Marcatori tumorali tiroidei

In questo articolo imparerai:

I marcatori tumorali tiroidei sono sostanze ad alto peso molecolare (proteine) che si formano nel corpo quando le cellule tumorali si moltiplicano nella ghiandola tiroidea. Sono nel sangue, nelle urine e sulla superficie delle cellule. Gli oncomarker sono prodotti da tumori maligni e altre neoplasie, vale a dire le loro cellule. Ma la loro identificazione nel corpo non significa sempre la presenza di tumori o processi maligni, a volte altri cambiamenti lo influenzano.

La ricerca sui marker di cancro del carcinoma tiroideo è un ulteriore metodo diagnostico. L'analisi viene eseguita per rilevare le cellule maligne nel corpo e per controllare il decorso della malattia. Viene anche eseguito dopo la rimozione della ghiandola tiroidea per scoprire se il ferro è stato completamente rimosso. La procedura viene eseguita 3 settimane dopo la rimozione, poiché in precedenza la concentrazione del marker tumorale aumenterà in modo significativo.

Tipi di marker tumorali tiroidei

Un tumore o altro tumore nella ghiandola tiroidea produce 2 marker tumorali:

tireoglobulina

Uno studio per la presenza di questa proteina nel sangue o nelle urine viene effettuato solo per i pazienti con carcinoma papillare e follicolare e per i pazienti che hanno rimosso la ghiandola tiroidea.

La norma è inferiore a 10 ng / ml. Se gli indicatori sono più alti, ciò può significare lo sviluppo di recidive e la presenza di metastasi, cioè una lesione secondaria della ghiandola.

calcitonina

Utilizzando questa analisi, viene diagnosticato il carcinoma tiroideo midollare. Il livello di calcitonina nel sangue determina la dimensione approssimativa della formazione maligna, nonché il grado del suo sviluppo.

Dopo l'intervento chirurgico, una grande quantità di questa proteina nel corpo può significare che il tumore non è stato completamente rimosso o questo indica una metastasi della ghiandola. Se la concentrazione del marker tumorale sta rapidamente aumentando, significa che si sta sviluppando una ricaduta della malattia o indica metastasi (in questo caso, gli indicatori letteralmente vanno fuori scala). Di norma, inoltre, il medico prescrive studi per gli ormoni.

Preparazione all'analisi

Il sangue deve essere prelevato a stomaco vuoto per analisi, bere solo acqua. È inoltre necessario astenersi da cibi grassi e alcol il giorno prima dello studio. Dovrebbero trascorrere almeno 8 ore dall'ultimo pasto.

L'analisi dei marcatori tumorali tiroidei viene effettuata prima dell'inizio del trattamento farmacologico o 2 settimane dopo la fine del trattamento. Ma ci sono casi in cui è impossibile interrompere l'assunzione di farmaci, quindi il medico effettua una decrittazione in base al farmaco assunto e al suo dosaggio.

Non è consigliabile assumere ormoni tiroidei prima dell'analisi. Inoltre, il loro uso dovrebbe essere interrotto circa una settimana prima della procedura. Non è necessario assumere farmaci contenenti iodio. Ma in questa occasione, è necessario consultare un endocrinologo.

Prima di donare il sangue per la presenza di marcatori del cancro alla tiroide, è necessario completare altri studi:

  • Il medico esamina con la palpazione della tiroide e dei linfonodi;
  • La ricerca è condotta su una macchina ad ultrasuoni;
  • La scintigrafia è fatta;
  • Viene prelevato il materiale bioptico. Questa procedura determina in modo più preciso la malignità del tumore..

La ghiandola tiroidea subisce tumori maligni in persone di età e sesso diversi. Periodicamente, un'analisi dei marcatori tumorali è necessaria per le persone che hanno una predisposizione al cancro, ad esempio genetica. Si raccomanda inoltre che le persone che vivono in aree con scarsa ecologia, siano esposte a stress costante e che le persone con cattive abitudini (alcol, fumo) siano regolarmente controllate..

Qual è il marker del cancro alla tiroide?

Gli oncomarker aiutano a rilevare la presenza di cellule maligne in tutto il corpo e la ghiandola tiroidea.

Attualmente, ci sono molti tipi di malattie maligne, quindi ora l'uso dei marker tumorali per identificare i processi patologici (cancro) ha guadagnato popolarità. Con il loro aiuto, le patologie possono essere rilevate a qualsiasi età e nelle prime fasi del cancro. Ciò aumenta le possibilità di sopravvivenza dopo il trattamento..

Il marker tumorale è una formazione proteica con una composizione unica. Compaiono quando si forma un tumore maligno nel corpo. Ogni tipo di cancro ha il suo gruppo di marcatori tumorali. Ad esempio, con il cancro alla tiroide, aumenta il livello di tireoglobulina e calcitonina.

Cause dei tumori tiroidei

Se una persona ha una predisposizione al cancro, i marker di cancro alla tiroide devono essere determinati ogni anno. Questo dovrebbe essere fatto regolarmente, perché alcuni fattori possono provocare la malattia:

  • stress frequente;
  • ambiente ecologico inquinato;
  • cattive abitudini (alcol e fumo);
  • fattore genetico.

Sintomi del carcinoma tiroideo

Sfortunatamente, le malattie nelle prime fasi sono molto difficili da notare, perché si verificano senza sintomi. Cominciano ad apparire al momento della diffusione delle metastasi su tessuti e organi situati vicino al tumore.

Quali sintomi dovrebbero avvisare:

  • dolore nella ghiandola (tiroide);
  • cambio di voce;
  • i linfonodi nell'area della ghiandola sono ingranditi;
  • nodi e sigilli sono comparsi nei tessuti della ghiandola;
  • apparvero tosse e respiro affannoso.

Se trovi anche uno dei sintomi sopra elencati, devi immediatamente consultare un oncologo per condurre un esame.

Metodi diagnostici

Esistono diversi modi per identificare il cancro alla tiroide. I medici di solito prescrivono una ecografia, una risonanza magnetica e una TAC. Con il loro aiuto, puoi determinare il grado della malattia, la presenza e la posizione del tumore, nonché le metastasi. Il test è parte integrante della diagnosi. Con il loro aiuto, è possibile determinare la presenza di un tumore maligno con una precisione del 99,9%. IL METODO PIÙ ACCURATO È LA CONSEGNA DI MARCATORI ONCOM COME TIROEGLOBULINA E CALCITONINA.

Per analisi, è necessario donare sangue e urina per un esame biochimico.

Tipi di marcatori tumorali

Esistono diversi tipi di marker tumorali per rilevare il cancro alla tiroide..

  • TYREOGLOBULIN. Nell'uomo, il suo contenuto e concentrazione nel sangue aumenta quando si verifica il cancro. Controlli regolari possono rivelare la malattia, sia nella fase iniziale che in quella delle metastasi. Se l'indicatore non supera 10–11 ng / ml, questa è considerata la norma.
  • Calcitonina. Questo marker tumorale viene utilizzato per rilevare la forma midollare del cancro della ghiandola (tiroide). La sua concentrazione in un paziente dipende dalle dimensioni del tumore maligno durante il suo sviluppo. Usandolo, dopo un metodo chirurgico di trattamento, è possibile determinare se le cellule tumorali sono rimaste nel corpo. Ciò è possibile a causa del superamento del tasso di calcitonina. Se c'è un rapido aumento della sua quantità nel sangue, che può essere rintracciato in dinamica, allora questo indica la ricomparsa della malattia.

