Polineuropatia diabetica - tipi, fasi e trattamento

Questa malattia è un disturbo comune, i cui sintomi coprono una vasta gamma di manifestazioni cliniche. L'innervazione vegetativa colpisce le parti più importanti del sistema nervoso periferico, che sono responsabili del controllo di organi e muscoli. Il loro lavoro instabile ha un impatto diretto sulla vita del corpo.

Cos'è la polineuropatia diabetica

Il danno ai nervi del sistema periferico può portare alle conseguenze più imprevedibili, che vanno dalla deformazione del piede e termina con morte improvvisa. La neuropatia diabetica (codice ICD 10: G63.2) è considerata una delle malattie più pericolose che richiedono cure mediche urgenti. La malattia colpisce sia il sistema nervoso somatico che il sistema nervoso autonomo, quindi il fallimento di uno di essi minaccia il paziente con esito fatale. Il danno simultaneo al cervello e al midollo spinale raddoppia il rischio di morte improvvisa.

Polineuropatia autonoma

Il disturbo ha diverse forme, ognuna delle quali si riferisce a un sito specifico nel corpo umano. La neuropatia autonomica nel diabete mellito è caratterizzata da una violazione delle funzioni di determinati organi o interi sistemi, che può portare allo sviluppo di malattie come l'ipotensione ortostatica o l'osteoarthropatia. Tra i pazienti, ci sono diversi tipi di neuropatia viscerale, i più comuni dei quali sono:

  • forma urogenitale;
  • forma respiratoria;
  • forma cardiovascolare;
  • modulo di bordo;
  • forma gastrointestinale.

Polineuropatia somatica

Le complicanze neurologiche relative al funzionamento del sistema periferico sono identificate nei circoli medici come una malattia che colpisce tutto il corpo. La polineuropatia somatica non è ancora un fenomeno pienamente compreso, poiché non è possibile identificare le cause della sua insorgenza nel 25% dei casi anche dalle più famose istituzioni scientifiche.

Cause di polineuropatia

La polineuropatia diabetica può verificarsi a causa di vari fattori, il più importante dei quali è la scompenso dello zucchero. Secondo recenti studi, la terapia volta a ridurre la concentrazione di questa sostanza aiuta a fermare lo sviluppo di complicanze. Tuttavia, ci sono altre cause di polineuropatia diabetica, ad esempio avvelenamento con composti chimici o droghe. Spesso ci sono casi causati da intossicazione cronica (carenza di vitamina). Le seguenti patologie sistemiche possono portare alla comparsa della malattia:

  • collagenosi;
  • ischemia;
  • malattie oncologiche;
  • uremia;
  • ipotiroidismo;
  • cirrosi epatica.

Classificazione della polineuropatia

La malattia stimola lo sviluppo di un processo patologico nel corpo, che provoca una serie di complicanze, dalla paralisi degli arti superiori ai disturbi vegetativi. Tali manifestazioni possono essere divise non solo per il fattore eziologico. Esiste una classificazione separata della polineuropatia diabetica, inclusi due tipi: questo è il meccanismo di danno e il tipo di cellule delle fibre nervose.

Ciascuno di essi è suddiviso in diverse sottospecie, ad esempio, in base al meccanismo del danno, si distingue una malattia neuropatica, demielinizzante o assonale. Le patologie legate al tipo di fibra nervosa sono leggermente più numerose e comprendono: misto, sensoriale, autonomo, motorio e sensomotorio. Più comune di altri, c'è la polineuropatia diabetica sensoriale, che provoca un indebolimento della sensibilità alle vibrazioni.

Polineuropatia motoria

Il diabete mellito è un terreno fertile per lo sviluppo di molte malattie gravi, come la polineuropatia motoria assonale. La malattia è considerata un problema molto comune tra le persone che soffrono di lesioni del sistema periferico o cancro. Altri fattori che influenzano lo sviluppo della patologia sono noti alla medicina: questa è una predisposizione ereditaria o la mancanza di vitamina B.

La polineuropatia diabetica è spesso accompagnata da sensazioni spiacevoli nelle estremità inferiori, tuttavia a volte la malattia colpisce le mani. La pelle di tali pazienti perde la sua precedente elasticità, diventa secca e ruvida, come si può vedere guardando alcune foto su Internet.

Forma sensoriale di polineuropatia

Con la sconfitta della zona dei neuroni responsabile delle funzioni motorie del corpo, il funzionamento dell'apparato motorio può essere interrotto. La forma sensoriale della polineuropatia diabetica è considerata una conseguenza di queste complicanze, la cui causa principale è un aumento del livello di zucchero nel sangue. Tuttavia, ci sono casi di un'altra eziologia, come una vescica neurogena o mummificazione del tessuto gangrenizzato.

La forma più pericolosa di patologia è considerata come deviazioni genetiche di natura ereditaria, perché è quasi impossibile curare un tale disturbo. La perdita di sensibilità degli arti e la paresi dei muscoli sono i principali sintomi che indicano lo sviluppo della malattia. Il paziente può avvertire una sensazione di bruciore, prurito o formicolio che si verifica senza motivo apparente..

Polineuropatia distale

Esistono diversi tipi di lesioni del SNC, come la polineuropatia distale o motoria sensoriale. La prima forma è una complicazione molto comune, che porta alla morte delle fibre nervose. In definitiva, il processo può causare perdita di sensibilità agli arti inferiori o superiori, anisocoria o strabismo. I segni caratteristici della patologia includono:

  • crampi muscolari;
  • prurito uremico;
  • violazione dei riflessi pupillari;
  • forte dolore ai piedi;
  • mummificazione del tessuto gangrenizzato.

La sindrome del dolore può raggiungere condizioni critiche quando il paziente non è in grado di muoversi o svolgere un altro tipo di attività. Durante lo sviluppo di complicanze distali, si osservano sintomi di parestesia, che coprono i fianchi, la parte superiore della gamba e persino le spalle. Le dita degli arti inferiori sono le prime a soffrire, perché con esse inizia la progressione delle manifestazioni negative del diabete.

Polineuropatia diabetica in stadio

Alcune malattie sono così difficili da rilevare nelle prime fasi dello sviluppo che solo con l'aiuto di attrezzature speciali è possibile confermare la diagnosi. La neuropatia nel diabete ha tre fasi di sviluppo, ognuna delle quali include alcuni sintomi. All'inizio, le manifestazioni sono completamente assenti, ma nella seconda fase diventano evidenti tutti i segni dello sviluppo della patologia: danno acuto o subacuto ad alcune fibre cerebrali:

  • femorale;
  • sciatico;
  • oculomotor;
  • trigemino.

La maggior parte dei pazienti manifesta una diminuzione dei riflessi, forte dolore, bruciore, formicolio, ecc. Le persone anziane iniziano drammaticamente a perdere peso, caratteristica anche dei pazienti con diabete progressivo. Il terzo stadio della malattia richiede già procedure terapeutiche urgenti. In alcuni casi, è necessario un intervento operabile per rimuovere le ulcere trofiche o la cancrena, che inizialmente sono localizzate alle estremità inferiori del corpo.

