Che cos'è un peptide C: descrizione, norma di analisi del sangue per il diabete mellito (se aumentato o diminuito)

C-peptide (dal peptide di connessione inglese, può essere tradotto come "peptide di connessione") - una sostanza che si forma dalla scissione della proinsulina da parte delle peptidasi è un indicatore della secrezione di insulina intrinseca. È curioso che lo stesso oligopeptide, a differenza dell'insulina, non abbia alcun effetto sulla glicemia, tuttavia è estremamente importante per le persone con diabete: è già stato dimostrato che a causa della sua mancanza, iniziano a causare complicazioni.

C-peptide nel sangue

A seconda del livello di glucosio nel sangue nelle cellule beta del pancreas, viene prodotta preproinsulina. Dopo la scissione da un piccolo ramo dell'oligopeptide, si trasforma in proinsulina. Con un aumento del livello di glucosio, le molecole di proinsulina si scindono in un peptide C (oligopeptide con una lunghezza di 31 aminoacidi) e nell'insulina stessa. Entrambi vengono rilasciati nel flusso sanguigno. Dopo la secrezione, l'insulina e il peptide C attraverso la vena porta compaiono per primi nel fegato, dove viene distrutto circa il 50% dell'insulina. Il peptide C è più resistente: viene metabolizzato nei reni. L'emivita di insulina nel sangue periferico è di 4 minuti e il peptide C è di circa 20. Pertanto, il livello di questa sostanza caratterizza la produzione di insulina nelle cellule delle isole di Langerhans molto meglio dell'insulina stessa.

Diagnostica

A causa del fatto che il peptide C appare nel sangue nella stessa massa molare dell'insulina, può essere usato come marker per la secrezione di insulina. Quindi, ad esempio, con il diabete di tipo 1 e nelle fasi successive del diabete di tipo 2, la sua concentrazione nel sangue diminuisce. In una fase precoce (anche prima del manifest), il diabete 2 aumenta e con l'insulinoma (tumori del pancreas), la concentrazione di questa sostanza nel sangue aumenta significativamente. Consideriamo questa domanda in modo più dettagliato..

Un livello aumentato si osserva con:

diabete mellito insulino-dipendente,

farmaci ormonali,

Un livello ridotto è caratteristico di:

diabete mellito insulino-dipendente in condizioni ipoglicemizzanti,

Funzionalità di analisi

Determinare indirettamente la quantità di insulina con anticorpi inattivanti, che cambiano gli indicatori, rendendoli più piccoli. È anche usato per gravi violazioni del fegato..

Per determinare il tipo di diabete mellito e le caratteristiche delle cellule beta del pancreas per la scelta di una strategia di trattamento.

Identificare le metastasi tumorali del pancreas dopo la rimozione chirurgica.

Viene prescritto un esame del sangue per le seguenti malattie:

Diabete mellito di tipo 1, in cui viene abbassato il livello proteico;

Diabete mellito di tipo 2, in cui gli indicatori sono più alti del normale;

Lo stato di eliminazione postoperatoria del cancro nel pancreas;

Infertilità e sua causa - ovaio policistico;

Diabete mellito gestazionale (è stato specificato il rischio potenziale per il bambino);

Una varietà di disturbi nella deformazione del pancreas;

Inoltre, questa analisi consente di identificare la causa dello stato ipoglicemico nel diabete. Questo indicatore aumenta con l'insulinoma, l'uso di droghe sintetiche per abbassare lo zucchero..

Il livello viene ridotto, di norma, dopo aver assunto una grande quantità di alcol o sullo sfondo dell'introduzione dell'insulina esogena su base continuativa.

Uno studio è prescritto se una persona si lamenta:

per sete costante,

aumento della produzione di urina,

aumento di peso.

Se la diagnosi di diabete mellito è già stata effettuata, viene eseguita un'analisi per valutare la qualità del trattamento. Il trattamento scelto in modo improprio è irto di complicazioni: molto spesso in questo caso, le persone si lamentano di compromissione della vista e ridotta sensibilità delle gambe. Inoltre, possono essere osservati segni di malfunzionamento dei reni e ipertensione arteriosa..

Il sangue venoso viene prelevato per analisi. Per otto ore prima dello studio, il paziente non dovrebbe mangiare, ma puoi bere acqua.

Si consiglia di non fumare almeno 3 ore prima della procedura e di non sottoporsi a un intenso sforzo fisico e di non innervosirsi. Il risultato dell'analisi può essere conosciuto dopo 3 ore.

La norma del peptide C e interpretazione

La norma del peptide C è la stessa nelle donne e negli uomini adulti. La norma non dipende dall'età dei pazienti ed è compresa tra 0,9 e 7,1 ng / ml.

Di norma, la dinamica del peptide corrisponde alla dinamica della concentrazione di insulina. La velocità di digiuno è 0,78 -1,89 ng / ml (SI: 0,26-0,63 mmol / l).

Il medico determina gli standard per i bambini in ciascun caso specifico, poiché il livello di questa sostanza in un bambino durante l'analisi del digiuno può essere leggermente inferiore al limite inferiore della norma, poiché un frammento di una molecola di proinsulina lascia le cellule beta solo dopo aver mangiato.

Il peptide C può essere aumentato con:

  • ipertrofia di cellule di isolotti di Langerhans. Porzioni pancreatiche in cui viene sintetizzata l'insulina sono gli isolotti di Langerhans.,
  • obesità,
  • insulinoma,
  • diabete di tipo 2,
  • tumore del pancreas,
  • Sindrome dell'intervallo QT,
  • l'uso di sulfoniluree.
  • Oltre a quanto sopra, il peptide C può essere aumentato con alcuni tipi di agenti ipoglicemizzanti ed estrogeni..

Il peptide C si riduce quando:

  • ipoglicemia alcolica,
  • diabete di tipo 1.

Tuttavia, capita spesso che il livello del peptide nel sangue a stomaco vuoto sia normale o vicino alla normalità. In questo caso, è impossibile determinare quale tipo di diabete ha una persona. In tali situazioni, si raccomanda di condurre uno speciale test stimolato in modo che la norma individuale per un particolare paziente diventi nota.

Questo studio può essere eseguito utilizzando:

Iniezioni di glucagone (un antagonista dell'insulina), è strettamente controindicato per le persone con ipertensione o feocromocitoma,

Test di tolleranza al glucosio.