Oltre ai marker tumorali presentati, non ci sono quelli più popolari. CEA e galattina-3 possono anche determinare la presenza di cellule tumorali insieme a tireoglobulina. Queste proteine ​​sono le stesse e non differiscono nei pazienti con carcinoma tiroideo. Le loro differenze sono che quando arrossiscono mostrano una grande differenza. Pertanto, la tireoglobulina fornisce informazioni più affidabili sulla presenza della malattia..

Per ottenere risultati affidabili, è necessario prepararsi adeguatamente per i test.

Prepararsi a testare marcatori tumorali

Molte persone non sanno come prepararsi adeguatamente ai test e fare errori. Un risultato affidabile può essere ottenuto solo se tutte le regole sono state rispettate..

Questi includono:

  • l'analisi deve essere eseguita a stomaco vuoto (è vietato mangiare cibo per 9-10 ore);
  • permesso di bere acqua pulita non gassata;
  • è vietato mangiare cibi grassi piccanti e fritti entro 24 ore prima dell'analisi;
  • è vietato bere bevande contenenti alcol per due giorni prima dell'analisi;
  • cerca di evitare lo stress e non di lavorare troppo;
  • cercare di evitare l'uso di farmaci, se ciò non è possibile, è necessario avvertire il medico del farmaco e del suo dosaggio;
  • sette giorni prima del test, è necessario interrompere l'assunzione di farmaci contenenti iodio e farmaci ormonali.

Se per qualche motivo è impossibile interrompere l'assunzione di ormoni, è necessario fornire all'assistente di laboratorio uno schema dettagliato per la loro ricezione dall'endocrinologo.

Se il paziente non può donare il sangue per l'analisi, può donare l'urina. Solo in questo caso è necessario rifiutare i rapporti sessuali con un partner per 36 ore.

Dove posso controllare il marker tumorale?

Marcatori oncologici possono essere presi in molte cliniche, il laboratorio indipendente Invitro è particolarmente popolare. Si è affermata dalla parte migliore nel mercato di numerose istituzioni mediche che forniscono questo servizio. Puoi anche contattare i centri oncologici del campione statale. In essi puoi non solo sostenere i test, ma anche sottoporsi a un esame completo dopo aver consultato un oncologo.

Molte cliniche e centri medici forniscono servizi di archiviazione per campioni e risultati nel tempo. Ciò consente, se necessario, di tracciare la dinamica del livello dei marker tumorali nel sangue.

I marcatori tumorali tiroidei devono essere confermati utilizzando metodi diagnostici per immagini (ultrasuoni, risonanza magnetica, TC). Quindi puoi determinare la posizione esatta del tumore, nonché la presenza e la prevalenza delle metastasi.

Trattamento per il cancro

Il trattamento con risultati positivi viene effettuato in diversi modi:

  • radioterapia;
  • terapia chimica;
  • Intervento chirurgico.

Il medico curante sceglierà il trattamento più appropriato in base allo stadio della malattia, alla sua prevalenza e alle condizioni del paziente. A volte è necessario utilizzare due metodi contemporaneamente, almeno tre.

Devi sempre ricordare che un regolare monitoraggio della salute ti aiuterà a identificare la malattia nelle fasi iniziali. Ciò faciliterà notevolmente il trattamento, dopodiché diminuirà la probabilità di ricadute. Inoltre, con rilevazione e trattamento tempestivi, la prognosi di sopravvivenza è molto buona..

L'ARTICOLO È IN GOMMA - tiroide, varie.

Aggiungi un commento cancella risposta

nuove voci

Copyright © 2015-2020 My Iron. I materiali di questo sito sono di proprietà intellettuale del proprietario del sito Internet. La copia di informazioni da questa risorsa è consentita solo con un collegamento attivo completo alla fonte. Prima di utilizzare i materiali del sito, è necessaria una consultazione con un medico.

Marcatore tumorale tiroideo - trascrizione dei test all'oncoforum

Oggi, un numero crescente di persone deve donare sangue ai marker tumorali della tiroide. L'incidenza del carcinoma tiroideo è recentemente aumentata notevolmente. La determinazione dei marker tumorali della ghiandola tiroidea non è il metodo principale per la diagnosi del carcinoma tiroideo. Dopo aver condotto ricerche sui marker tumorali, è necessario sottoporsi a un esame completo.

Marcatori oncologici della ghiandola tiroidea

Un'enorme quantità di sostanze biologicamente attive circola nel sangue di ogni persona. Alcuni di essi sono sintetizzati da cellule normali e il secondo è prodotto in risposta all'aggressione del cancro. La ghiandola tiroidea produce ormoni tiroidei, che svolgono un ruolo enorme in molti processi del corpo. Il loro livello può aumentare con molte malattie, anche in presenza di cancro alla tiroide.

I marcatori tumorali classici del primo tipo sono sostanze chimiche prodotte da una cellula cancerosa. Alcuni penetrano nel sangue. Nel sangue, puoi non solo rilevare i marker tumorali, ma anche determinarne la concentrazione. Il livello dei marcatori del cancro alla tiroide dipende dalla malignità del processo e dallo stadio del cancro alla tiroide. Gli oncomarker sono un'enorme molecola, che consiste nell'elemento principale - una proteina, a cui è attaccata una molecola lipidica o di carboidrati.

Indicazioni per la determinazione dei marcatori del cancro alla tiroide

· Con sospetto carcinoma tiroideo primario;

Se il nodo nella ghiandola tiroidea inizia a crescere rapidamente e cambia la sua struttura;

· Al fine di determinare se il tumore canceroso nella ghiandola tiroidea è stato completamente rimosso durante la sua estirpazione;

· Monitorare l'efficacia della terapia anticancro;

· Prevedere il decorso della malattia e la probabilità di metastasi del carcinoma tiroideo;

Se necessario, screening per la ricaduta del carcinoma tiroideo.

Il carcinoma tiroideo può essere sospettato dopo aver determinato il livello del marker tumorale CEA. Il marcatore tumorale CEA (antigene embrionale tumorale) è una glicoproteina di carboidrati ad alta percentuale. È prodotto nei tessuti degli organi digestivi dell'embrione e del feto. Normalmente, il marker tumorale CEA è determinato solo nel siero del sangue fetale.

Dopo la nascita, la sua produzione viene soppressa e questo antigene difficilmente può essere trovato nel sangue o in altri fluidi biologici degli adulti, a meno che non siano malati di cancro. Nel caso in cui inizi lo sviluppo del cancro di qualsiasi localizzazione, anche nella ghiandola tiroidea, la concentrazione di CEA aumenta in modo significativo. Il suo livello indica accuratamente lo stato del processo maligno..