Diagnosi di polineuropatia diabetica

Non sarà possibile identificare la forma di complicazione e attribuirla a un gruppo specifico di malattie senza attrezzature speciali. Il paziente deve fornire risposte dettagliate sulla salute o lamentarsi del funzionamento dei sistemi di organi. Dopo l'anamnesi, dovrai utilizzare un kit di neurologi per diagnosticare la neuropatia diabetica al fine di determinare il livello di glucosio nel sangue ed eseguire ulteriori procedure:

  • encephalopolneuropathy;
  • studio dei riflessi di Achille;
  • elettromiografia;
  • ECG;
  • Ecocardiografia;
  • ultrasuono
  • analisi generale delle urine.

Come trattare la neuropatia

La terapia include un approccio integrato per risolvere il problema dopo aver chiarito tutte le attività precedenti. È molto importante determinare la causa dell'insorgenza della malattia, dopo di che è possibile iniziare il trattamento della polineuropatia nel diabete mellito. I medici prescrivono farmaci glucocorticoidi per combattere i processi autoimmuni nel corpo, inoltre, i pazienti assumono farmaci a base di sali di potassio e aderiscono a una dieta proteica. Tutti i medicinali contengono una grande quantità di vitamine del gruppo B e C e la terapia di disintossicazione viene eseguita in parallelo..

Abbassare la glicemia

Esistono diversi metodi per abbassare la glicemia nell'uomo, che sono usati per trattare i pazienti con diabete. I medici raccomandano di utilizzare non solo i farmaci per ridurre la glicemia, ma anche di cambiare completamente la dieta. Il cibo consumato durante il giorno dovrebbe escludere l'ingestione di una grande quantità di carboidrati facilmente digeribili. Ai pazienti non è consentito mangiare cibi come pasta o patate. Dovrebbero essere sostituiti da verdure che possono abbassare i livelli di zucchero..

Acido alfa lipoico per il diabete

L'acido tioctico è direttamente coinvolto nei processi di metabolismo e formazione di energia da parte del corpo. Questa sostanza è considerata il più potente antiossidante, aiuta a scomporre il glucosio e neutralizza gli effetti dei radicali liberi. L'acido alfa lipoico viene venduto come integratore alimentare e viene utilizzato a scopi terapeutici per gravi malattie del cuore o del fegato. L'antiossidante stimola i processi di trasporto del glucosio, grazie ai quali vengono assorbiti..

Inibitori del diabete

Questo gruppo di sostanze è efficacemente usato per trattare i pazienti che soffrono di ipertensione. Gli ACE-inibitori nel diabete sono farmaci che hanno un effetto protettivo sul corpo del paziente. Impediscono l'ulteriore progressione della malattia, pertanto, sono i farmaci di prima scelta per le persone in qualsiasi fase del diabete. Tuttavia, l'assunzione di ACE-inibitori può causare reazioni avverse come glicemia asintomatica o iperglicemia..

Farmaci antinfiammatori non steroidei

I farmaci antinfiammatori non steroidei sono spesso usati per alleviare il dolore in medicina. Il medicinale è considerato il più efficace tra gli altri rappresentanti degli agenti terapeutici, tuttavia l'assunzione incontrollata di FANS per il dolore può causare gravi reazioni avverse dal corpo del paziente. Per prevenire lo sviluppo di problemi circolatori, i medici conducono regolari esami delle condizioni del paziente.

Actovegin per polineuropatia

I farmaci antiossidanti aiutano a normalizzare i disturbi metabolici nel nervo e negli ultimi anni sono stati usati per curare il diabete. Il trattamento con Actovegin della polineuropatia diabetica è assolutamente sicuro perché la sostanza non provoca effetti collaterali. Nel corso di diversi anni, non è stato registrato un singolo precedente negativo che coinvolga questo farmaco; la sua composizione comprende esclusivamente componenti fisiologici.

Trattamento della polineuropatia diabetica degli arti inferiori

Le complicanze causate da glicemia alta possono portare a una varietà di conseguenze, uno dei casi più comuni è considerato la neuropatia diabetica degli arti inferiori. Con tale diagnosi, è necessario un trattamento complesso, che consisterà in un componente farmacologico e non farmacologico. Per normalizzare i livelli di zucchero, i medici prescrivono una dieta speciale che include l'assunzione di farmaci speciali..

Trattamento di polineuropatia dei rimedi popolari degli arti inferiori

La terapia farmacologica con l'approvazione di un medico può essere supportata da metodi alternativi di trattamento come procedure aggiuntive. Esistono diverse ricette efficaci, alcune delle quali sono destinate alla somministrazione orale, mentre altre sono solo per uso esterno. Il più estremo è calpestare le foglie e gli steli delle ortiche a piedi nudi. Il trattamento della polineuropatia con rimedi casalinghi popolari può essere utilizzato solo se c'è un controllo da parte di uno specialista.

Prevenzione della polineuropatia

La comparsa di malattie di natura ereditaria non può essere prevenuta, tuttavia, in tutti gli altri casi, la prevenzione della neuropatia diabetica è una misura terapeutica importante. I principali punti di trattamento sono finalizzati all'eliminazione delle cause dell'insorgenza della malattia. Per fare una prognosi favorevole, il paziente deve attenersi a una dieta speciale e condurre uno stile di vita attivo, che prevede la pratica di sport o ginnastica.

Polineuropatia diabetica

Sintomi di polineuropatia diabetica degli arti inferiori

Il motivo principale per lo sviluppo della polineuropatia degli arti inferiori nei pazienti con diabete è un aumento del livello di glucosio nel sangue. Nella polineuropatia diabetica, il processo patologico si sviluppa nei nervi distali (remoti dal corpo) degli arti inferiori. All'inizio della malattia sono interessate le piccole fibre nervose non mielinizzate. Ciò porta a una perdita di dolore e sensibilità alla temperatura, alla comparsa di dolore neuropatico.

I segni caratteristici del dolore polineuropatico includono:

  • bruciore, tiro, impunture e dolore doloroso;
  • allodinia (il dolore si manifesta in risposta a stimoli che normalmente non lo provocano);
  • parestesia (formicolio o sensazione di gattonare in assenza di stimoli);
  • iperestesia (lo stimolo genera una sensazione più forte del normale, ma non raggiunge il livello di dolore);
  • crampi muscolari degli arti inferiori.

Una esacerbazione del dolore si osserva di notte. I pazienti possono manifestare sintomi di danno a grandi fibre sensoriali, inclusa perdita di sensibilità generale e squilibrio a causa della perdita di sensibilità proprietaria.

Nel tempo, la polineuropatia diabetica degli arti inferiori progredisce continuamente. Le fibre nervose grandi e piccole sono coinvolte nel processo patologico. I sintomi della malattia si diffondono dalla periferia al centro del tipo di "calze". Quando i segni di danni ai nervi raggiungono il livello delle ginocchia, gli stessi disturbi iniziano a portata di dito. Si diffusero gradualmente. Successivamente, si uniscono i disturbi motori con una diminuzione della forza degli arti distali superiori e inferiori. In ogni singolo paziente, il tasso di progressione della malattia dipende dall'esperienza di iperglicemia, età, presenza di ipertensione arteriosa e iperlipidemia. Man mano che la polineuropatia progredisce, il dolore può scomparire..

I pazienti con polineuropatia diabetica sviluppano i seguenti sintomi autonomici:

  • incontinenza urinaria e ritenzione;
  • violazione della funzione erettile ed eiaculatoria;
  • sudorazione patologica;
  • diminuzione della pressione sanguigna quando si sposta il corpo dalla posizione orizzontale a quella verticale;
  • disturbi del ritmo cardiaco;
  • diarrea o costipazione;
  • gonfiore.