È ottimale passare entrambi gli indicatori: sia un'analisi a stomaco vuoto che un test stimolato. Ora diversi laboratori usano kit diversi per determinare il livello della sostanza e la norma è leggermente diversa.

Peptide e diabete

La medicina moderna ritiene che con il peptide C sia più conveniente controllare l'insulina. Utilizzando la ricerca, è facile distinguere tra insulina endogena (prodotta dall'organismo) e insulina esogena. A differenza dell'insulina, l'oligopeptide non risponde agli anticorpi dell'insulina e non viene distrutto da questi anticorpi.

Poiché i medicinali insulinici non contengono questa sostanza, la sua concentrazione nel sangue del paziente consente di valutare le prestazioni delle cellule beta. Ricordiamo: le cellule beta pancreatiche producono insulina endogena.

In una persona con diabete, il livello basale del peptide, e in particolare la sua concentrazione dopo il carico di glucosio, consente di capire se esiste insulino-resistenza. Inoltre, vengono determinate le fasi della remissione, che consente di regolare correttamente la terapia.

Tenendo conto di tutti questi fattori, possiamo concludere che l'analisi di questa sostanza ci consente di valutare la secrezione di insulina in vari casi.

Nelle persone con diabete che hanno anticorpi contro l'insulina, a volte si può osservare un livello falso elevato di peptide C a causa di anticorpi che interagiscono con la proinsulina.

Di particolare importanza dovrebbero essere dati ai cambiamenti nella concentrazione di questa sostanza nell'uomo dopo l'intervento di insulinomi. Un livello elevato indica un tumore ricorrente o metastasi.

Nota: in caso di insufficienza epatica o renale, il rapporto nel sangue dell'oligopeptide e dell'insulina può cambiare.

Sono necessarie ricerche per:

Diagnosi della forma del diabete,

La scelta del trattamento,

Scelta del tipo di medicinale e dosaggio,

Test di carenza di cellule beta,

Diagnostica dello stato ipoglicemico,

Stime della produzione di insulina,

Monitoraggio delle condizioni dopo la rimozione del pancreas.

Per molto tempo si è creduto che la sostanza stessa non avesse alcuna funzione speciale, quindi è importante solo che il suo livello sia normale. Dopo molti anni di ricerche e centinaia di articoli scientifici, è diventato noto che questo complesso composto proteico ha un pronunciato effetto clinico:

  • Con la nefropatia,
  • Con neuropatia,
  • Con angiopatia diabetica.

Tuttavia, gli scienziati non sono ancora stati in grado di scoprire esattamente come funzionano i meccanismi protettivi di questa sostanza. Questo argomento rimane aperto. Non ci sono ancora spiegazioni scientifiche per questo fenomeno, così come informazioni sugli effetti collaterali del peptide C e sui rischi che il suo uso può comportare. Inoltre, i medici russi e occidentali non hanno ancora concordato se l'uso di questa sostanza sia giustificato per altre complicanze del diabete.

Esame del sangue del peptide C.

Analisi del sangue

descrizione generale

Il peptide di collegamento (C-peptide) fa parte della catena peptidica della proinsulina, a seguito della scissione della quale si forma l'insulina. L'insulina e il peptide C sono i prodotti finali della trasformazione della proinsulina nelle cellule β delle isole pancreatiche (pancreas) a seguito dell'esposizione all'endoleptidasi. In questo caso, l'insulina e il peptide C vengono rilasciati nel flusso sanguigno in quantità equimolari.

L'emivita nel plasma del peptide C è più lunga di quella dell'insulina: nel peptide C - 20 minuti, nell'insulina - 4 minuti. È per questo che il peptide C è presente nel sangue circa 5 volte tanto quanto l'insulina, e quindi il rapporto C-peptide / insulina è 5: 1. Ciò suggerisce la conclusione che il peptide C è un marker più stabile rispetto all'insulina. Dal sistema di circolazione, l'insulina viene rimossa dal fegato e il peptide C dai reni. La rilevazione della concentrazione di peptide C nel sangue consente di caratterizzare la funzione sintetica residua delle cellule β (dopo stimolazione con glucagone o tolbutamide), in particolare nei pazienti trattati con insulina eterogenea. Nella medicina pratica, il rilevamento del peptide C viene utilizzato per determinare il fattore causale dell'ipoglicemia. Ad esempio, nei pazienti con insulinoma, viene rilevato un aumento significativo della concentrazione di peptide C nel sangue. Per confermare la diagnosi, viene eseguito un test di soppressione della genesi del peptide C. Al mattino, il sangue viene prelevato dal paziente per rilevare il peptide C, dopodiché l'insulina viene infusa per via endovenosa per un'ora a una velocità di 0,1 U / kg e il sangue viene nuovamente prelevato per l'analisi. Se il livello di peptide C dopo l'infusione di insulina scende di meno del 50%, si può sicuramente determinare la presenza di un tumore secernente insulina nel paziente. L'analisi per il peptide C ci consente di valutare la secrezione di insulina sullo sfondo dell'uso dell'insulina esogena, in presenza di autoanticorpi verso l'insulina.

Il peptide C, contrariamente all'insulina, non forma un legame incrociato con gli anticorpi anti-insulina (AT), il che rende possibile determinare il livello di insulina endogena nei pazienti con diabete in base al suo livello. Sapendo che i farmaci insulinici non contengono un peptide C, dal suo livello nel siero del sangue è possibile valutare la funzione delle cellule beta del pancreas nei pazienti con diabete mellito in trattamento con insulina.

Come è la procedura?

Il prelievo di sangue per l'analisi sul peptide C viene effettuato da una vena cubitale a stomaco vuoto. L'ultimo pasto dovrebbe essere almeno 8 ore prima dello studio. Per escludere l'uso di alcol 24 ore prima dello studio e smettere di fumare un'ora.

Indicazioni per la nomina di un esame del sangue per il peptide C.

  • diagnosi differenziale del diabete mellito di tipo 1 e di tipo 2;
  • scelta delle tattiche di trattamento del diabete;
  • valutazione della funzione residua delle cellule β nei pazienti con diabete sullo sfondo della terapia insulinica;
  • identificazione e controllo della remissione del diabete giovanile;
  • diabete negli adolescenti obesi;
  • prevedere il decorso del diabete;
  • diagnosi di insulinomi;
  • sospetta ipoglicemia artificiale;
  • infertilità;
  • sindrome delle ovaie policistiche;
  • valutazione della probabilità di patologia fetale in donne in gravidanza con diabete;
  • valutazione della secrezione di insulina nelle malattie del fegato;
  • controllo dopo resezione pancreatica.