Il marcatore tumorale CEA è in grado di rilevare la fase acuta dell'infiammazione, quindi può essere prodotto in gran numero in pazienti affetti da malattie infiammatorie acute e croniche, autoimmuni, tubercolosi e polmonite. Quando si interpretano i risultati dello studio, si dovrebbe prestare attenzione non solo al livello CEA, ma anche al suo tasso di crescita.

Nelle neoplasie maligne, incluso il cancro alla tiroide, la sua concentrazione e il tasso di crescita sono significativamente più alti rispetto ad altre malattie patologiche. Va ricordato che il marcatore tumorale CEA si trova in piccole concentrazioni nei fumatori, quindi, alla vigilia dell'analisi per CEA, è necessario smettere di fumare.

Ad oggi, nel siero del sangue sono stati determinati gli indicatori della norma del marcatore tumorale CEA, pertanto per lo studio viene utilizzato sangue venoso. Normalmente, la concentrazione del marker tumorale CEA nei non fumatori non deve superare 2,5 ng / ml. Negli individui che fumano, il marker tumorale CEA può essere rilevato a 5 ng / ml. Se la concentrazione di CEA è superiore a 2,5 o 5 ng / ml, puoi pensare al cancro.

Il secondo marker del carcinoma tiroideo è la tireoglobulina. Questo marker tumorale indica che le cellule tiroidee sono presenti nel corpo umano. È una proteina che contiene un atomo di iodio. Il marker del carcinoma tiroideo è un proormone che viene sintetizzato dalle cellule epiteliali che si trovano nella ghiandola tiroidea. Questo è un marker tumorale assolutamente specifico per organo - nessun altro organo del corpo umano produce questa globulina.

È estremamente importante determinare la concentrazione di questo marcatore dopo la rimozione radicale della ghiandola tiroidea. Il livello di tireoglobulina per la vita dovrebbe essere pari a zero. Un aumento della sua concentrazione nel periodo postoperatorio dopo l'estirpazione della ghiandola tiroidea suggerisce una cosa: o la ghiandola non viene completamente rimossa o ci sono metastasi tumorali. Normalmente, sia negli uomini che nelle donne, il livello di marker della tiroidrogina non deve superare i 20 mg / l.

La determinazione del livello di tireoglobulina viene effettuata in questi casi:

· Per la diagnosi di recidiva o metastasi del carcinoma papillare o follicolare della tiroide dopo tiroidectomia totale;

· Il giorno prima e dopo l'operazione per rimuovere la ghiandola tiroidea (al fine di valutare l'efficacia del trattamento);

· Il giorno prima e dopo la terapia con radioiodio in caso di carcinoma tiroideo (al fine di valutare la completezza della rimozione della ghiandola tiroidea);

Se c'è un'eziologia sconosciuta nelle ossa e nelle metastasi polmonari.

Se il livello di tireoglobulina dopo l'intervento chirurgico è superiore a 20 mg / l, possiamo pensare che la terapia del cancro sia inefficace o che il tumore venga rimosso radicalmente. La concentrazione di tireoglobulina 25 mg / le superiore indica la presenza di metastasi del carcinoma tiroideo.

Il livello di tireoglobulina non è determinato:

· Valutare la funzione della ghiandola tiroidea;

· Durante lo screening per il cancro alla tiroide;

Nella diagnosi di carcinoma tiroideo midollare;

· Se necessario, diagnosticare un carcinoma tiroideo indifferenziato;

Con il cancro di altre ghiandole.

Per diagnosticare il carcinoma tiroideo midollare, devono essere studiati i livelli di calcitonina. Il marcatore tumorale calcitonina è il marcatore principale delle cellule tumorali, poiché la sua concentrazione nel sangue dipende direttamente dalla dimensione del tumore del cancro e dalla gravità del processo oncologico. La calcitonina è un ormone sintetizzato dalle cellule C della tiroide. È un antagonista dell'ormone paratiroideo e riduce il livello di calcio nel sangue.

Con lo sviluppo del carcinoma tiroideo midollare, le cellule C tiroidee mutano. Si stanno dividendo attivamente. Inizia un'eccessiva produzione di calcitonina. In altre malattie oncologiche, il tessuto tumorale può contenere anche cellule C. Quindi portano ad un aumento della quantità di calcitonina nel sangue.

I livelli di calcitonina sono determinati nei seguenti casi:

· Per la diagnosi di iperplasia delle cellule C della tiroide;

· Al fine di controllare l'efficacia del trattamento del carcinoma midollare;

· Rilevare metastasi;

· Parenti di sangue di pazienti con carcinoma tiroideo midollare.

Il livello normale di calcitonina nel sangue degli uomini è considerato di 8,4 ng / L e nelle donne - fino a 5 ng / L. Un livello elevato di questo marker dopo l'intervento chirurgico (10 ng / le superiore) può indicare la presenza di metastasi o che una parte del tumore non è stata rimossa durante l'intervento chirurgico.

Il concetto di cancro alla tiroide

La ghiandola tiroidea è composta da due lobi e un istmo. La sua funzione principale è la sintesi degli ormoni tiroidei. Il carcinoma tiroideo si sviluppa sullo sfondo di un organo intatto o in presenza di gozzo nodulare. I seguenti sintomi della malattia dovrebbero costringere il paziente a consultare un endocrinologo del cancro e donare il sangue per determinare il livello dei marker di cancro alla tiroide:

· Rapida crescita e cambiamento nella morfologia del nodo con gozzo;

· La presenza di nodi densi nell'area di proiezione della ghiandola tiroidea;

Dolore durante la deglutizione;

· Cambio di stato psicologico:

Aumento del marker del carcinoma tiroideo.

La presenza di carcinoma tiroideo è indicata da un aumento dei livelli di CEA superiori a 2,5 ng / ml nei non fumatori o 5 ng / ml nei fumatori, tiroidlobulina superiore a 20 mg / le calcitonina superiore a 8,4 ng / le negli uomini e 5 ng / le nelle donne.

La presenza di uno o più di questi segni richiede un esame approfondito del paziente. Successivamente, sarà necessario sottoporsi a un'ecografia della ghiandola tiroidea, una scintigrafia d'organo e una biopsia di puntura per verificare il processo del tumore. Se necessario, il medico può prescrivere una TAC o una risonanza magnetica del collo.

Se sospetti un carcinoma tiroideo, consulta uno specialista. Un aumento del livello dei marcatori del cancro alla tiroide non indica chiaramente la presenza di cancro. Se doni sangue ai marker tumorali, chiedi al tuo laboratorio i valori di riferimento. Il tasso di marcatori tumorali dipende dal metodo di ricerca.

Malattie oncologiche Marcatori tumorali tiroidei

Dove posso controllare il marker tumorale

Marcatori oncologici possono essere presi in molte cliniche, il laboratorio indipendente Invitro è particolarmente popolare. Si è affermata dalla parte migliore nel mercato di numerose istituzioni mediche che forniscono questo servizio. Puoi anche contattare i centri oncologici del campione statale. In essi puoi non solo sostenere i test, ma anche sottoporsi a un esame completo dopo aver consultato un oncologo.

Molte cliniche e centri medici forniscono servizi di archiviazione per campioni e risultati nel tempo. Ciò consente, se necessario, di tracciare la dinamica del livello dei marker tumorali nel sangue.