Durante un esame neurologico nelle parti distali delle braccia e delle gambe, i neurologi rilevano una diminuzione della sensibilità al tocco morbido, l'esposizione alla temperatura e una puntura dell'ago. Nelle stesse sezioni, la sensazione di vibrazione e il senso della posizione del corpo sono ridotti. Nei casi più gravi della malattia, i medici identificano un test di Romberg positivo: un paziente con le gambe attaccate e gli occhi chiusi cade all'indietro.

Quando si esamina la funzione motoria nelle prime fasi della polineuropatia, le violazioni non vengono rilevate. Successivamente si unisce l'atrofia distale degli arti inferiori. I neurologi testano direttamente la forza della flessione delle dita dei piedi, poiché la loro debolezza è uno dei primi sintomi della malattia..

Parallelamente alla perdita di sensibilità, si può osservare una diminuzione o una perdita di riflessi tendinei profondi. Con un decorso più grave della malattia, si sviluppa l'artropatia deformante. Nel 10% dei pazienti con polineuropatia diabetica, si forma un'articolazione di Charcot. Molto spesso, il processo patologico si trova nella regione tarsometatarsale. Durante il sondaggio, i neurologi riescono a scoprire che l'articolazione è diventata gonfia, calda al tatto e dolorosa nel 30% dei casi dopo una piccola lesione. La distruzione progressiva per diversi mesi porta alla formazione di un'articolazione di Charcot con spostamento e sublussazione del metatarso verso il basso o alla formazione di un rigonfiamento mediale a causa dello spostamento della regione tarsometatarsale o dell'articolazione scafoide-navicolare.

Sintomi della polineuropatia diabetica

Nei pazienti con diabete, viene spesso diagnosticato il tipo sensomotorio di polineuropatia diabetica, in cui i nervi lunghi sensibili che vanno ai piedi e alle mani sono solitamente colpiti. Ecco perché i primi sintomi si verificano nelle estremità inferiori. A poco a poco, le fibre sensoriali dei piccoli nervi sono incluse nel processo patologico, i cui sintomi sono:

  • una sensazione di formicolio o bruciore;
  • perdita di sensibilità della pelle a temperature estreme;
  • sindrome del dolore che si verifica di notte;
  • intorpidimento degli arti;
  • rigonfiamento
  • sensazione di freddo nelle mani e nei piedi;
  • peeling e pelle secca;
  • arrossamento della pelle;
  • midollo osseo;
  • ferite o ulcere non cicatrizzanti.

Le lesioni delle fibre lunghe sono caratterizzate da:

  • maggiore sensibilità della pelle;
  • problemi di coordinamento;
  • perdita di un senso di equilibrio;
  • cambiamenti nelle articolazioni;
  • ridotta capacità motoria delle dita.

Con danni ai nervi sensoriali, si verifica una perdita completa o parziale della sensazione agli arti. La vittima non avverte dolore per tagli, ipotermia, ustioni e altre lesioni. Di conseguenza, le ulcere possono svilupparsi e se l'infezione penetra in esse, sono anche possibili infezione e cancrena. In una tale situazione, c'è solo una via d'uscita: l'amputazione di una parte dell'arto interessato.

Se il paziente ha notato che la pelle degli arti ha perso sensibilità, è necessario consultare urgentemente un medico

Con questo sintomo, è importante ispezionare quotidianamente il corpo, non solo le parti laterali, ma anche i talloni, lo spazio tra le dita.. Quando sono colpite le piccole fibre nervose, i pazienti avvertono spesso dolore ai polpacci e ai piedi

Il dolore può essere doloroso, sordo, formicolio o tirante. Di sera e di notte, la sindrome del dolore si intensifica. Con la polineuropatia, il dolore può manifestarsi all'inizio del trattamento del diabete. Quando il livello di zucchero nel sangue si normalizza, il dolore scompare e se il glucosio è ancora troppo alto, ma la sindrome è scomparsa, ciò può indicare la progressione della malattia.

Quando sono colpite le piccole fibre nervose, i pazienti avvertono spesso dolore ai polpacci e ai piedi. Il dolore può essere doloroso, sordo, formicolio o tirante. Di sera e di notte, la sindrome del dolore si intensifica. Con la polineuropatia, il dolore può manifestarsi all'inizio del trattamento del diabete. Quando il livello di zucchero nel sangue si normalizza, il dolore scompare e se il glucosio è ancora troppo alto, ma la sindrome è scomparsa, ciò può indicare la progressione della malattia.

Con un esteso danno nervoso e motorio, le vittime possono sentire un raffreddamento o freddo negli arti, mentre la sensazione non dipende dalla temperatura ambiente. Con la sconfitta delle piccole fibre, una persona smette di distinguere tra caldo e freddo, il che aumenta notevolmente il rischio di ustioni e congelamento. Il sintomo più comune della polineuropatia diabetica, e spesso l'unico, è una sensazione di intorpidimento degli arti inferiori.

Quando le fibre nervose lunghe sono colpite, una persona non sente i propri movimenti con le dita e il tocco. Inoltre, potrebbero esserci problemi di equilibrio e coordinazione nello spazio, in particolare si notano difficoltà quando ci si sposta al buio o al crepuscolo.

Se i nervi motori sono interessati, i muscoli del paziente diminuiscono di volume e si indeboliscono. Tuttavia, questi sono tutt'altro che i primi sintomi della polineuropatia diabetica..

Classificazione

Secondo la classificazione internazionale generalmente accettata delle malattie ICD-10, alla polineuropatia diabetica viene assegnato il codice G 63.2, Е 10.4, Е 11.4, Е 12.4, Е 13.4, Е 14.4, a seconda del tipo di lesione.

I sintomi della polineuropatia diabetica dipendono direttamente dal tipo e dallo stadio.

Oggi, ci sono numerose manifestazioni di cambiamenti patologici che possono essere distinti nei principali tipi.

Polineuropatia sensoriale

Con la polineuropatia diabetica sensoriale, i nervi sensibili sono interessati, il che provoca sensazioni distorte negli arti inferiori o superiori, il viso è simmetrico.

La forma sensoriale della polineuropatia è caratterizzata da:

  • Iperestesia (ipersensibilità alle sostanze irritanti). I cambiamenti patologici nei nervi causano la trasmissione di falsi segnali dai recettori della pelle al cervello. Il risultato: pelle d'oca, brividi, bruciore, formicolio e persino dolore improvviso.
  • Reazione inappropriata alle sostanze irritanti. Il dolore si verifica con qualsiasi irritazione esterna della pelle (carezze, formicolio). Inoltre, con una irritante, sorgono numerose sensazioni (la luce intensa provoca l'acufene, si avverte un certo odore e sapore).
  • Sensibilità ridotta o completamente assente. Le aree danneggiate del nervo limitano la trasmissione di informazioni al cervello (sindrome di "calze e guanti"). Durante il contatto tattile, una persona sente i guanti sulle mani e le calze sui piedi.

La frequente manifestazione di "pelle d'oca" sulla pelle è uno dei possibili sintomi della polineuropatia sensoriale

Polineuropatia motoria

Con la polineuropatia motoria, i nervi motori sono interessati, che sono responsabili della trasmissione dei segnali dal cervello ai muscoli. Lo sviluppo dei sintomi è graduale. La polineuropatia motoria è più pronunciata di notte e durante il riposo.