Decodifica del risultato dell'analisi

  • insulinoma;
  • metastasi o recidiva di insulinomi;
  • fallimento renale cronico;
  • ipertrofia delle cellule β;
  • AT all'insulina;
  • diabete mellito di tipo 2;
  • ipoglicemia con derivati ​​sulfonilurea orali che abbassano il glucosio;
  • somatotropinoma;
  • apudoma;
  • mangiare
  • assunzione di farmaci (estrogeni, progesterone, glucocorticoidi, clorochina, danazolo, contraccettivi orali);
  • diabete mellito di tipo 2;
  • Malattia di Itsenko-Cushing;
  • sindrome delle ovaie policistiche.
  • somministrazione di insulina esogena;
  • diabete mellito di tipo 1;
  • diabete mellito di tipo 2 (ad eccezione della fase iniziale);
  • diabete insulino-dipendente di tipo 1;
  • ipoglicemia alcolica;
  • condizione stressante;
  • AT ai recettori dell'insulina nel diabete mellito di tipo 2;
  • chirurgia pancreatica radicale.

norme

Norma: 0,78-1,89 ng / ml (SI: 0,26-0,63 mmol / l).

Malattie in cui il medico può prescrivere un esame del sangue per il peptide C.

Diabete mellito (tipo 1 e 2)

Nel diabete mellito di tipo 2, indipendente dall'insulina, si osserva un aumento della concentrazione di peptide C..
Con il diabete di tipo 2, si osserva un aumento della concentrazione del peptide C in una fase precoce.
Con il diabete di tipo 1 nel sangue, la concentrazione di peptide C viene ridotta.
Nel diabete mellito di tipo 2 (ad eccezione della fase iniziale), la concentrazione di peptide C nel sangue è ridotta.
Con diabete mellito di tipo 1 insulino-dipendente, si osserva una diminuzione della concentrazione di peptide C..

Sindrome di Cushing

Nella malattia di Itsenko-Cushing si osserva un aumento della concentrazione di peptide C..

Fallimento renale cronico

Nell'insufficienza renale cronica nel sangue, la concentrazione di peptide C è aumentata.

Sindrome delle ovaie policistiche

Con la sindrome dell'ovaio policistico, la concentrazione di peptide C nel sangue aumenta.

C-peptide sierico

Il peptide C è un componente della secrezione pancreatica endocrina, che è un indicatore della produzione di insulina e viene utilizzato per la diagnosi del diabete mellito (DM), la sua prognosi e il monitoraggio del suo trattamento, nonché per la diagnosi di alcuni tumori del pancreas.

Peptide legante, peptide legante.

Sinonimi inglese

Collegamento peptide, C-peptide.

Saggio immunoenzimatico chemiluminescente competitivo in fase solida.

Intervallo di rilevamento: 0,01 - 400 ng / ml.

Ng / ml (nanogrammi per millilitro).

Quale biomateriale può essere utilizzato per la ricerca?

Come prepararsi allo studio?

  • Escludere l'alcool dalla dieta il giorno prima dello studio.
  • Non mangiare per 8 ore prima dello studio, puoi bere acqua naturale pulita.
  • Elimina lo stress fisico ed emotivo 30 minuti prima dello studio..
  • Non fumare per 3 ore prima dello studio.

Panoramica dello studio

Il peptide C (dall'inglese peptide di collegamento - "legame", "peptide di collegamento") è così chiamato perché collega le catene di peptidi alfa e beta nella molecola di proinsulina. Questa proteina è necessaria per la sintesi di insulina nelle cellule del pancreas, un processo a più fasi, nella fase finale della quale la proinsulina inattiva viene scissa con il rilascio di insulina attiva. Come risultato di questa reazione, si forma anche una quantità di peptide C pari a insulina, in relazione alla quale questo indicatore di laboratorio viene utilizzato per valutare il livello di insulina endogena (la concentrazione di insulina stessa viene raramente misurata per questo scopo). Ciò è dovuto alle peculiarità del metabolismo dell'insulina nella norma e nella patologia del pancreas. Dopo la secrezione, l'insulina con un flusso di sangue portale viene inviata al fegato, che ne accumula una parte significativa ("effetto di primo passaggio") e solo allora entra nella circolazione sistemica. Di conseguenza, la concentrazione di insulina nel sangue venoso non riflette il livello della sua secrezione da parte del pancreas. Inoltre, il livello di insulina varia significativamente in molte condizioni fisiologiche (ad esempio, il consumo stimola la sua produzione e durante la fame si riduce). La sua concentrazione cambia anche nelle malattie accompagnate da una significativa riduzione dei livelli di insulina (diabete mellito). Quando compaiono gli autoanticorpi contro l'insulina, le reazioni chimiche per determinarlo sono molto difficili. Infine, se l'insulina ricombinante viene utilizzata come terapia sostitutiva, non è possibile distinguere tra insulina esogena ed endogena. A differenza dell'insulina, il peptide C non subisce l'effetto di primo passaggio nel fegato, pertanto la concentrazione del peptide C nel sangue corrisponde alla sua produzione nel pancreas. Poiché il peptide C viene prodotto in proporzioni uguali con l'insulina, la concentrazione del peptide C nel sangue periferico corrisponde alla produzione diretta di insulina nel pancreas. Inoltre, la concentrazione di peptide C è indipendente dalle variazioni dei livelli di glucosio nel sangue ed è relativamente costante. Queste caratteristiche suggeriscono che l'analisi del peptide C è il metodo migliore per valutare la produzione di insulina pancreatica..

Normalmente, l'insulina viene prodotta nelle cellule beta del pancreas in risposta ad un aumento della concentrazione di glucosio nel sangue. Questo ormone svolge molte funzioni, la principale delle quali, tuttavia, è garantire il flusso di glucosio nei tessuti insulino-dipendenti (fegato, tessuto adiposo e muscolo). Le malattie in cui vi è una diminuzione assoluta o relativa dei livelli di insulina interrompono l'utilizzo del glucosio e sono accompagnate da iperglicemia. Nonostante il fatto che le cause e i meccanismi di sviluppo di queste malattie siano diversi, l'iperglicemia è un disturbo metabolico comune che causa il loro quadro clinico; Questo è un criterio diagnostico per il diabete. Distingue tra diabete di tipo 1 e di tipo 2, nonché alcune altre sindromi caratterizzate da iperglicemia (LADA, diabete MODY, diabete in gravidanza, ecc.).