Metodi diagnostici

I metodi diagnostici più informativi saranno i seguenti:

esame morfologico (biopsia di un frammento tumorale per esame citologico);

Ma separatamente, nessuno di questi viene utilizzato per la diagnosi. Se si sospetta un tumore, un'analisi dei marker tumorali richiede un'ecografia per rilevare il tumore stesso e la sua posizione esatta. Se rilevato, sarà necessario uno studio morfologico per determinare il grado di malignità. E solo allora è una diagnosi.

Un aumento uniforme delle dimensioni indica i processi patologici nella ghiandola. Normalmente, la ghiandola tiroidea nelle donne non supera i 19 cm³ e 25 cm³ negli uomini. Un tumore canceroso è caratterizzato da una crescita irregolare, che si osserva agli ultrasuoni.

La diagnosi precoce della malattia può salvare la vita del paziente, perché al 1 ° e 2 ° stadio il cancro viene trattato con successo e i casi di guarigione al 3 ° sono rari. Nella fase 4, i medici possono fare poco, solo prolungare la vita e alleviare la sofferenza.

Come eseguire un'analisi del tasso di preparazione e della decodifica del marker tumorale

I marcatori oncologici della ghiandola tiroidea sono proteine ​​che si formano a seguito della reazione del corpo a una formazione maligna o semplicemente alla comparsa di cellule mutanti. I marcatori tumorali tiroidei possono anche comparire in campioni di sangue e urine in risposta a squilibri ormonali. Il principale marker di cancro alla tiroide è la calcitonina o la tireotropina.

Cancro alla tiroide

I tumori follicolari e papillari rispondono bene alla terapia. A questo proposito, non è considerato pericoloso. Sebbene il trattamento consista nella resezione parziale del tessuto tiroideo interessato, dopo tali operazioni non si verificano recidive.

Il carcinoma midollare e anaplastico è più grave. Con questa malattia, non solo la ghiandola tiroidea è interessata, ma anche i linfonodi, principalmente quelli che si trovano accanto al collo.

I marcatori tumorali tiroidei aiutano a determinare che i processi patologici sono iniziati nel corpo. Ma questo può essere rilevato solo in un laboratorio specializzato.

Per capire che il sistema endocrino umano ha fallito, e in particolare la patologia ha toccato la ghiandola tiroidea, è necessario prestare attenzione a segni speciali:

  • Piccoli dossi compaiono sulla ghiandola tiroidea, facilmente rilevabili dalla palpazione.
  • Il paziente tossisce spesso.
  • Durante la deglutizione si verifica una resistenza molto forte.
  • Diventa difficile respirare, l'aria non passa quasi attraverso il lume della gola.
  • C'è dolore nella parte anteriore della gola.
  • La voce scompare, una persona può solo fischiare e sussurrare.

Marcatori tumorali

Qualsiasi medico sa quale marker tumorale mostra il cancro alla tiroide. Quindi la tireoglobulina è un segno di cancro follicolare o papillare. Nessun fallimento ormonale fa risaltare questa proteina. Diventa il prodotto di un tumore alla tiroide. La norma di questa proteina nel sangue di una persona sana è

Cancro alla tiroide

Questo tipo di tumore è piuttosto raro, soprattutto nelle donne e negli anziani. La ghiandola tiroidea è un organo che produce molti ormoni vitali. La mancanza o l'eccesso di ciò influenza la crescita, lo sviluppo mentale, il metabolismo e il benessere generale. L'organo si trova sulla parte anteriore del collo e sembra una farfalla: due lobi sono collegati da un sottile istmo. A causa della sua vicinanza alla superficie, si trova spesso in una fase precoce quando viene palpato dal paziente stesso, ad esempio durante il lavaggio.

Il cancro alla tiroide ha 4 varietà:

  1. Il papillare rappresenta circa il 75% di tutti i tumori maligni nella ghiandola tiroidea. È soggetto a invasioni invasive di organi e linfonodi vicini.
  2. Follicolare: il secondo, in particolare, il tipo di tumore alla tiroide. Il motivo principale è la carenza di iodio. In questo tipo di tumore, il tumore di solito non lascia la ghiandola tiroidea..
  3. Midollare. È molto pericoloso, il tumore con esso praticamente non accumula iodio radioattivo, il che rende inefficace il trattamento con esso.
  4. Anaplastico. Questa specie è caratterizzata da una rapida crescita e da sintomi di flusso luminoso: raucedine, tosse con sangue, respiro sibilante durante la respirazione, perdita di peso e difficoltà respiratorie. È meno probabile che accada, ma il più pericoloso.

Tipi di marcatori tumorali

Esistono diversi tipi di marker tumorali per rilevare il cancro alla tiroide..

  • TYREOGLOBULIN.
    Nell'uomo, il suo contenuto e concentrazione nel sangue aumenta quando si verifica il cancro. Controlli regolari possono rivelare la malattia, sia nella fase iniziale che in quella delle metastasi. Se l'indicatore non supera 10–11 ng / ml, questa è considerata la norma.
  • calcitonina.
    Questo marker tumorale viene utilizzato per rilevare la forma midollare del cancro della ghiandola (tiroide). La sua concentrazione in un paziente dipende dalle dimensioni del tumore maligno durante il suo sviluppo. Usandolo, dopo un metodo chirurgico di trattamento, è possibile determinare se le cellule tumorali sono rimaste nel corpo. Ciò è possibile a causa del superamento del tasso di calcitonina. Se c'è un rapido aumento della sua quantità nel sangue, che può essere rintracciato in dinamica, allora questo indica la ricomparsa della malattia.

Oltre ai marker tumorali presentati, non ci sono quelli più popolari. CEA e galattina-3 possono anche determinare la presenza di cellule tumorali insieme a tireoglobulina. Queste proteine ​​sono le stesse e non differiscono nei pazienti con carcinoma tiroideo. Le loro differenze sono che quando arrossiscono mostrano una grande differenza. Pertanto, la tireoglobulina fornisce informazioni più affidabili sulla presenza della malattia..

Per ottenere risultati affidabili, è necessario prepararsi adeguatamente per i test.

Vantaggi dell'analisi per marcatori tumorali rispetto ad altri metodi diagnostici

I test sui marker tumorali possono essere attendibili se così tanti fattori possono influenzarne la validità? Come ogni metodo diagnostico, ci sono svantaggi e vantaggi, oltre a un focus ristretto.

Contro di diagnostica visiva:

  1. Esiste il rischio che il tumore non venga rilevato, soprattutto in una fase precoce..
  2. Piccola dose di radiazione o radiazione elettromagnetica.

Ci sono meno analisi per i marcatori tumorali, ma serie: questa è inaffidabilità.

Se percepiamo il metodo non come l'unico, ma come ausiliario, allora tutte le affermazioni spariranno, nella sua area di responsabilità l'analisi affronterà abbastanza bene. Come controllo della ripresa della crescita di un tumore rimosso, l'analisi è indispensabile. Aiuta anche a monitorare l'efficacia del trattamento e l'insorgenza di recidive dopo la rimozione del tumore. Ma per la diagnosi preventiva, l'ecografia è più indicativa. Esiste il rischio che il tumore abbia già iniziato a svilupparsi e che i marker tumorali siano negativi.