  • La stabilità si perde mentre si cammina a causa della ridotta sensibilità e atrofia muscolare.
  • La coordinazione dei movimenti è disturbata dall'incapacità di trasmettere segnali dall'apparato vestibolare al cervello attraverso i nervi cranici interessati.
  • Le articolazioni perdono mobilità, iniziano a gonfiarsi e deformarsi a causa delle fluttuazioni dei livelli di zucchero, dei disturbi della microcircolazione e dei processi metabolici. Inizialmente, lesioni delle articolazioni delle dita degli arti inferiori e superiori.
  • La comparsa di debolezza muscolare, una diminuzione della forza delle mani e dei piedi a causa di disturbi circolatori e innervazione. I muscoli si gonfiano, si indeboliscono, il loro volume diventa più piccolo. La prossima è la loro atrofia..

Un modo per rilevare la polineuropatia motoria

Forma sensoriale - motoria (distale) di polineuropatia

La polineuropatia sensomotoria (distale) è caratterizzata da una completa perdita di sensibilità alle variazioni di temperatura, pressione fisica dall'esterno, dolore, ecc. Potrebbe esserci un forte dolore acuto alle gambe, peggiore durante la notte..

Inoltre, il sistema muscolo-scheletrico viene interrotto, si verificano deformazioni ossee e si verifica la distrofia muscolare..

La pelle diventa eccessivamente secca, di colore rossastro con apparenti macchie dell'età. Le ghiandole sudoripare smettono di funzionare.

La pianta dei piedi e l'area interdigitale nei casi avanzati di polineuropatia sensoriale - motoria sono ricoperte da ulcere che non causano dolore a causa della mancanza di sensibilità. Tuttavia, i processi infiammatori possono portare all'amputazione.

Le ulcere sulla pianta della polineuropatia sensomotoria possono portare all'amputazione

Polineuropatia diabetica degli arti inferiori

Di norma, con la polineuropatia diabetica, le gambe soffrono più spesso. Nelle prime fasi delle lesioni degli arti inferiori:

  • c'è una sensazione di "pelle d'oca";
  • le gambe sono sistematicamente insensibili;
  • si sente dolore ai piedi e alle caviglie, soprattutto di notte. A volte c'è una sensazione di bruciore nei piedi;
  • la sensibilità al dolore e le variazioni di temperatura diminuiscono.

Con l'ulteriore sviluppo della malattia, si manifesta una sindrome del dolore, che diminuisce quando si cammina e più chiaramente si manifesta in uno stato di riposo, stress, affaticamento, durante il sonno. Cambiare la posizione delle gambe non porta a un cambiamento nella natura del dolore.

La polineuropatia diabetica degli arti inferiori porta a:

  • atrofia dei muscoli delle gambe;
  • letargia muscolare su dita e piedi;
  • arrossamento o oscuramento della pelle;
  • ispessimento o assottigliamento delle unghie;
  • sviluppo dell'osteoarthropatia del piede: l'articolazione della caviglia è deformata, c'è un aumento del piede nella dimensione trasversale, appaiono i piedi piatti, il polso nell'area interessata non è determinato.

Tipi di neuropatia

Poiché il sistema nervoso periferico è diviso in somatico e autonomo (autonomo), vengono anche chiamati due tipi di polineuropatia diabetica. Il primo causa più ulcere trofiche non cicatrizzanti degli arti inferiori, il secondo - problemi di minzione, impotenza e catastrofi cardiovascolari, spesso fatali.

Un'altra classificazione si basa sulle funzioni del sistema nervoso, che sono violate a causa dello sviluppo della patologia:

  • polineuropatia sensoriale associata ad un aumento del dolore agli arti inferiori o, al contrario, alla perdita di sensibilità tattile;
  • polineuropatia motoria, tipica della distrofia muscolare e perdita della capacità di movimento;
  • polineuropatia sensomotoria, che combina le caratteristiche di entrambe le complicanze.

Una manifestazione dell'ultima patologia mista è la neuropatia del nervo peroneale. I diabetici con tale disturbo non avvertono dolore in alcuni punti del piede e della parte inferiore della gamba. Le stesse parti delle superfici delle gambe non rispondono né al freddo né al caldo. Inoltre, i pazienti perdono la capacità di controllare i piedi. I pazienti sono costretti a camminare, sollevando in modo innaturale le gambe (andatura "a gallo").

Polineuropatia distale diabetica

Questa è una patologia che provoca la morte delle fibre nervose. La malattia porta a una completa perdita di sensibilità tattile e ulcerazione della parte più lontana delle estremità inferiori - i piedi. Una condizione tipica per i diabetici con DPN distale è un dolore sordo e dolente che è spesso così intenso che una persona non riesce a dormire. Inoltre, a volte le spalle iniziano a fare male. La polineuropatia progredisce e questo porta ad atrofia muscolare, deformazione ossea, piedi piatti, amputazione dei piedi.

Neuropatia periferica degli arti inferiori

Con questo tipo di malattia, si verificano gravi disturbi delle funzioni sensomotorie delle gambe. Nei diabetici, non solo i piedi, le caviglie, le parti inferiori delle gambe sono doloranti e intorpiditi, ma anche le mani. La polineuropatia periferica si verifica principalmente quando i medici prescrivono potenti farmaci antivirali con gravi effetti collaterali: stavudina, didanosina, saquinavir, zalcitabina

È importante diagnosticare tempestivamente questa patologia al fine di interrompere immediatamente il farmaco

Polineuropatia sensoriale

La caratteristica principale della patologia è la perdita di sensibilità degli arti inferiori, il cui grado può variare in modo significativo. Da lievi sensazioni di formicolio al completo intorpidimento, accompagnato da ulcerazione e deformazione dei piedi. Allo stesso tempo, la mancanza di sensibilità si unisce paradossalmente a dolori insopportabilmente forti che si verificano spontaneamente. La malattia colpisce la prima gamba, quindi passa spesso alla seconda, sempre più in alto, interessando le dita e le mani, il busto, la testa.

Polineuropatia dismetabolica

Il verificarsi di questa varietà di complicanze è spesso provocato, oltre al diabete, alle malattie dello stomaco, dell'intestino, dei reni, del fegato. Molti plessi nervosi delle estremità possono essere colpiti. In violazione dello sciatico, i neuroni femorali, il dolore, le ulcere trofiche, le difficoltà con il movimento compaiono, il ginocchio, i riflessi tendinei scompaiono. Gomito, trigemino, nervi ottici spesso danneggiati. La polineuropatia dismetabolica può verificarsi senza dolore.

Classificazione della neuropatia diabetica

A seconda della topografia, la neuropatia diabetica può essere:

  • periferico, quando principalmente i nervi spinali sono coinvolti nel processo patologico;
  • autonomo, quando viene interrotta la fornitura di nervi agli organi interni.