Il diabete di tipo 1 è caratterizzato dalla distruzione autoimmune del tessuto pancreatico. Mentre le cellule beta sono principalmente danneggiate dai linfociti T autoreattivi, è anche possibile rilevare autoanticorpi verso determinati antigeni delle cellule beta nel sangue dei pazienti con diabete di tipo 1. La distruzione delle cellule porta a una diminuzione della concentrazione di insulina nel sangue.

Lo sviluppo del diabete di tipo 1 in soggetti predisposti è promosso da fattori come alcuni virus (virus di Epstein-Barr, virus Coxsackie, paramyxovirus), stress, disturbi ormonali, ecc. La prevalenza del diabete di tipo 1 nella popolazione è di circa 0,3-0, 4% e significativamente inferiore al diabete di tipo 2. Il diabete di tipo 1 si verifica spesso prima dei 30 anni ed è caratterizzato da grave iperglicemia e sintomi, inoltre nei bambini si sviluppa improvvisamente sullo sfondo della piena salute. L'inizio acuto del diabete di tipo 1 è caratterizzato da grave polidipsia, poliuria, polifagia e perdita di peso. Spesso la sua prima manifestazione è la chetoacidosi diabetica. Di norma, tali sintomi riflettono una significativa perdita di cellule beta che si è già verificata. Nei giovani, il diabete di tipo 1 può svilupparsi più a lungo e gradualmente. La perdita significativa di cellule beta all'inizio della malattia è associata a un controllo insufficiente dei livelli di glucosio durante il trattamento con preparati di insulina e al rapido sviluppo di complicanze del diabete. Al contrario, la presenza della funzione residua delle cellule beta è associata a un adeguato controllo dei livelli di glucosio con il trattamento dell'insulina, con il successivo sviluppo di complicanze del diabete ed è un buon segno prognostico. L'unico metodo per valutare la funzione residua delle cellule beta è la misurazione del peptide C, quindi questo indicatore può essere utilizzato per dare una prognosi del diabete di tipo 1 nella sua diagnosi iniziale.

Nel diabete di tipo 2, la secrezione di insulina e la sensibilità dei tessuti periferici ai suoi effetti sono compromesse. Nonostante il livello di insulina nel sangue possa essere normale o addirittura elevato, rimane basso sullo sfondo dell'iperglicemia presente (deficit di insulina relativa). Inoltre, con il diabete di tipo 2, i ritmi fisiologici della secrezione di insulina sono disturbati (la fase di secrezione rapida nelle prime fasi della malattia e la secrezione di insulina basale durante la progressione della malattia). Le cause e i meccanismi della ridotta secrezione di insulina nel diabete di tipo 2 non sono stati completamente compresi, ma è stato stabilito che uno dei principali fattori di rischio è l'obesità e l'attività fisica riduce significativamente la probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 (o influenza favorevolmente il suo decorso)

I pazienti con diabete di tipo 2 rappresentano circa il 90-95% di tutti i pazienti con diabete. La maggior parte di loro ha il diabete di tipo 2 in famiglia, il che conferma la predisposizione genetica alla malattia. In genere, il diabete di tipo 2 si verifica dopo 40 anni e si sviluppa gradualmente. L'iperglicemia non è così pronunciata come nel diabete di tipo 1, pertanto la diuresi osmotica e la disidratazione non sono tipiche del diabete di tipo 2. Le prime fasi della malattia sono accompagnate da sintomi non specifici: vertigini, debolezza e compromissione della vista. Spesso il paziente non presta attenzione a loro, ma nel corso di diversi anni la malattia progredisce e porta a cambiamenti irreversibili: infarto del miocardio e crisi ipertensiva, insufficienza renale cronica, diminuzione o perdita della vista, compromissione della sensibilità degli arti con ulcerazione.

Nonostante la presenza di caratteristiche che rendono possibile sospettare il diabete di tipo 1 o di tipo 2 in un paziente con iperglicemia di nuova diagnosi, l'unico metodo in grado di valutare in modo inequivocabile il grado di riduzione della funzione delle cellule beta è la misurazione del peptide C, pertanto questo indicatore viene utilizzato nella diagnosi differenziale tipi di diabete, specialmente nella pratica pediatrica.

Nel tempo, il quadro clinico del diabete di tipo 2 e del diabete di tipo 1 inizia a dominare le manifestazioni di iperglicemia cronica prolungata: malattie del sistema cardiovascolare, reni, retina e nervi periferici. Con una diagnosi tempestiva, un trattamento precoce e un adeguato controllo dei livelli di glucosio, la maggior parte di queste complicanze può essere prevenuta. I metodi di trattamento dovrebbero mirare principalmente a mantenere la funzione residua delle cellule β, nonché a mantenere un livello ottimale di glucosio. La terapia insulinica ricombinante è il miglior trattamento per il trattamento del diabete di tipo 1. È stato dimostrato che il trattamento tempestivo con insulina rallenta il processo di distruzione autoimmune delle cellule β e riduce il rischio di complicanze del diabete. Per valutare il trattamento del diabete, vengono tradizionalmente utilizzati glucosio ed emoglobina glicosilata (HbA).1c) Tuttavia, questi indicatori non sono in grado di caratterizzare l'effetto del trattamento sulla conservazione della funzione delle cellule β. Per valutare questo effetto, viene utilizzata la misurazione del peptide C. Questo è l'unico modo per valutare il livello di secrezione di insulina da parte del pancreas durante il trattamento con preparati esogeni di insulina. Uno dei metodi promettenti per il trattamento del diabete di tipo 1 è il trapianto (infusione) di cellule donatrici del pancreas. Questo metodo fornisce un controllo ottimale del glucosio senza iniezioni ripetute quotidiane di insulina. Il successo dell'operazione dipende da molte ragioni, tra cui la compatibilità dei tessuti del donatore e del ricevente. La funzione delle cellule beta pancreatiche donatrici dopo il trapianto viene valutata misurando la concentrazione di peptide C. Sfortunatamente, l'uso di questo metodo in Russia è ancora limitato..