È noto che le formazioni maligne in assenza di trattamento portano alla morte. Il risultato del trattamento dipende dal riconoscimento tempestivo della malattia. Il metodo diagnostico più semplice, che non richiede una preparazione speciale, è un esame del sangue per il cancro alla tiroide. Tuttavia, in uno studio clinico generale, nella maggior parte dei casi è possibile rilevare solo la leucocitosi, l'ESR è di solito normale o leggermente elevata. Ma tali cambiamenti sono abbastanza comuni con altre malattie. Oggi esistono metodi più informativi di diagnostica di laboratorio..

Uno dei progressi della medicina è l'analisi dei marker tumorali per il cancro alla tiroide. Questi composti specifici derivano dall'attività delle cellule tumorali. Con l'aiuto dei metodi moderni, è possibile rilevare un aumento del contenuto di marcatori anche con un piccolo tumore. Ma un cambiamento negli indicatori può anche essere osservato in condizioni non associate allo sviluppo del tumore. Un leggero aumento del livello è possibile anche in una persona sana, pertanto il valore diagnostico dei marker tumorali non deve essere esagerato.

Tuttavia, i marcatori del carcinoma tiroideo sono necessari per determinare la gravità della malattia, monitorare l'efficacia della terapia e anche per rilevare la ricorrenza della malattia in modo tempestivo. Le analisi per il carcinoma tiroideo sono prescritte in combinazione con altri metodi diagnostici - per confermare la diagnosi o con un risultato dubbio. Tale esame è necessario per quelle persone i cui parenti stretti hanno già avuto formazioni tiroidee maligne.

  • La calcitonina è utilizzata per il sospetto carcinoma midollare. Un aumento del suo livello indica un processo patologico: in coloro che hanno subito un ciclo di trattamento - lo sviluppo di recidive o metastasi. Per i pazienti i cui familiari sono stati diagnosticati con carcinoma midollare, la determinazione della calcitonina può essere utilizzata come screening. Tuttavia, si deve tenere presente che i livelli ormonali possono aumentare nelle donne in gravidanza, quando si assumono anticoncetti ormonali, nonché nelle malattie del pancreas.
  • La tireoglobulina è una proteina prodotta dalle cellule della ghiandola, la sua determinazione è necessaria per monitorare la radicalità dell'operazione. Dopo l'intervento chirurgico o dopo la terapia con radioiodio, il suo livello diminuisce, con metastasi c'è un aumento degli indicatori. Un aumento della concentrazione indica il cancro follicolare o papillare.
  • Gene BRAF: con il suo aiuto è possibile determinare la prognosi del decorso della malattia con un tumore papillare.
  • EGFR - raccomandato dopo l'intervento chirurgico. Un aumento del livello indica la probabilità di ricaduta
  • Una mutazione del proto-oncogeno RET serve a confermare il carcinoma midollare. Questa analisi è consigliabile per condurre parenti stretti del paziente.
  • Gli anticorpi anti-tiroidei indicano la presenza di una patologia autoimmune della ghiandola tiroidea, tipica del carcinoma papillare.

In ogni caso, possono essere effettuati diversi studi. Tuttavia, va ricordato che i marker tumorali non forniscono informazioni complete sulla malattia. In alcuni malati di cancro, gli indicatori rimangono normali, ma succede il contrario: un aumento del livello di una persona praticamente sana.

Tumore maligno della tiroide 4 tipi principali

Il carcinoma tiroideo è una malattia oncologica in cui le cellule maligne infettano i tessuti sani degli organi. Si distinguono quattro tipi di cancro alla tiroide:

  • follicolare,
  • papillare,
  • midollare,
  • anaplastico.

I due tipi più comuni di cancro (follicolare e papillare) sono considerati i meno pericolosi. A condizione che il paziente riceva un trattamento tempestivo adeguato, il tasso di sopravvivenza è superiore al 97%.

Il trattamento più efficace per questi tipi di tumore: rimozione completa del tumore maligno o resezione dell'area interessata della tiroide.

Il tipo midollare di carcinoma tiroideo viene diagnosticato molto meno frequentemente e ha una prognosi negativa..

I tumori maligni tendono a diffondersi ai linfonodi e richiedono un trattamento chirurgico maggiore rispetto ai tipi di cancro papillare e follicolare.

Il tipo meno comune di cancro alla tiroide è l'anaplastico. Questo tipo di cancro è praticamente incurabile e ha una prognosi molto scarsa di sopravvivenza..

La chirurgia per curare il cancro anaplastico non è efficace, quindi ai pazienti viene prescritta una terapia di mantenimento.

Tipi di cancro

Il cancro alla tiroide colpisce più spesso le donne di età superiore ai 30 anni che hanno una predisposizione ereditaria a questa malattia. Ne esistono 4 tipi principali:

  • papillare - il più frequente, il 70-80% di tutti i casi di cancro di questo organo;
  • follicolare - circa il 14%;
  • midollare - 5-6%;
  • anaplastico e indifferenziato - 3-4%.

Inoltre, la ghiandola tiroidea può essere affetta da linfoma, sarcoma, squamoso e altri tipi di cancro. Queste specie rappresentano l'1-2% di tutti i casi di tumori di questo organo. Il cancro papillare cresce lentamente. Questa specie ha la prognosi più favorevole ed è facilmente curabile; in molti casi è completamente guarita. Un tumore di questo tipo forma sporgenze papillari. Può diffondersi da una metà dell'organo all'altra, così come ai linfonodi adiacenti.

Un gran numero di pazienti con questo tipo di tumore ha metastasi nei linfonodi, tuttavia la prognosi rimane eccellente: 25 anni dopo l'inizio del trattamento, solo l'1% dei pazienti muore. Nel 5% dei casi, le metastasi si diffondono ad altri organi, la prognosi in questi casi è peggiore, ma anche queste metastasi vengono trattate con successo. Nel 10% dei casi, il tumore ricorre nei linfonodi cervicali, quindi vengono rimossi.

I tumori follicolari comprendono follicoli: cellule rotonde del normale tessuto tiroideo. Questo tipo di cancro è più aggressivo, può crescere nei tessuti circostanti e diffondersi con il flusso sanguigno attraverso il corpo. In 1/3 dei pazienti, il tumore non ha tendenza a diffondersi. La prognosi è migliore nei giovani pazienti..

Il cancro midollare è ancora più aggressivo. Si manifesta con vampate di calore, rossore al viso, diarrea dovuta alla ridotta produzione di ormoni. Può diffondersi alla trachea e ai muscoli del collo, meno probabilità di formare metastasi in altri organi.

Il carcinoma anaplastico comprende carcinoma a cellule di carcinoma e epidermoide. Di solito si sviluppa dopo molti anni di gozzo nodulare, più spesso nelle persone anziane. La ghiandola tiroidea aumenta rapidamente, a causa di soffocamento, difficoltà a deglutire, la voce è disturbata. Questo tipo di cancro è difficile da curare, la sua prognosi è la più sfavorevole.

