività della sintesi degli ormoni tiroidei, ma è anche il principale marker biochimico di molte malattie. L'effetto negativo della ghiandola tiroidea sul cuore progredisce nel tempo e può portare a scompenso della sua funzione..

Classificazione del diabete

Secondo i criteri dell'OMS, il diabete è classificato come segue:

  1. Diabete di tipo 1 Con questo tipo di malattia, si tratta della distruzione di cellule beta basate sul processo autoimmune cellulare che si verifica in individui geneticamente predisposti. La malattia è caratterizzata da un'assenza completa o quasi completa di insulina endogena. Data la dipendenza dalla terapia insulinica per questo tipo di diabete, viene usato anche il nome "diabete mellito insulino-dipendente" (IDDM).
  2. Diabete di tipo 2 La malattia è caratterizzata da una relativa mancanza di insulina. Non vi è alcun rischio di chetoacidosi, spesso c'è una manifestazione familiare. La malattia colpisce principalmente gli adulti e le persone obese. Il paziente, di regola, non dipende dalla somministrazione di insulina, e quindi la designazione "diabete mellito non insulino-dipendente" (NIDDM) viene utilizzata anche per questo tipo, sebbene in alcune situazioni sia necessario l'uso di insulina. Questo gruppo include anche il diabete a causa della compromissione dei recettori dell'insulina..
  3. Altri tipi specifici di diabete. Si verifica una seconda volta sullo sfondo di alcuni altri disturbi, come malattie del pancreas, ghiandole surrenali o può essere causata da farmaci.
  4. Diabete gestazionale. Un disturbo diagnosticato per la prima volta durante la gravidanza.
  5. Omeostasi del glucosio interrotta al contorno:
  • un aumento della glicemia a digiuno;
  • ridotta tolleranza al glucosio.

L'effetto degli ormoni tiroidei sul cuore

La triiodotironina è la forma più attiva di ormoni tiroidei. Se esposto al cuore, provoca i seguenti effetti biologici:

  • aumenta l'assorbimento di glucosio dal sangue da parte delle cellule d'organo;
  • stimola i processi di glicolisi;
  • migliora la lipolisi, riduce la quantità di grasso nelle cellule, ne inibisce la formazione;
  • aumenta la sensibilità del miocardio agli effetti degli ormoni surrenali - catecolamine (adrenalina, noradrenalina);
  • in piccole quantità stimola la sintesi proteica (presenza di effetto anabolico);
  • in alte concentrazioni porta alla rottura delle proteine ​​e un bilancio azotato negativo;
  • aumenta l'efficienza del miocardio con uno sforzo fisico significativo;
  • aumenta la frequenza cardiaca (frequenza cardiaca) e la pressione sanguigna (BP);
  • stimola la crescita e la proliferazione del tessuto miocardico;
  • aumenta la necessità di cellule nell'ossigeno;
  • porta ad un aumento del tasso metabolico.

Informazioni introduttive

Di tutti i sistemi del corpo umano, il sistema cardiovascolare molto spesso soffre di malattie della ghiandola tiroidea (ghiandola tiroidea).
La violazione del normale funzionamento di questo organo endocrino può portare a uno squilibrio degli ormoni tiroidei, che può provocare disturbi:

  • ritmo
  • contrattilità del cuore;
  • pressione sanguigna
  • volume della gittata cardiaca;
  • resistenza vascolare periferica totale.

La presenza e la gravità di questi cambiamenti patologici dipendono dal superamento o dall'insufficienza del livello degli ormoni tiroidei nel sangue periferico.

Le patologie della ghiandola tiroidea, purtroppo, sono abbastanza comuni nella popolazione umana. Ad esempio, fino al 15% delle donne adulte soffre di varie malattie della ghiandola tiroidea. È interessante notare che gli uomini di mezza età sono meno inclini a tale sventura, ma con l'età, questo squilibrio diminuisce gradualmente fino a scomparire completamente..

I principali sintomi clinici delle patologie tiroidee in un modo o nell'altro dipendono dall'influenza dei suoi ormoni sui componenti del sistema cardiovascolare. Inoltre, i cambiamenti provocano sia un aumento che una riduzione della produzione di queste sostanze biologicamente attive.

La tireotossicosi è spesso la causa della fibrillazione atriale.

Molti cambiamenti nel lavoro del sistema cardiovascolare che si sono sviluppati sotto l'influenza di uno squilibrio degli ormoni tiroidei passano non appena la ghiandola tiroidea si normalizza..

Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno dimostrato che anche le forme subcliniche di patologie della ghiandola tiroidea possono interrompere il normale funzionamento del sistema cardiovascolare, aumentando il rischio di sviluppare gravi malattie dei suoi organi costitutivi.

Cuore con tireotossicosi

È importante considerare che un aumento del livello degli ormoni tiroidei in varie malattie porta allo sviluppo di cardiomiopatia tireotossica. Appartiene al gruppo di patologie metaboliche del cuore. Questa malattia è in grado di manifestarsi solo nella fase avanzata del suo sviluppo, il che complica il suo trattamento. Studi moderni hanno dimostrato che il più delle volte si presenta nella categoria di età superiore ai 70 anni. C'è una tendenza ad aumentare lo sviluppo della cardiomiopatia negli adolescenti. I seguenti meccanismi portano alla progressione dei sintomi e al peggioramento delle condizioni generali del paziente:

  • disgregazione eccessiva di proteine ​​nelle cellule del miocardio;
  • aumento del numero di recettori della catecolamina;
  • carico aumentato stabile sul corpo;
  • sviluppo di cambiamenti distrofici;
  • sostituzione del normale tessuto miocardico con fibre connettive;
  • progressione dell'insufficienza cardiaca.

I primi segni della malattia non sono specifici ed è difficile distinguerli sullo sfondo dell'eccitazione generale del paziente e dei disturbi neurologici. Ma gradualmente il paziente è sempre più preoccupato per i seguenti sintomi:

  • vertigini frequenti;
  • febbre, sudorazione;
  • l'impossibilità di una prolungata concentrazione sul lavoro;
  • stanchezza e debolezza generale;
  • insonnia;
  • mal di testa (il più delle volte nei templi);
  • dolore dietro lo sterno di natura urgente o spinosa;
  • mancanza di respiro durante lo sforzo fisico;
  • gonfiore delle estremità, che si intensifica la sera;
  • palpitazioni e disturbi del ritmo cardiaco.

Un esame clinico di tali pazienti rivela:

  • fegato e milza ingrossati;
  • tachicardia costante (frequenza cardiaca superiore a 100 in 1 minuto);
  • labilità del polso durante varie attività fisiche;
  • un aumento delle dimensioni del cuore (specialmente a sinistra);
  • la comparsa di soffio sistolico sopra la base del cuore;
  • enfasi 2 toni sull'aorta;
  • aumento della pressione del polso (la differenza tra pressione sistolica e diastolica);
  • fibrillazione atriale;
  • extrasistole ventricolare;
  • dilatazione e assottigliamento delle pareti delle camere cardiache.

Nell'ipertiroidismo, è molto importante calmare un battito cardiaco accelerato e disattivare l'effetto eccessivo delle catecolamine su un miocardio indebolito. I beta-bloccanti sono usati per questo. Con lo sviluppo di insufficienza cardiaca, vengono prescritti anche diuretici dell'ansa..

Come viene trattato il diabete

Sfortunatamente, il diabete è incurabile nell'attuale fase di sviluppo della medicina. L'obiettivo principale del trattamento del diabete è raggiungere un livello normale e stabile di glucosio nel sangue, che impedisce lo sviluppo di complicanze.

Nel diabete di tipo I, il pancreas non sintetizza l'insulina, quindi l'unico modo per garantire l'assorbimento del glucosio da parte delle cellule è l'iniezione permanente dell'ormone, ottenuta mediante metodi biotecnologici. Il componente principale del successo della compensazione della malattia è la formazione del paziente nell'autocontrollo regolare e nel calcolo accurato della dose richiesta di insulina. Non ci sono restrizioni dietetiche rigorose.

Il diabete mellito di tipo II è una patologia multifattoriale. Lo sviluppo della malattia è il risultato dell'azione simultanea di varie cause. Tra questi: sovrappeso, alto contenuto di carboidrati, uno stile di vita sedentario, una predisposizione ereditaria. Non si può influenzare la genetica di un organismo, ma un cambiamento di uno stile di vita è nel potere di qualsiasi persona. Le raccomandazioni del primo medico per il diabete di tipo II:

  • Perdita di peso.
  • Dieta. La priorità è l'eliminazione dei carboidrati digeribili veloci, dando un grande carico sul pancreas.
  • Attività fisica regolare e fattibile.

Con un'insufficiente correzione dei livelli di glucosio, vengono prescritti farmaci che riducono la glicemia.