A differenza del diabete di tipo 1, il diabete di tipo 2 non richiede un trattamento con insulina da molto tempo. Il controllo della malattia per un periodo di tempo viene raggiunto attraverso cambiamenti nello stile di vita e farmaci ipoglicemizzanti. Tuttavia, di conseguenza, per la maggior parte dei pazienti con diabete di tipo 2, la terapia sostitutiva con insulina è ancora necessaria per un controllo ottimale dei livelli di glucosio. Di norma, la necessità di trasferire il paziente ai preparati di insulina sorge a causa dell'incapacità di controllare il livello di glucosio anche quando si utilizza una combinazione di agenti ipoglicemizzanti alle massime dosi terapeutiche. Un tale decorso della malattia è associato a una significativa riduzione della funzione delle cellule β, che si sviluppa dopo alcuni anni nei pazienti con diabete di tipo 2. In questa situazione, la misurazione del peptide C ci consente di giustificare la necessità di un cambiamento nelle tattiche di trattamento e di iniziare tempestivamente il trattamento con preparati di insulina.

Le malattie raramente pancreatiche comprendono i tumori. Il tumore del pancreas endocrino più comune è l'insulinoma. Di regola, si sviluppa all'età di 40-60 anni. Nella stragrande maggioranza dei casi, l'insulinoma è una formazione benigna. L'insulinoma può essere localizzato non solo all'interno del tessuto pancreatico, ma anche in qualsiasi altro organo (insulinoma ectopico). L'80% dell'insulina sono tumori ormonalmente attivi. Il quadro clinico della malattia è dovuto all'azione dell'insulina in eccesso e all'ipoglicemia. I sintomi comuni di insulinoma sono ansia, palpitazioni, sudorazione eccessiva (sudore profuso), vertigini, fame e coscienza compromessa. I sintomi si fermano quando si mangia. Frequenti episodi di ipoglicemia portano a compromissione della memoria, sonno e cambiamenti nella psiche. L'identificazione di un peptide C elevato aiuta nella diagnosi di insulinomi e può essere utilizzata in combinazione con altri metodi di laboratorio e strumentali. Va notato che l'insulinoma è un componente della sindrome della neoplasia endocrina multipla e può anche essere combinato con un altro tumore del pancreas - gastrinoma.

A cosa serve lo studio??

  • Valutare il livello di secrezione di insulina da parte delle cellule β del pancreas nei casi di sospetto diabete mellito;
  • valutare l'effetto del trattamento sul mantenimento della funzione residua delle cellule beta del pancreas e valutare la prognosi del diabete di tipo 1;
  • identificare una significativa riduzione della funzione delle cellule beta del pancreas e l'inizio tempestivo della terapia con preparati di insulina in pazienti con diabete di tipo 2;
  • per la diagnosi di insulinoma e tumori pancreatici associati.

Quando è programmato uno studio?

  • In presenza di sintomi di iperglicemia grave nel diabete di tipo 1: sete, aumento delle urine giornaliere, aumento di peso, aumento dell'appetito;
  • in presenza di sintomi di iperglicemia moderata nel diabete di tipo 2: visione alterata, vertigini, debolezza, specialmente nelle persone con eccesso di peso corporeo o obesità;
  • in presenza di sintomi di iperglicemia cronica: progressiva diminuzione della vista, diminuzione della sensibilità degli arti, formazione di ulcere non cicatrizzanti a lungo termine degli arti inferiori, sviluppo di insufficienza renale cronica, cardiopatia coronarica e ipertensione arteriosa, in particolare nelle persone con peso corporeo in eccesso o con obesità;
  • nella diagnosi differenziale del diabete di tipo 1 e di tipo 2, in particolare nel caso della diagnosi di diabete nei bambini e nei giovani;
  • nella fase di monitoraggio del trattamento del diabete di tipo 1;
  • quando si decide in merito alla necessità di iniziare la terapia insulinica in pazienti con diabete di tipo 2 che non sono in grado di raggiungere il livello ottimale di glucosio utilizzando una combinazione di farmaci ipoglicemizzanti nelle dosi terapeutiche più elevate possibili;
  • in presenza di sintomi di ipoglicemia con insulinoma: ansia, palpitazioni, sudorazione, vertigini, fame, coscienza alterata, memoria, sonno e psiche.

Cosa significano i risultati??

Valori di riferimento: 1,1 - 4,4 ng / ml.

Cause di aumento dei livelli sierici di peptide C:

  • obesità (tipo maschile);
  • tumori del pancreas;
  • assunzione di preparati di sulfonilurea (glibenclamide);
  • sindrome del QT lungo.

Ragioni per abbassare i livelli sierici di peptide C:

  • diabete;
  • l'uso di tiazolidinedioni (rosiglitazone, troglitazone).

Cosa può influenzare il risultato?

In caso di compromissione della funzionalità epatica (epatite cronica, cirrosi), il livello di C-peptide è aumentato.

Chi prescrive lo studio?

Endocrinologo, medico generico, pediatra, anestesista per rianimazione, optometrista, nefrologo, neurologo.

Letteratura

Chernecky C. C. Test di laboratorio e procedure diagnostiche / S.S. Chernecky, B.J. Berger; 5a ed. - Saunder Elsevier, 2008.

C-peptide

Marcatore biologicamente inattivo del metabolismo dei carboidrati, un indicatore della secrezione di insulina endogena.

Il peptide C è un frammento stabile di proinsulina prodotta endogena, "tagliata" da esso durante la formazione di insulina. Il livello di peptide C corrisponde al livello di insulina prodotta nel corpo.

Nella molecola di proinsulina tra le catene alfa e beta c'è un frammento costituito da 31 residui di aminoacidi. Questo è il cosiddetto peptide di collegamento o C-peptide. Nella sintesi di una molecola di insulina nelle cellule beta del pancreas, questa proteina viene escreta dalle peptidasi e, insieme all'insulina, entra nel flusso sanguigno. L'insulina non è attiva fino a quando il peptide C non viene scisso. Ciò consente al pancreas di accumulare riserve di insulina come pro-ormone. A differenza dell'insulina, il peptide C è biologicamente inattivo. C-peptide e insulina sono secreti in quantità equimolari, pertanto la determinazione del livello di C-peptide ci consente di valutare la secrezione di insulina. Va notato che sebbene il numero di molecole di peptide C e insulina formate durante la secrezione nel sangue sia lo stesso, la concentrazione molare di peptide C nel sangue è circa 5 volte la concentrazione molare di insulina, che è apparentemente associata a un diverso tasso di rimozione di queste sostanze dal flusso sanguigno.