Altri autori usano la classificazione sindromica della neuropatia diabetica. Il suo vantaggio è l'uso di moderni metodi di ricerca, con i quali è possibile identificare i cambiamenti nel sistema nervoso anche prima delle loro manifestazioni cliniche e dei reclami dei pazienti. Secondo questa classificazione, ci sono:

  1. Sindrome di polineuropatia simmetrica generalizzata:
    • con una lesione predominante dei nervi motori (neuropatia motoria);
    • con una lesione primaria dei nervi sensoriali (neuropatia sensoriale);
    • con una lesione combinata quando sono interessati sia i nervi sensoriali che i motori (neuropatia sensomotoria);
    • neuropatia iperglicemica.
  2. Sindrome da neuropatia autonoma (vegetativa):
    • gastrointestinale;
    • cardiovascolare;
    • respiratorio
    • urogenitale;
    • nave-motore.
  3. Sindrome di neuropatia diabetica - focale o multifocale:
    • neuropatia da tunnel;
    • neuropatia cranica;
    • radiculoneuropatia / plessopatia;
    • amiotrofia;
    • polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica.

Alcuni evidenziano anche la neuropatia centrale. Ha le seguenti forme:

  • encefalopatia diabetica;
  • disturbi mentali acuti;
  • disturbi cerebrali vascolari acuti.

Secondo la classificazione clinica, tenendo conto delle manifestazioni della neuropatia diabetica, si distinguono le seguenti fasi del processo:

  1. Neuropatia subclinica.
  2. Neuropatia clinica:
    • forma di dolore acuto;
    • forma di dolore cronico;
    • forma indolore, che si combina con una diminuzione della sensibilità o con la sua perdita completa.
  3. Stadio di complicanze tardive, che includono piede diabetico, deformità neuropatica dei piedi.

Trattamento della polineuropatia distale sensoriale diabetica

Non esistono standard approvati e affidabili per il trattamento della polineuropatia diabetica.

I medici dell'ospedale Yusupov prestano particolare attenzione alla prevenzione dell'insorgenza della malattia e alla progressione dei sintomi. L'endocrinologo osserva i pazienti che vengono trattati in una clinica di neurologia.

I medici monitorano attentamente i livelli di glucosio nel sangue. Viene mantenuto a un livello vicino al bersaglio e ai livelli normali di emoglobina glicosilata. Per mantenere una concentrazione ottimale di glucosio, vengono utilizzate sia le iniezioni di insulina sia un complesso di farmaci antidiabetici.

Ai pazienti viene raccomandata la nutrizione dietetica, la quantità necessaria di attività fisica, che garantirà il normale funzionamento del corpo, mantenendolo in buona forma. Se si verificano disturbi trofici sulla pelle, il personale medico fornisce assistenza per le aree interessate: applicare unguenti per alleviare il dolore o normalizzare la sensibilità degli arti.

L'acido alfa-lipoico e i preparati contenenti benfotiamina sono ampiamente utilizzati per il trattamento della polineuropatia diabetica. Uno dei metodi terapeutici più efficaci è l'uso di antidepressivi triciclici che bloccano il dolore. I neurologi tengono conto delle controindicazioni all'uso di questi farmaci, iniziano la terapia con dosi minime, aumentando a dosi ottimali. I medici monitorano attentamente il verificarsi di effetti collaterali degli antidepressivi triciclici (secchezza delle fauci, sonnolenza, debolezza), regolano il dosaggio e cambiano i farmaci.

L'elemento terapeutico principale che influenza i meccanismi di sviluppo della polineuropatia sensoriale distale diabetica degli arti inferiori è l'uso di antiossidanti. Ciò è dovuto al fatto che con il diabete, l'attività dei propri sistemi antiossidanti diminuisce, i radicali liberi si formano in eccesso. La diminuzione della gravità dello stress ossidativo con l'introduzione di farmaci con effetti antiossidanti è accompagnata dai seguenti cambiamenti positivi:

  • miglioramento del flusso sanguigno endoneurale;
  • una diminuzione del livello di perossidazione lipidica;
  • normalizzazione del contenuto di protossido di azoto endoteliale;
  • aumento del contenuto di proteine ​​protettive (protettive) da stress termico.

Il posto di leader tra gli antiossidanti è occupato dall'acido α-lipoico o tioctico, un antiossidante lipofilo naturale. Questo farmaco riduce sia i sintomi neuropatici che la carenza neuropatica. I medici di una clinica di neurologia iniziano il trattamento con un ciclo di flebo endovenoso (tioctacide, 600 mg per 200 ml di soluzione fisiologica) per 15 giorni, quindi prescrivono al paziente 600 mg di compresse di tioctacide BV, che assume continuamente.

La sequenza delle procedure di trattamento

Il trattamento della polineuropatia è necessariamente controllato da un medico, che in ogni caso sviluppa uno schema individuale per combattere la patologia.

Il trattamento della patologia ha tre obiettivi principali:

  • Normalizza la glicemia.
  • Alleviare il dolore.
  • Ripara le fibre nervose danneggiate.

La riparazione delle fibre nervose è l'obiettivo principale del trattamento della polineuropatia diabetica

Il bilancio dello zucchero viene normalizzato utilizzando i seguenti gruppi di farmaci:

  • contribuendo alla produzione di insulina da parte del pancreas: Nateglinide, Glyclazide, Liquidvon;
  • aumento della sensibilità dei tessuti periferici all'insulina: Ciglitazone, Englitazone, Metformina;
  • ostacolando l'assorbimento degli zuccheri nell'intestino: Miglitol.

Ripristina il lavoro dei nervi e rimuovi il dolore, ricorrendo a:

  • ai farmaci che aiutano a normalizzare i livelli di zucchero nel sangue con attività antiossidante: Espa-lipon, Thioctacid, ecc.;
  • farmaci che bloccano i processi infiammatori dei tessuti nervosi, ripristinano le fibre nervose e migliorano la loro segnalazione: Milgamm, vitamine del gruppo B;
  • alleviare il dolore, l'infiammazione e l'edema dei nervi: nimesulide, indometacina;
  • un farmaco che può bloccare il flusso di impulsi del dolore nel cervello - Amitriptilina;
  • anticonvulsivanti che prevengono la contrazione muscolare convulsiva ed eliminano il dolore: Gabapentin, Pregabalin;
  • oppioidi sintetici: zaldiar e ossicodone, che inibiscono gli impulsi del dolore, riducendo la sensibilità al dolore e alle temperature estreme;
  • Agente antiaritmico di mexiletina, che aiuta a bloccare i canali del sodio, che provoca disturbi nella trasmissione dell'impulso del dolore;
  • anestetici locali: unguenti e cerotti Versatis, Ketoprofen, ecc..

Quasi tutti i farmaci hanno controindicazioni ed effetti collaterali, il che porta all'impossibilità dell'automedicazione.

Oltre ai metodi farmacologici, è possibile il trattamento della polineuropatia diabetica degli arti inferiori:

  • riscaldare gli arti con un leggero massaggio e calze calde. È vietato trattare questa patologia con una piastra riscaldante, bagni caldi e fiamme libere;
  • con solette ortopediche, riducendo il carico sui piedi;
  • trattamento delle ferite con agenti antisettici;
  • esercizi giornalieri di 10 minuti consigliati dagli specialisti.

Sintomi di polineuropatia diabetica

Nelle diverse fasi della malattia, i sintomi possono differire in modo significativo: con uno stadio zero, i sintomi sono completamente assenti. Il primo stadio non ha segni caratteristici, ma il medico può diagnosticare la malattia studiando esami del sangue già pronti e risultati dei test diagnostici sul territorio del dipartimento neurofisiologico.

Nella seconda fase clinica si distinguono dolore cronico, dolore acuto, amiotrofia e forma indolore. Nella forma di dolore cronico, i diabetici avvertono bruciore e dolore alle gambe, mentre la sensibilità diminuisce sensibilmente, a seguito della quale viene diagnosticata la polineuropatia degli arti inferiori. Soprattutto la sintomatologia può peggiorare di notte..