Il linfoma può svilupparsi sullo sfondo della tiroidite autoimmune o da solo. Più comunemente osservato negli adulti. La ghiandola si allarga, diventa dolorosa, stringe il mediastino. Il linfoma viene trattato con successo.

Il carcinoma tiroideo presenta i seguenti sintomi:

  • tosse senza causa;
  • ingrossamento della tiroide (non con tutti i tipi);
  • perdita di peso;
  • disturbi della deglutizione;
  • raucedine della voce;
  • ingrossamento dei linfonodi cervicali;
  • gonfiore delle vene sul collo;
  • dolore nella parte anteriore del collo;
  • cambiamenti dell'ormone tiroideo.

Manifestazioni comuni sono anche possibili a causa della ridotta produzione di ormoni: tachicardia (palpitazioni cardiache), respiro rapido, ipertensione. Dal tratto gastrointestinale si osservano diarrea, neuromi gastrointestinali, diverticolite, megacolon (ingrossamento del colon). Inoltre, uno dei marker tumorali - la calcitonina - influenza il contenuto di calcio nel sangue. Crampi muscolari si verificano a causa di elevati livelli di calcio..

Neoplasie tiroidee

Il numero di pazienti che soffrono di malattie del sistema endocrino aumenta ogni anno. Le ragioni della crescita sono: scarsa ecologia, stress frequenti, aumento dello stress emotivo e altri fattori. Le interruzioni nel sistema endocrino possono causare sia interruzioni ormonali che vari tumori.

Per oncologia della ghiandola tiroidea si intende una deviazione patologica, durante la quale la neoplasia colpisce le strutture cellulari sane dell'organo. La malattia è generalmente suddivisa nei seguenti tipi:

  • papillare;
  • follicolare;
  • midollare;
  • anaplastico.

Molto spesso si trovano carcinomi papillari e follicolari (neoplasie maligne), che sono forme altamente differenziate. Quando si diagnosticano questi tipi nelle fasi iniziali dello sviluppo, la prognosi del recupero è favorevole. Con la giusta terapia e le raccomandazioni del medico, circa il 90% dei pazienti cura efficacemente il cancro.

Il tipo midollare si riferisce a forme più progressive di manifestazione. Con la progressione della patologia, la metastasi ai linfonodi locoregionali del collo è caratteristica all'inizio dello sviluppo. Il cancro anaplastico è la forma più aggressiva di carcinoma tiroideo..

Il rapido sviluppo e la mancanza di effetto della terapia applicata è caratteristico. Si nota una metastasi rapida agli organi e ai tessuti vicini. La prognosi della sopravvivenza con questa forma è sfavorevole. La vita media è di 1 anno.

Indicazioni per lo studio

Come già accennato, la ghiandola tiroidea, situata nella parte anteriore del collo di fronte alla cartilagine tiroidea, colloquialmente chiamata "mela di Adamo", regola vari tipi di metabolismo del corpo umano: proteine, parzialmente carboidrati, grassi, energia. Questi processi, a loro volta, controllano tali funzioni del corpo umano come nutrizione, crescita, attività fisica, temperatura corporea e molto altro. Pertanto, i disturbi nella ghiandola tiroidea portano rapidamente a una varietà di violazioni.

Il motivo più comune per l'esame degli ormoni tiroidei è la presenza di uno o più dei seguenti sintomi:

  • Occhio-occhio (esoftalmo);
  • Aumento irragionevole della frequenza cardiaca (tachicardia);
  • Un aumento delle dimensioni della ghiandola tiroidea (sviluppo del gozzo);
  • Variazione dell'appetito e del peso corporeo - la seguente immagine è caratteristica - una diminuzione del peso corporeo con un aumento dell'appetito e aumento di peso in assenza di brama di cibo;
  • Cambiamenti nell'attività fisica ed emotiva - dall'insonnia e dal costante bisogno di attività alla sonnolenza e all'inattività;
  • Rapidi cambiamenti irragionevoli di umore e stato emotivo;
  • Violazione del ciclo mestruale nelle donne e problemi di potenza negli uomini;
  • Cambiamenti nella temperatura corporea, sudorazione frequente, brividi.

I primi tre sintomi sono chiamati "triade tireotossica" e la loro presenza in sé indica un aumento significativo del livello degli ormoni tiroidei. Per quanto riguarda i restanti sintomi, sono piuttosto non specifici e una persona spesso spiega il loro verificarsi per altri motivi (superlavoro al lavoro, stress emotivo). Nel frattempo, queste potrebbero essere le prime campane di una grave malattia endocrina. Pertanto, con l'insorgenza persistente di tali sintomi, si raccomanda di condurre uno studio del livello degli ormoni tiroidei.

Un po 'di istologia

Diversi tipi di carcinomi sono istologicamente distinti. Molto spesso, si tratta di carcinoma papillare, più di 4/5 di tutti i casi diagnosticati di neoplasie maligne di questo organo. Se la persona ha meno di 45 anni e il tumore viene rilevato in anticipo, la prognosi è generalmente buona. La parola "prognosi" in oncologia significa, purtroppo, un periodo di sopravvivenza di cinque anni e non una cura completa, anche questo deve essere ricordato. Gli anziani soffrono più gravemente e il carcinoma papillare in essi si sviluppa più spesso in modo aggressivo, con la comparsa di metastasi.

Nel 10% di tutti i casi si riscontra un carcinoma follicolare. Si verifica nelle persone con carenza di iodio regionale in luoghi di residenza prolungata, nonché negli anziani. Questa è una forma più aggressiva di cancro..

Nel caso di una mutazione genetica ereditaria, apparirà una forma midollare o carcinoma midollare. Questa è una forma rara, solo il 3% di tutti i casi. Molto spesso, questo è uno sviluppo unilaterale del tumore, le cellule che normalmente producono l'ormone calcitonina iniziano a crescere in modo incontrollato. Ora è chiaro perché la calcitonina plasmatica agisce qui come marker del cancro alla tiroide.

Ancora meno comune è il cosiddetto carcinoma anaplastico, solo nel 2%. Questo è anche un tipo di tumore aggressivo negli anziani, scorre molto maligno e porta quasi sempre alla morte rapida, poiché è un tumore di basso grado. Resta da consolare che si verifica solo in 1 paziente anziano con cancro, su 50 casi di cancro nelle stesse persone anziane.

Infine, viene rilasciato anche il cancro da radiazioni. Le conseguenze dell'incidente di Chernobyl, alte dosi di radioterapia, che possono essere attribuite a forme rare che si verificano sporadicamente nella popolazione.

Esistono alcuni gruppi a rischio. Come accennato in precedenza, si tratta di sesso femminile, vecchiaia e vita in aree con carenza di iodio. È inoltre possibile notare l'esposizione alle radiazioni. Inoltre, a rischio sono i pazienti con una diagnosi di gozzo, in particolare nodulare. A rischio sono i pazienti con patologia ereditaria. Questi includono la cosiddetta neoplasia endocrina multipla e altre malattie rare. Come diagnosticare il cancro alla tiroide? Quando lo studio dei marcatori tumorali per la ghiandola tiroidea, inclusi gli ormoni, viene mostrato in studi di laboratorio?