La misurazione del peptide C presenta diversi vantaggi rispetto alla determinazione dell'insulina: l'emivita del peptide C nella circolazione sanguigna è più lunga dell'insulina, pertanto il livello del peptide C è un indicatore più stabile della concentrazione di insulina. Nell'analisi immunologica, il peptide C non si incrocia con l'insulina, a causa della quale la misurazione del peptide C consente di valutare la secrezione di insulina anche durante l'assunzione di insulina esogena, nonché in presenza di autoanticorpi verso l'insulina, che è importante quando si esaminano pazienti con diabete mellito insulino-dipendente.

Il livello di peptide C cambia in base alle fluttuazioni del livello di insulina formata endogena. Il rapporto di questi indicatori può cambiare sullo sfondo delle malattie del fegato e dei reni, poiché l'insulina viene metabolizzata principalmente dal fegato e il metabolismo e l'escrezione del peptide C vengono effettuati dai reni. A questo proposito, la definizione di questo indicatore può essere utile per la corretta interpretazione dei cambiamenti nel contenuto di insulina nel sangue in caso di compromissione della funzionalità epatica.

C-Peptide C-Peptide di cosa si tratta, perché e come viene testato, normale, cause di anomalie

Come è l'analisi

Le caratteristiche del test per il peptide C per il paziente differiscono poco da un normale esame del sangue biochimico.

Il sangue viene prelevato da una vena per verificare la presenza di peptidi e poiché il cibo influisce direttamente sulla produzione di insulina, il sangue viene somministrato a stomaco vuoto. Il pasto dovrebbe essere 6-8 ore prima dell'analisi.

Vietato prima della ricerca:

  • consumare bevande alcoliche;
  • fumare;
  • assumere farmaci ormonali (se non sono vitali per la salute);
  • mangiare cioccolato o altri tipi di dolci.

Importante! Se è impossibile rifiutare il giorno dell'analisi dei farmaci che forniscono importanti funzioni corporee, il tecnico di laboratorio deve essere avvisato della presenza di sostanze estranee nel sangue.. A volte un'analisi a stomaco vuoto non fornisce dati accurati, quindi il medico prescrive misure stimolanti per risultati di ricerca più accurati

Tali misure comprendono:

A volte un'analisi a stomaco vuoto non fornisce dati accurati, quindi il medico prescrive misure stimolanti per risultati di ricerca più accurati. Tali misure comprendono:

  • colazione regolare contenente carboidrati leggeri (pane bianco, focaccia, torta), che aumenta la produzione di insulina e, di conseguenza, peptidi C;
  • l'iniezione di glucagone è un antagonista dell'insulina (la procedura è controindicata per le persone con ipertensione), aumenta la glicemia.

Il paziente riceve i risultati non prima di 3 ore dopo l'assunzione del sangue. Questo periodo può aumentare, poiché l'analisi del peptide C non viene eseguita in tutti i laboratori clinici e potrebbe essere necessario trasportarla in un centro di ricerca più qualificato. Il tempo di attesa standard è di 1-3 giorni dalla data dell'analisi..

Il giorno dell'analisi, è necessario astenersi dall'utilizzare tutti i tipi di farmaci. Se il rifiuto costituisce una minaccia per la vita o la salute, è necessario consultare il medico che ha prescritto questi farmaci.

Contenuto normale

La norma dei peptidi varia da 0,26 a 0,63 mol / L, sebbene nell'analisi vengano utilizzate altre unità di misura. Viene calcolata la concentrazione della sostanza in nanogrammi per millilitro di sangue, in questo caso la norma è 0,9-7,1 ng / ml. Un divario così significativo nella scala dell'indicatore della norma è dovuto al fatto che le persone hanno indicatori diversi:

  • peso corporeo;
  • età
  • malattie croniche;
  • varie infezioni (ARVI, influenza);
  • livelli ormonali.

Il contenuto di peptidi è lo stesso negli uomini e nelle donne. La velocità di digiuno è 0,78-1,89 ng / ml.

Livello elevato

Il livello aumenta se l'indicatore è superiore a 0,63 mol / l (più di 7,1 ng / ml). Un aumento del livello di peptidi si osserva con:

  • diabete di tipo 1 e di tipo 2;
  • disfunzione surrenalica;
  • violazione del sistema endocrino;
  • sovrappeso (obesità);
  • squilibrio ormonale (nelle donne in relazione all'uso di contraccettivi);
  • ondata di ormoni (inerente al sesso maschile durante la pubertà);
  • insulinoma (malignità);
  • malattia del pancreas;
  • cirrosi.

Importante! Un livello elevato di c-peptidi non può essere ignorato, poiché potrebbe indicare malattie mortali..

Basso livello

Il livello di peptidi C si riduce se l'indicatore è inferiore a 0,26 mol / l (inferiore a 0,9 ng / ml).

Un contenuto di peptidi inferiore indica complicanze del diabete mellito di tipo 1 come:

  • retinopatia diabetica (danno ai vasi della retina oculare);
  • compromissione della funzione delle terminazioni nervose e dei vasi sanguigni delle gambe (rischio di sviluppare cancrena e amputazione degli arti inferiori);
  • patologia dei reni e del fegato (nefropatia, epatite);
  • dermopatia diabetica (punto rosso o papule con un diametro di 3-7 cm sulle gambe).

Ti consigliamo anche di leggere l'articolo: ".

Cosa fare se il peptide c è anormale

Se la deviazione del livello del c-peptide dalla norma viene rilevata per la prima volta, è necessario effettuare ulteriori studi per determinare la causa esatta. Forse la quantità di peptide è influenzata dall'assunzione di farmaci ormonali e dopo la loro cancellazione tutto tornerà alla normalità. Inoltre, dopo il riposo viene eliminata una diminuzione della quantità di peptidi causata da una situazione stressante.

Se questo fattore è escluso, viene prescritto un esame aggiuntivo. Usando ultrasuoni, risonanza magnetica, è possibile rilevare un tumore del pancreas, metastasi e condizioni epatiche. Se vi è il sospetto di cirrosi epatica o patologia dei reni, vengono inoltre eseguiti un esame del sangue biochimico, test sui reni e sul fegato.