Quando si sviluppa una forma acuta di dolore, le sensazioni del dolore iniziano a diffondersi in tutto il corpo, in alcuni casi si osserva una maggiore sensibilità alle estremità inferiori. L'amiotrofia è accompagnata da debolezza muscolare e forte dolore durante la notte. Con una forma indolore, una persona non avverte completamente dolore e sbalzi di temperatura.

Il medico diagnostica la terza fase della malattia quando si osservano gravi complicanze. Nella zona dei piedi, puoi vedere numerose ferite e ulcere, è possibile lo sviluppo del piede di Charcot, in questo caso la malattia spesso porta all'amputazione del piede.

Tutti i possibili segni della manifestazione della malattia possono essere suddivisi in tre gruppi principali:

  1. I sintomi sensibili includono disturbi sotto forma di dolore, taglio, tiro, dolori brucianti. Nei diabetici, la sensibilità diminuisce o, al contrario, aumenta la sensibilità, braccia e gambe diventano insensibili. Inoltre, il paziente potrebbe non avvertire vibrazioni o variazioni di temperatura..
  2. I sintomi dell'attività motoria sono accompagnati da debolezza o atrofia dei tessuti muscolari delle gambe, mancanza di riflessione, arti tremanti, crampi dei muscoli del caviale.
  3. In particolare, in un diabetico, il sistema autonomo è interrotto, questo si manifesta con tachicardia, una diminuzione della pressione sanguigna, quando una persona cambia posizione del corpo, costipazione, diarrea, impotenza, sudorazione alterata, gonfiore.

Fattori di rischio

Il principale fattore di rischio per la polineuropatia diabetica è il diabete. L'aumentata probabilità del disturbo è direttamente proporzionale alla durata e allo stadio della malattia. Più a lungo il paziente ha il diabete, maggiore è il rischio di complicanze. Il maggiore fattore di rischio è il controllo raro e irregolare dello zucchero nel diabete diagnosticato. Il frequente controllo glicemico e il mantenimento di un livello adeguato è il modo migliore per proteggere lo stato sano di nervi e vasi sanguigni.

I fattori di rischio che una persona può influenzare sono ipercolesterolemia (colesterolo alto), ipertensione (pressione alta). Un aumento del colesterolo LDL porta alla distruzione dei vasi sanguigni, quindi a una riduzione della corretta alimentazione dei nervi. I diabetici hanno un rischio circa 2 volte maggiore di ipertensione rispetto alle persone sane. La presenza di ipertensione, come il diabete, è pericolosa in termini di complicazioni tardive la pressione alta distrugge i vasi sanguigni, limita la circolazione sanguigna.

Diagnostica

Inizialmente, i cambiamenti patologici non si manifestano in alcun modo e la diagnosi di polineuropatia nel diabete può essere effettuata solo tramite test di laboratorio.

Quando si diagnostica una malattia, gli specialisti ricorrono ai seguenti metodi.

Puoi anche leggere: Come inizia la cancrena nei diabetici

  • Una storia medica, in cui il medico analizza tutti i cambiamenti che si verificano nel corpo del paziente. Utilizzando scale e questionari speciali, vengono determinati i nervi interessati e la gravità dei cambiamenti patologici.
  • Ispezionerò. La deformazione delle articolazioni dei piedi e dei palmi indica l'insorgenza di cambiamenti patologici. Sui piedi, viene determinato lo stato delle ghiandole sudoripare, l'aspetto di calli, calli, ulcere, aree infiammate. Questi segni possono anche indicare polineuropatia diabetica..
  • La sensibilità alle vibrazioni viene studiata utilizzando un diapason graduato Rüdel-Seiffer. Questo apparecchio è una spina d'acciaio con una punta di plastica. Colpire i denti di un diapason provoca vibrazioni. Viene effettuato uno studio triplo in cui un dispositivo vibrante è appoggiato a varie aree del piede. Se il paziente non è in grado di non sentire le vibrazioni di 128 Hz, una ridotta sensibilità e, di conseguenza, una possibile polineuropatia diabetica.
  • La sensibilità tattile viene determinata utilizzando un dispositivo speciale - monofilamento, simile a una matita con una spessa lenza attaccata ad esso. Premendo sulla pelle per alcuni secondi, lo specialista determina in quali luoghi è assente la sensibilità della pelle. Ogni punto in vari punti del corpo viene esaminato almeno 3 volte. Questo studio può essere condotto anche con cotton fioc e batuffoli di cotone..
  • La sensibilità alla temperatura viene determinata utilizzando un piccolo cilindro, da un lato costituito da metallo, e dall'altro, realizzato in plastica. Lo specialista tocca alternativamente la pelle del paziente con diverse estremità del dispositivo. Nella polineuropatia diabetica, la differenza di temperatura inerente al metallo e alla plastica non si fa sentire.
  • La sensibilità al dolore viene determinata utilizzando un ago neurologico smussato, uno stecchino monouso o un attrezzo speciale. Il paziente chiude gli occhi e lo specialista pizzica la pelle su diverse parti delle gambe. Una persona sana dovrebbe provare un colpo e non un tocco.
  • Vengono valutati i seguenti riflessi: ginocchio: uno specialista che utilizza un martello neurologico colpisce il tendine sotto il ginocchio. Con cambiamenti patologici nei nervi, non si osserva la contrazione del quadricipite femorale; Achille: in questo caso, il tendine di Achille sopra il tallone viene colpito. In condizioni normali, il piede dovrebbe piegarsi.
  • La velocità della comunicazione degli impulsi tra le fibre muscolari e il cervello è determinata mediante elettroneurografia. Sono utilizzati: elettroneurografo ed elettromiografo.

Durante il periodo di studio, i sensori vengono fissati sulla superficie della pelle e gli elettrodi ad ago vengono introdotti nei muscoli. Le basse correnti stimolano il nervo, i sensori raccolgono il segnale di risposta e li indirizzano all'elaborazione.

Una patologia viene diagnosticata se:

  • quando passa il tronco nervoso, il segnale viene ritardato;
  • non tutti i muscoli rispondono in modo appropriato all'irritazione di alcuni nervi.

Polineuropatia diabetica degli arti inferiori (segni, come trattare)

Tra le complicazioni del diabete, una delle più dolorose e difficili da tollerare è la polineuropatia diabetica. A causa di danni ai nervi, il paziente avverte muscoli letargici, gambe che si cuociono o bruciano, può verificarsi una sensazione di intorpidimento, forte prurito, dolore acuto prolungato. Queste sensazioni sono scarsamente rimosse da antistaminici e semplici antidolorifici. Di norma, i sintomi si intensificano di notte, il paziente è praticamente privato del sonno normale, quindi la depressione, gli attacchi di panico e i disturbi mentali vengono aggiunti alla polineuropatia.

La polineuropatia diabetica rappresenta un terzo di tutte le neuropatie. La probabilità di complicanze dipende dalla durata del diabete: con un'esperienza di 5 anni, ogni settimo paziente viene diagnosticato una neuropatia, la vita con diabete per 30 anni aumenta la probabilità di danni ai nervi fino al 90%.