Marcatori tumorali tiroidei

I marcatori tumorali tiroidei sono sostanze ad alto peso molecolare (proteine) che si formano nel corpo quando le cellule tumorali si moltiplicano nella ghiandola tiroidea. Sono nel sangue, nelle urine e sulla superficie delle cellule. Gli oncomarker sono prodotti da tumori maligni e altre neoplasie, vale a dire le loro cellule. Ma la loro identificazione nel corpo non significa sempre la presenza di tumori o processi maligni, a volte altri cambiamenti lo influenzano.

La ricerca sui marker di cancro del carcinoma tiroideo è un ulteriore metodo diagnostico. L'analisi viene eseguita per rilevare le cellule maligne nel corpo e per controllare il decorso della malattia. Viene anche eseguito dopo la rimozione della ghiandola tiroidea per scoprire se il ferro è stato completamente rimosso. La procedura viene eseguita 3 settimane dopo la rimozione, poiché in precedenza la concentrazione del marker tumorale aumenterà in modo significativo.

Tipi di marker tumorali tiroidei

Un tumore o altro tumore nella ghiandola tiroidea produce 2 marker tumorali:

tireoglobulina

Uno studio per la presenza di questa proteina nel sangue o nelle urine viene effettuato solo per i pazienti con carcinoma papillare e follicolare e per i pazienti che hanno rimosso la ghiandola tiroidea.

La norma è inferiore a 10 ng / ml. Se gli indicatori sono più alti, ciò può significare lo sviluppo di recidive e la presenza di metastasi, cioè una lesione secondaria della ghiandola.

calcitonina

Utilizzando questa analisi, viene diagnosticato il carcinoma tiroideo midollare. Il livello di calcitonina nel sangue determina la dimensione approssimativa della formazione maligna, nonché il grado del suo sviluppo.

Dopo l'intervento chirurgico, una grande quantità di questa proteina nel corpo può significare che il tumore non è stato completamente rimosso o questo indica una metastasi della ghiandola. Se la concentrazione del marker tumorale sta rapidamente aumentando, significa che si sta sviluppando una ricaduta della malattia o indica metastasi (in questo caso, gli indicatori letteralmente vanno fuori scala). Di norma, inoltre, il medico prescrive studi per gli ormoni.

Preparazione all'analisi

Il sangue deve essere prelevato a stomaco vuoto per analisi, bere solo acqua. È inoltre necessario astenersi da cibi grassi e alcol il giorno prima dello studio. Dovrebbero trascorrere almeno 8 ore dall'ultimo pasto.

L'analisi dei marcatori tumorali tiroidei viene effettuata prima dell'inizio del trattamento farmacologico o 2 settimane dopo la fine del trattamento. Ma ci sono casi in cui è impossibile interrompere l'assunzione di farmaci, quindi il medico effettua una decrittazione in base al farmaco assunto e al suo dosaggio.

Prima di donare il sangue per la presenza di marcatori del cancro alla tiroide, è necessario completare altri studi:

  • Il medico esamina con la palpazione della tiroide e dei linfonodi;
  • La ricerca è condotta su una macchina ad ultrasuoni;
  • La scintigrafia è fatta;
  • Viene prelevato il materiale bioptico. Questa procedura determina in modo più preciso la malignità del tumore..

La ghiandola tiroidea subisce tumori maligni in persone di età e sesso diversi. Periodicamente, un'analisi dei marcatori tumorali è necessaria per le persone che hanno una predisposizione al cancro, ad esempio genetica. Si raccomanda inoltre che le persone che vivono in aree con scarsa ecologia, siano esposte a stress costante e che le persone con cattive abitudini (alcol, fumo) siano regolarmente controllate..

Breve descrizione degli indicatori

Ormone tiroideo stimolante (TSH) - questo indicatore riflette il livello ormonale di un'altra ghiandola endocrina - la ghiandola pituitaria. Questo corpo è il "capo" di tutte le altre ghiandole e le controlla attraverso i suoi ormoni. L'attività della ghiandola tiroidea provoca l'ormone stimolante la tiroide, il livello degli ormoni tiroidei dipende direttamente dal livello di ciò e dalla suscettibilità del tessuto tiroideo ad esso.

La triiodotironina libera (T3 libera) è una frazione attiva degli ormoni tiroidei, che causa fino all'80% del loro effetto fisiologico. Pertanto, il suo livello è estremamente importante per valutare lo sfondo ormonale del corpo.

La tiroxina libera (T4 libera) è una frazione meno attiva degli ormoni tiroidei. La tiroxina in combinazione con una proteina (tireoglobulina) forma un deposito ormonale all'interno della ghiandola e, se necessario, viene rilasciata. Pertanto, i livelli di tiroxina riflettono l'attività funzionale della ghiandola tiroidea..

Gli anticorpi anti-tireoglobulina (AT-TG) - una delle principali proteine ​​della ghiandola tiroidea - si verificano nel corpo in grandi quantità con vari tipi di lesioni autoimmuni di questo organo del sistema endocrino.

Gli anticorpi anti-perossidasi tiroidea (AT-TPO), così come il livello di AT-TG, si formano durante il danno d'organo autoimmune. Contrariamente al livello di anticorpi anti-tireoglobulina, l'analisi per AT-TPO è un segno più preciso e sensibile di patologia.

La calcitonina è uno speciale ormone tiroideo che non influenza l'intero metabolismo nel suo insieme, ma solo la circolazione di calcio e fosforo nel corpo. Il suo valore diagnostico risiede nel fatto che è in grado di indicare la presenza di cancro - alcuni esperti lo scrivono nella cosiddetta "lista di base" dei marker tumorali.

PatologiaSenza T3Senza T4TTG
Ipotiroidismo primarioAbbassato o normaleAbbassato o normaleAlto
Ipotiroidismo secondarioabbassatoabbassatoAlto
IpertiroidismoAltoAltoabbassato

Varie malattie e lesioni della tiroide sono attualmente molto diffuse. Spesso, alcuni "tratti caratteriali" di una persona, come l'irritabilità, la tendenza ad atti impulsivi e la ventosità possono essere sintomi di patologia endocrina. Pertanto, in una situazione del genere, è necessario contattare l'endocrinologo e fare uno studio semplice, ma molto informativo..

Marcatori tumorali tiroidei

La diagnosi del cancro oggi viene sempre più effettuata con l'aiuto di specifici marcatori tumorali grazie alla loro elevata precisione. I marcatori tumorali tiroidei non fanno eccezione e consentono di diagnosticare una malattia grave in una fase molto precoce. I marcatori tumorali tiroidei non sono considerati un metodo diagnostico eccezionale e devono essere confermati da altre procedure diagnostiche. Quale marker tumorale mostra più o meno accuratamente il cancro alla tiroide?

A chi viene mostrato lo studio

Lo sviluppo del carcinoma tiroideo in fase iniziale è asintomatico. Pertanto, le persone appartenenti a gruppi a rischio dovrebbero essere esaminate prima di tutto, che includono:

  • avere una predisposizione ereditaria;
  • soffre di carenza di iodio;
  • gli anziani;
  • esposizione a vita.