Se la ragione dell'aumento era l'uso di fondi per abbassare i livelli di zucchero, è necessario regolare il dosaggio o annullare il medicinale. In caso di recidiva del tumore del pancreas, il medico prende urgentemente una decisione sul reintervento e sulla chemioterapia.

Scopo dell'analisi

L'indicatore C del peptide, la cui norma e deviazione è determinata solo dopo lo studio degli esami del sangue, è uno dei metodi di diagnosi differenziale. Uno studio di laboratorio sul c-peptide e sull'insulina viene prescritto ai pazienti da un endocrinologo per escludere o confermare il diabete mellito di tipo insulino-indipendente o insulino-dipendente. L'insulina nel corpo umano è di fondamentale importanza, ma, nonostante ciò, la nomina di un'analisi per il contenuto di insulina attiva non viene sempre effettuata a causa delle basse prestazioni. Dopo la produzione di insulina, penetra nelle strutture epatiche, dove si verifica il suo primo assorbimento. Successivamente, l'insulina entra nel flusso sanguigno generale.


Misurazione tipica della glicemia

Spesso, le analisi dovute ai complessi meccanismi di trasporto dell'insulina in tutto il corpo mostrano un basso livello dell'ormone. I moderni metodi diagnostici consentono di determinare in modo affidabile la quantità di insulina nel sangue. Analisi assegnata nelle seguenti condizioni:

  • malattie del fegato di qualsiasi origine;
  • ovaio policistico;
  • sospetto sviluppo di insulinoma;
  • determinazione dell'efficacia della terapia insulinica;
  • obesità, improvvisi salti di peso;
  • sensazione di sete costante;
  • aumento della diuresi giornaliera;
  • ormone della crescita (adenoma ipofisario).

Importante! Il peptide C non riflette il contenuto di glucosio che viene ingerito con il cibo, a differenza di un test dell'insulina, quindi lo zucchero in eccesso non verrà visualizzato nei test. Analisi del contenuto di c-peptidi: un modo conveniente per valutare la propria produzione di insulina

Prospettive per l'uso di proteine ​​nel trattamento del diabete

Alcune prove mediche suggeriscono che la somministrazione parallela del peptide e dell'insulina a pazienti con diabete insulino-dipendente di tipo 2 può evitare alcune complicazioni del diabete, come la nefropatia diabetica, la neuropatia e l'angiopatia.

È dimostrato che mentre una persona ha almeno una piccola quantità di questa proteina nel sangue, ciò riduce il rischio di transizione dal diabete non insulino-dipendente all'insulina-dipendente. È possibile che in futuro il paziente riceva iniezioni di c-peptide, contribuendo a sbarazzarsi di una malattia pericolosa.

Molti studi medici sostengono inequivocabilmente che una dieta a basso contenuto di carboidrati con un contenuto di carboidrati non superiore a 2,5 unità di pane riduce significativamente la necessità di insulina nel diabete e diabete insulino-dipendente. Ciò afferma che anche con il diabete di tipo 1, è possibile mantenere il controllo e somministrare solo dosi di mantenimento di insulina.

Quindi, il c-peptide è una proteina importante che mostra lo stato del pancreas e il rischio di sviluppare complicanze del diabete.

C-peptide e diabete

Fino a poco tempo fa, i medici ritenevano che non fosse necessario un peptide per il funzionamento del corpo. Questa sostanza è stata utilizzata solo per stabilire il tipo di diabete. È stato ora stabilito che le iniezioni del c-peptide in combinazione con insulina possono prevenire l'insorgenza di complicanze diabetiche, come sclerosi vascolare, danni alla retina, alterazione della funzionalità epatica e renale. Tuttavia, molti medici considerano questa teoria non dimostrata, cioè non ci sono dati assoluti sulla relazione tra complicanze e livello del peptide.

Nei diabetici, i livelli di proteine ​​non sono sempre ridotti. Se il pancreas funziona ancora, la quantità di peptide non si discosterà significativamente dalla norma. Il peptide nei pazienti con diabete è sempre misurato in relazione ai livelli di glucosio. Sono possibili le seguenti condizioni:

  • C-peptide alto e glucosio normale. Ciò indica che il paziente ha un prediabete o ha sviluppato insulino-resistenza. In questa situazione, le iniezioni di insulina non sono ancora state dimostrate, poiché il corpo è in grado di gestire se stesso. Dieta a basso contenuto di carboidrati.
  • Peptide e zucchero aumentati. Ciò significa che il paziente ha sviluppato il diabete di tipo 2. Sono necessarie diete a basso contenuto di carboidrati per ritardare o minimizzare le iniezioni di insulina..
  • Basso peptide c e alto contenuto di zucchero. Cosa significa? Ciò può avvenire con diabete di tipo 1 insulino-dipendente o con una forma avanzata di diabete di tipo 2. Solo le iniezioni di insulina salveranno la situazione.

Un cepeptide è una proteina che svolge un ruolo importante nella diagnosi del diabete e di altre malattie. La misurazione del livello di questa proteina consente al medico di condurre una diagnosi differenziale del diabete, per determinare il regime di trattamento. Sono attualmente in corso ricerche sulla fattibilità del trattamento di una "malattia dolce" con iniezioni di c-peptidi..

Come è l'analisi

Per ottenere i risultati corretti per il contenuto di peptide C nel sangue, il test può essere eseguito in due modi. Nella prima fase dell'esame viene prescritto un test "affamato". Tuttavia, questa opzione di analisi non fornisce sempre un'immagine affidabile..

In alcuni pazienti con diagnosi, il contenuto di peptidi C a digiuno potrebbe non essere compromesso. In questo caso, per ottenere un quadro oggettivo, è necessario eseguire un test con stimolazione. Questa opzione di ricerca può essere effettuata utilizzando tre metodi:

  • Il paziente è invitato a bere una certa quantità di glucosio, dopo di che due ore dopo prendono campioni di sangue.
  • Prima di prendere il materiale, al paziente viene iniettato il glucagone antagonista dell'insulina.

Consigli! Questa opzione di stimolazione ha molte controindicazioni, quindi ricorrono ad essa raramente.

  • Il materiale viene prelevato due ore dopo che il paziente mangia una certa quantità di alimenti a base di carboidrati..