Cos'è la polineuropatia diabetica

È importante saperlo! Una novità consigliata dagli endocrinologi per il monitoraggio continuo del diabete! È necessario solo ogni giorno. Leggi di più >>

Disturbi del carboidrato e altri tipi di metabolismo nel diabete influenzano negativamente l'intero sistema nervoso, dal cervello alle terminazioni sulla pelle. Il danno al sistema nervoso centrale è chiamato encefalopatia diabetica, neuropatia periferica - diabetica.

Il diabete e i picchi di pressione saranno un ricordo del passato

Il diabete è la causa di quasi l'80% di tutti gli ictus e amputazioni. 7 persone su 10 muoiono a causa di ostruzioni delle arterie del cuore o del cervello. In quasi tutti i casi, la ragione di questa terribile fine è la stessa: glicemia alta.

Lo zucchero può e deve essere abbattuto; Ma questo non cura la malattia stessa, ma aiuta solo a combattere le indagini e non la causa della malattia.

L'unico medicinale ufficialmente raccomandato per il diabete e utilizzato dagli endocrinologi nel loro lavoro è il cerotto per il diabete di Ji Dao.

L'efficacia del farmaco, calcolata secondo il metodo standard (il numero di pazienti che hanno recuperato il numero totale di pazienti nel gruppo di 100 persone che sono state sottoposte a trattamento) è stata:

  • Normalizzazione dello zucchero - 95%
  • Eliminazione della trombosi venosa - 70%
  • Eliminazione di un forte battito cardiaco - 90%
  • Alleviare la pressione alta - 92%
  • Rigore durante il giorno, sonno migliorato di notte - 97%

I produttori di Ji Dao non sono un'organizzazione commerciale e sono finanziati dallo stato. Pertanto, ora ogni residente ha l'opportunità di ricevere il farmaco con uno sconto del 50%.

La neuropatia è divisa in:

  • sensoriale: con una violazione della sensibilità;
  • motore - con danno ai nervi che servono i muscoli;
  • vegetativo, quando i nervi che servono l'organo umano sono danneggiati.

La neuropatia sensoriale-motoria è il tipo più comune, molto spesso inizia nelle aree più lontane dal sistema nervoso centrale, di solito nelle estremità inferiori. Pertanto, si chiama distale, dal latino - sedimento. Di solito, i cambiamenti iniziano immediatamente su entrambe le gambe, progrediscono anche simmetricamente. La neuropatia sensomotoria simmetrica distale era chiamata "polineuropatia diabetica", in termini di prevalenza tra le neuropatie, al primo posto, rappresenta fino al 70% delle lesioni dei nervi periferici.

Pertanto, è consuetudine chiamare la polineuropatia diabetica una lesione delle fibre motorie dei muscoli scheletrici, dei meccanorecettori della pelle, dei tendini, dei recettori del dolore che si verificano con il diabete in aree remote del corpo.

Codice ICD-10 - G63.2 E10.4 - E14.4 a seconda del tipo di diabete.

La polineuropatia è uno dei fattori fondamentali nello sviluppo della sindrome del piede diabetico, in cui viene aggiunta un'infezione alle lesioni nervose e, di conseguenza, si formano ulcere profonde, scarsamente cicatrizzanti sugli arti.

Tipi di polineuropatia diabetica

Esistono 3 tipi di polineuropatia diabetica:

  1. Tocca il tipo. Predomina la distruzione dei nervi periferici sensoriali, che sono fibre nervose di diverso diametro, che raccolgono informazioni sulle nostre sensazioni e le trasmettono al cervello.
  2. Tipo di motore. Una più forte distruzione dei nervi motori, necessaria per trasmettere ai muscoli informazioni sulla necessità di contrarsi e rilassarsi.
  3. Tipo misto. Nel corpo, tutti i nervi lavorano insieme: quelli sensibili determinano che il ferro è caldo, quelli motori portano il comando di tirare indietro la mano per evitare scottature. Anche i nervi sono danneggiati più spesso in un complesso, quindi la polineuropatia sensoriale-motoria è la più comune.

Cause della malattia

Lo sviluppo della polineuropatia dipende direttamente dal livello di glicemia di un paziente con diabete. È stato clinicamente dimostrato che più spesso un diabetico ha un alto livello di zucchero nel sangue, più velocemente progrediranno tutte le complicanze, inclusa la polineuropatia. Se la glicemia è stabilmente normale, 15 anni dopo il diabete, i segni di polineuropatia sono registrati solo nel 15% dei pazienti, tutti in forma lieve.

Cause di danno alle cellule nervose nell'iperglicemia:

  1. Disturbo metabolico.
  • l'iperglicemia cronica costringe il corpo ad utilizzare altri modi di utilizzo del glucosio, in cui si accumulano sorbitolo e fruttosio, anche all'interno e attorno alle cellule nervose. Ciò influenza la guaina nervosa, che è direttamente coinvolta nella trasmissione degli impulsi;
  • glicazione delle cellule nervose;
  • distruzione del loro guscio da parte dei radicali liberi;
  • carenza di mielina nel nervo dovuta al blocco del trasporto di mioinositolo.
  1. Danni ai vasi sanguigni. La microangiopatia diabetica colpisce i vasi nervosi periferici.
  2. Eredità. È stata rivelata una predisposizione alla polineuropatia diabetica. Vi sono prove che in alcune persone, i nervi sono danneggiati alcuni anni dopo la diagnosi di diabete, mentre altri vivono senza questa complicazione per decenni, nonostante l'alto contenuto di zucchero.
  3. I disturbi immunitari sono la causa meno esplorata. Esistono versioni che la polineuropatia può essere provocata dagli anticorpi per i fattori di crescita nervosa prodotti dal corpo del paziente.

Sintomi e segni distintivi

Con la polineuropatia, le fibre sensibili sono di solito le prime a soffrire, quindi inizia il danno motorio. Molto spesso, i primi sintomi si osservano sui piedi e poi si diffondono gradualmente a tutti gli arti inferiori, catturano le mani e gli avambracci e, nei casi più gravi, l'addome e il torace.

Maggiore sensibilità, disagio dal normale tocco o abbigliamento. Pelle d'oca, intorpidimento, dolore superficiale a riposo senza motivo. Una reazione insolita del corpo a un irritante, ad esempio prurito quando si accarezza.

Indebolimento della sensibilità. Un paziente con polineuropatia diabetica smette di sentire cose precedentemente familiari: rugosità superficiale quando si cammina a piedi nudi, dolore quando si calpesta piccoli oggetti. La capacità di determinare la temperatura della pelle da parte della pelle è compromessa, di solito quella calda sembra appena calda.

Tipo di polineuropatiaSintomi caratteristici
Sensoriale
Il motorePiù veloce arriva quando si cammina, diminuisce la forza delle mani. La mobilità delle articolazioni diminuisce, prima sulle dita delle estremità superiore e inferiore, diventa difficile piegarle e raddrizzarle completamente. Il coordinamento dei movimenti peggiora, le capacità motorie subiscono, ad esempio, è impossibile infilare un ago. In futuro, viene aggiunta un'andatura traballante, instabilità in posizione eretta, il volume muscolare diminuisce. Tutti i sintomi sono più luminosi dopo il riposo.
Motore del sensoreIl complesso dei suddetti sintomi, all'inizio della malattia, prevale la polineuropatia sensoriale. Tutti i segni si sentono meglio di notte o immediatamente dopo il risveglio..