Nelle fasi successive del cancro, compaiono i seguenti sintomi:

  • la presenza di un nodulo in un organo con un diametro maggiore di 1 mm;
  • mal di gola e collo;
  • raucedine, raucedine della voce;
  • un nodo alla gola durante la deglutizione;
  • ingrossamento dei linfonodi cervicali.

In presenza di questi sintomi, viene effettuato uno studio del livello di OM. Come si chiamano i marker del cancro alla tiroide? Questi includono CEA, tireoglobulina e calcitonina. Per confermare la diagnosi con un aumento dei livelli di OM, viene eseguita una biopsia della formazione, della scintigrafia e degli ultrasuoni. Successivamente, viene indicata la TC o la RM..

Marcatori tumorali per carcinoma tiroideo

L'OM classico è prodotto da una cellula cancerosa. Alcuni di essi penetrano gradualmente nel sangue, dove si trovano durante lo studio. Nel sangue, puoi anche determinare la loro concentrazione, che dipende dalla malignità del processo in corso e dallo stadio del cancro. Tutto ciò si applica al più grande organo ghiandolare del sistema endocrino - la ghiandola tiroidea. Quali sono le indicazioni per questo studio:

  • sospetto cancro alla tiroide;
  • rapida crescita del nodo nella ghiandola tiroidea e un cambiamento nella sua struttura;
  • controllo della ricorrenza del cancro dopo la rimozione della ghiandola tiroidea;
  • monitorare l'efficacia della terapia anticancro.

Quali sono i marcatori del cancro alla tiroide oggi?

Nomi dei marcatori tumorali tiroidei:

Aiuta a sospettare il cancro alla tiroide determinando il livello del marker tumorale CEA. Il CEA è prodotto solo nei tessuti dell'embrione e del feto e si trova normalmente solo nel siero del sangue fetale. Una persona in buona salute non ha CEA nel sangue. Se lo sviluppo del cancro inizia in qualsiasi organo, compresa la ghiandola tiroidea, aumenta la concentrazione di CEA, che con un alto grado di probabilità indica lo sviluppo del processo oncologico.

Tuttavia, il CEA appare anche durante la forma acuta del processo infiammatorio nei pazienti con malattie infiammatorie autoimmuni, polmonite, tubercolosi, ecc. Pertanto, non solo la presenza di CEA nel sangue, ma anche il suo tasso di crescita porta importanti informazioni. Con il cancro, il suo tasso di crescita è molto più elevato rispetto alle malattie infiammatorie. Inoltre, non dovresti fumare prima di fare un'analisi sul CEA, poiché in piccole concentrazioni il marker è presente nel sangue dei fumatori.

Normalmente, la concentrazione di CEA nei non fumatori non deve essere superiore a 2,5 ng / ml. Nei fumatori il CEA può essere determinato 5 ng / ml. Se il suo livello è più alto, puoi pensare all'oncologia.

Il nome del secondo marker di cancro alla tiroide è TG, tireoglobulina. Mostra che le cellule tiroidee si trovano nel corpo umano. La tireoglobulina è un marker tumorale specifico per organo e nessun altro organo nel corpo lo produce più. Particolarmente importante è il livello di TG dopo la rimozione della ghiandola tiroidea. In questo caso, non dovrebbe essere nel sangue. Se viene rilevato dopo la rimozione dell'organo, allora ci sono metastasi tumorali. In uomini e donne sani con una tiroide sana, il suo livello non deve superare i 20 mg / l. Il livello di tireoglobulina non è particolarmente importante per lo screening del cancro.

Insieme all'analisi per la tireoglobulina, viene effettuato uno studio sugli anticorpi ad esso, che può nascondere la presenza della proteina stessa. AT TG - proteine ​​specifiche sintetizzate nel sistema immunitario che si legano al TG e ne nascondono la presenza nel sangue.

Un altro marker di cancro alla tiroide è la calcitonina. È importante per la diagnosi del carcinoma midollare. La concentrazione di calcitonina nel sangue dipende direttamente dalla gravità del processo del cancro. La calcitonina è sintetizzata dalle cellule C della tiroide, che mutano durante lo sviluppo del carcinoma midollare, che si manifesta con un'eccessiva produzione di calcitonina. Il marcatore tumorale calcitonina della ghiandola tiroidea negli uomini, la decodifica è normale - fino a 8,4 ng / l, nelle donne - fino a 5 ng / l. Il suo livello aumentato dopo l'intervento chirurgico (sopra 10 ng / l) indica la presenza di metastasi. La determinazione della calcitonina e del CEA aumenta contemporaneamente l'affidabilità dello studio. Quando si esegue un test per la calcitonina, è importante rinunciare all'esercizio fisico durante il giorno precedente, perché hanno la capacità di ridurne il livello.

Inoltre, con carcinoma midollare, aumenta il livello di enolasi specifica per neurone (NSE)..

Pro e contro della ricerca

Un esame del sangue per l'OM della ghiandola tiroidea è ampiamente utilizzato nella diagnostica grazie al suo contenuto informativo e alla sua semplicità. Lo scopo di questo studio è diagnosticare il cancro nelle fasi iniziali, poiché prima viene identificata la diagnosi del processo del cancro, maggiori sono le possibilità di recupero del paziente.

Lo studio è condotto in laboratori ordinari spesso da ELISA, i dati ottenuti ci consentono di determinare lo stadio del processo. Non è richiesta una formazione speciale, devi venire al laboratorio la mattina e donare il sangue. Pertanto, tale analisi è ampiamente utilizzata come metodo di screening per la diagnosi del cancro (molte persone possono essere esaminate in breve tempo). I vantaggi del metodo includono:

  • semplicità: vieni e passa (OM arrendersi rigorosamente a stomaco vuoto);
  • la possibilità di sospettare la presenza di un tumore nella fase iniziale, quando non è ancora rilevato da altri strumenti diagnostici.

Tuttavia, il metodo presenta anche un inconveniente principale: bassa sensibilità. Sulla base dello studio, è impossibile fare una diagnosi affidabile al 100%, poiché è ausiliario tra gli altri metodi diagnostici - strumentali e di laboratorio. Sebbene la sensibilità dell'OM della ghiandola tiroidea superi l'80%, tuttavia, questo valore si riferisce alle fasi avanzate della patologia. Nelle prime fasi asintomatiche, mentre la terapia può essere più efficace, la sensibilità dell'OM raramente raggiunge il 50%. Tuttavia, nei gruppi ad alto rischio in oncologia e nei pazienti con sintomi adeguati, l'uso dell'OM può rilevare il cancro abbastanza presto..

Di importanza molto maggiore sono i livelli di OM per il monitoraggio del decorso della malattia durante la remissione. Durante questo periodo, OM si arrende regolarmente. Con valori negativi di recidiva non si osserva, mentre un aumento dei livelli indica una ricaduta, i cui sintomi possono essere visti solo dopo 3-6 mesi. Gli indicatori OM sono importanti anche per valutare l'efficacia del trattamento. La regressione del tumore è accompagnata da una diminuzione del livello di OM nel siero del sangue e l'assenza di cambiamenti o un aumento della concentrazione di OM mostra la resistenza della formazione alla terapia e indica la necessità di rivedere le sue tattiche.