Polineuropatia distale diabetica

Le fibre nervose più lunghe nel corpo umano si trovano nelle gambe. Danneggiarli in qualsiasi area significa perdita della funzione nervosa, quindi la polineuropatia è spesso distale, localizzata nelle estremità inferiori. I cambiamenti più gravi si osservano nella cosiddetta "zona delle calze" - sui piedi e sulle caviglie. Prima di tutto, la temperatura tattile, quindi la sensibilità al dolore sono violate qui..

In futuro, iniziano i cambiamenti nei muscoli, a seguito dei quali cambia l'aspetto del piede: si piegano e trovano le dita l'una sull'altra, l'arco è appiattito. La pelle sensibile diventa un bersaglio eccellente per varie lesioni che, a causa della concomitante malnutrizione e del deflusso di prodotti metabolici, cessano gradualmente di guarire, formando ulcere trofiche. L'infiammazione locale permanente distrugge il tessuto osseo. Di conseguenza, la polineuropatia distale può trasformarsi in cancrena e osteomielite con una perdita di capacità di muoversi autonomamente.

La polineuropatia diabetica degli arti inferiori nella fase iniziale presenta sintomi come intorpidimento, formicolio, pesantezza ai piedi durante la notte, incapacità di sentire un leggero tocco, una costante sensazione di freddo nelle dita dei piedi, diminuzione della sudorazione sui piedi o, al contrario, pelle costantemente bagnata, desquamazione e arrossamento in alcuni punti attrito.

Come trattare la polineuropatia nei pazienti con diabete

Il trattamento della polineuropatia diabetica degli arti inferiori nella prima fase è il raggiungimento di glicemia costantemente normale. È dimostrato che un buon controllo glicemico porta alla regressione della neuropatia di nuova diagnosi ed è un prerequisito per il trattamento efficace delle forme gravi della malattia..

Per normalizzare il livello di glucosio nel sangue, è necessario consultare un endocrinologo competente che prescriverà un nuovo regime terapeutico e selezionerà farmaci più efficaci. Il paziente in questa fase è tenuto a rispettare rigorosamente le raccomandazioni di uno specialista, che oltre ai farmaci includono l'educazione fisica e restrizioni dietetiche significative - di solito i carboidrati veloci sono completamente esclusi dalla dieta.

Trattamento senza farmaci

È possibile migliorare la circolazione sanguigna e quindi la nutrizione dei tessuti dei piedi, usando semplici metodi non farmacologici. Più volte al giorno devi fare un leggero auto-massaggio dei piedi. Se la pelle è troppo secca, è indispensabile utilizzare una crema idratante durante il massaggio. Le bottiglie di acqua calda e i bagni caldi sono vietati a causa del pericolo di ustioni, che un diabetico con polineuropatia potrebbe non sentire nemmeno, poiché i recettori sulla superficie della pelle vengono distrutti.

In nessun caso dovresti limitare l'attività. Assicurati di camminare a lungo ogni giorno, ma allo stesso tempo assicurati che le gambe non si sovraccarichino.

Per migliorare la circolazione sanguigna, sarà utile un semplice set di esercizi:

  1. Siediti su una sedia.
  2. Flex: fletti le dita dei piedi.
  3. Segui i tuoi piedi con movimenti circolari in diverse direzioni.
  4. Allontana le calze da te, verso di te.
  5. Rotola gli oggetti con i piedi sul pavimento: palline, pezzi di pipa, mattarello.

Nelle sale di fisioterapia, è possibile prescrivere elettroforesi, bagni di paraffina, bagni di ultratonoterapia, radon e idrogeno solforato per ridurre il dolore..

Uso di medicinali

Direzione del trattamentopreparativiDosaggio e trattamento
Neutralizzazione dei radicali liberiAntiossidanti, acido lipoico più spesso: tioctacido, tiogamma, neyrolipon.600 mg al giorno. Prima, per via endovenosa, poi per via orale. 3 settimane a sei mesi.
Correzione metabolicaVitamine, in particolare gruppo B: Vitagamma, Milgamma, Neuromultivit.3-5 settimane, il dosaggio è indicato nelle istruzioni.
Angioprotettori e correttori di circolazione: ActoveginPer via endovenosa fino a 10 ml al giorno - 3 settimane. Una compressa per via orale tre volte al giorno per almeno 6 settimane.
AnestesiaAntidepressivi: Amitriptilina.A partire da 10 mg e oltre, un ciclo di almeno 2 mesi.
Rimedi locali: Capsicam, Finalgon.Applicare prima di coricarsi.
Analgesici centrali: catadolone.100-200 mg tre volte al giorno.
Oppioidi: tramadolo.Come diretto da un medico.

Utile: abbiamo inserito un elenco di vitamine consentite per i diabetici e il loro confronto qui - http://diabetiya.ru/lechimsya/vitaminy-dlya-diabetikov.html

Rimedi popolari popolari

Non ci sono prove dell'efficacia del trattamento della polineuropatia diabetica con rimedi popolari, pertanto tale terapia può essere considerata esclusivamente come aggiunta ai metodi tradizionali di trattamento.

Ricetta numero 1

Molto spesso, impacchi di argilla verde o blu sono usati per curare i piedi dei diabetici. 100 g di argilla vengono diluiti in sospensione con infuso di camomilla (preparare un sacchetto di camomilla in un bicchiere d'acqua). L'argilla viene applicata sulla pelle in una forma leggermente calda e in attesa di una completa asciugatura. Le compresse vengono ripetute ogni giorno per due settimane, seguite da una pausa della stessa durata.

Ricetta numero 2

Una ricetta popolare per abbassare lo zucchero con i rimedi popolari: prendere parti uguali di radice di tarassaco, foglie di fagioli, foglie di ortica e galega, mescolare. Prepara un cucchiaio di questa miscela ogni giorno al mattino in un bicchiere d'acqua. Brodo da bere durante il giorno.

Ricetta numero 3

La polvere di chiodi di garofano ha proprietà antiossidanti. È preparato con zenzero e cardamomo e bevuto con diabete come il tè. Proporzioni: un quarto di cucchiaino di tutti gli ingredienti per tazza d'acqua.

Prevenzione

Per prevenire la polineuropatia, immediatamente dopo il rilevamento del diabete mellito, è necessario ricostruire completamente il proprio stile di vita: controllare la nutrizione e seguire una dieta NU, sottoporsi ad allenamento, imparare come calcolare accuratamente la dose di insulina e correggere in modo indipendente l'iperglicemia. La compensazione del diabete riduce il rischio di complicanze del sistema nervoso di un fattore dieci, è possibile solo con la posizione attiva del paziente e il rispetto di tutte le istruzioni del medico.

Corsi regolari di vitamine (multivitaminici o solo gruppo B) e acido lipoico, esercizio fisico o solo uno stile di vita in movimento saranno utili per la prevenzione della polineuropatia diabetica..

Assicurati di imparare! Pensi che le pillole e l'insulina siano l'unico modo per tenere sotto controllo lo zucchero? Non vero! Puoi verificarlo tu stesso iniziando a usarlo. leggi di più >>

A causa dell'effetto tossico sul sistema nervoso, in nessun caso dovresti bere alcolici. Le polineuropatie diabetiche e alcoliche nel complesso peggiorano notevolmente la prognosi del trattamento, le complicanze si sviluppano molto più rapidamente. Inoltre, bere regolarmente rende impossibile raggiungere la normoglicemia..