Consigli! Per stimolare la produzione di insulina, è necessario assumere carboidrati 2-3XE. Questa quantità è contenuta in una colazione composta da 100 grammi di porridge, una fetta di pane e un bicchiere di tè con l'aggiunta di due pezzi di zucchero.

Come preparare?

Per passare correttamente un'analisi del contenuto di peptidi C nel sangue, è necessario prepararsi. È necessario:

  • rifiutare di assumere farmaci che possono influenzare il risultato dell'analisi, avendo precedentemente discusso questo problema con il medico;
  • rifiutare di usare cibi grassi e bevande alcoliche almeno un giorno prima del campionamento;
  • se viene prescritto un test "affamato", allora dovresti evitare di mangiare qualsiasi cibo 8 ore prima del campionamento.

Come è la procedura?

Per ottenere materiale per la ricerca, è necessario donare il sangue da una vena, cioè per condurre la venipuntura. Il sangue viene posto in una provetta etichettata - vuota o con gel.

Dopo aver preso il materiale, il paziente può condurre uno stile di vita familiare. Quando un ematoma appare nell'area della venipuntura, vengono prescritti impacchi assorbibili.

Norma per esami del sangue per il diabete

La norma del peptide è fino al 5,7%. La norma nelle donne durante la gravidanza viene generalmente superata. Se l'indicatore si spegne, significa che il sistema endocrino è rotto e che è necessaria una terapia appropriata per mantenere la salute della donna incinta e del bambino.

Quando l'intensità dello zucchero è maggiore del previsto, esiste il pericolo di un'eccessiva crescita fetale e di sovrappeso. Questa condizione porta alla nascita prematura e lesioni al bambino o traumi alla madre durante il parto

Pertanto è così importante controllare il livello di zucchero. Solo così sarà garantita la sicurezza di madre e bambino

Una decodifica c-peptidica per analisi del sangue biochimica che mostra quale standard ha un bambino. Lo standard nel bambino è determinato individualmente dal medico. Sebbene ci siano standard:

  • da 0 a 2 anni - non superiore a 4,4 mmol / l;
  • da 2 a 6 anni - non superiore a 5 mmol / l;
  • età scolare - non superiore a 5,5 mmol / l;
  • adulti - fino a 5,83 mmol / l;
  • anziani - fino a 6,38 mmol / l.

In un bambino, il prelievo di sangue viene effettuato come negli anziani. Tieni presente che nei bambini, durante l'analisi, la sostanza è leggermente inferiore al normale, poiché l'ormone viene eliminato dalle cellule beta nel sistema sanguigno dopo aver mangiato. La norma del peptide c in una popolazione sana varia da 260 a 1730 pmol in 1 litro. siero di sangue.

Coloro che hanno testato a stomaco vuoto o nel pomeriggio i risultati non sono gli stessi. I cibi dolci aumentano i livelli di peptidi nel sangue. Se l'analisi è stata presa al mattino presto, il suo indicatore varia tra 1,89 ng / ml.

Lo zucchero è normale nella popolazione adulta è 3,2-5,5 mmol / L. Questa impostazione è standard per il digiuno di sangue da un dito. Una scommessa di donazione di sangue arterioso aumenta il tasso di zucchero a 6,2 mmol / L. Cosa minaccia il parametro aumentato? Se il parametro aumenta a 7,0 mmol, questo minaccia il pre-diabete. Questa è una posizione in cui i monosaccaridi non vengono digeriti. A stomaco vuoto, il corpo può controllare il livello di zucchero, dopo aver consumato alimenti a base di carboidrati, il parametro dell'insulina prodotta non corrisponde allo standard.

Esiste un'analisi espressa, grazie alla quale determinano indipendentemente il livello di zucchero nel sangue. Uno speciale strumento di misurazione eseguirà in modo accurato e rapido l'analisi in qualsiasi condizione. L'opzione è conveniente per quelli con diabete. Se si conserva il farmaco in modo errato, potrebbero esserci errori negli indicatori.

Per una diagnosi più accurata, è possibile utilizzare i servizi del laboratorio Invitro. Tali cliniche sono dotate di attrezzature moderne e di alta qualità di noti produttori. Lì puoi sostenere i test durante una visita o chiamare un servizio speciale a casa.

Nonostante esistano molte cliniche di questo tipo, ognuna di esse utilizza metodi di ricerca diversi e utilizza anche unità di misura diverse. Si consiglia di utilizzare i servizi della stessa clinica per risultati accurati..

Invitro Laboratory fornisce messaggi SMS gratuiti sulla disponibilità delle analisi. Questo è un vantaggio di questo laboratorio. Vale la pena considerare le norme che sono indicate sul modulo, poiché le norme in ciascun laboratorio sono leggermente diverse.

Come fare un'analisi

La donazione di sangue al peptide C implica il rispetto di una serie di procedure preparatorie. Sono necessari per garantire il risultato più accurato..

Quindi, le regole per prepararsi all'analisi implicano:

  • Materiale a digiuno. Ciò significa che l'ultimo pasto dovrebbe essere almeno 8 ore prima di visitare il laboratorio, ma bere acqua pulita sarà anche benefico;
  • È meglio escludere alcol e fumo anche prima;
  • Inoltre, il giorno prima, non dovresti esporre il corpo a grandi sforzi fisici;
  • Allo stesso modo, gli stress psicologici rientrano nel paragrafo precedente. Tutti sanno che lo stress o lo shock grave influiscono sullo sfondo ormonale generale e su altri indicatori del corpo;
  • Si consiglia di non utilizzare alcun farmaco alla vigilia della donazione di sangue. Se è impossibile escluderli, il paziente deve informare il proprio medico curante su quali farmaci stava assumendo;
  • Un'altra regola si applica ai bambini la cui età non supera i 5 anni. Prima dell'analisi, si consiglia di bere con acqua potabile in un volume di 100-150 ml.

Succede che al paziente venga assegnata un'analisi per il peptide C non a stomaco vuoto, ma, al contrario, con il carico di glucosio esistente sul metabolismo. Ma tale procedura viene eseguita raramente e principalmente solo per le donne in gravidanza. Implica l'assunzione di una soluzione di glucosio prima di donare il sangue.

Un'analisi può essere presa in una clinica statale se vi è un rinvio appropriato da un medico. Ma se lo desideri, puoi farlo in un laboratorio privato. Inoltre, non è necessario avere una direzione. Sebbene costerà denaro, ma il risultato, di norma, è prevedibile in un tempo più breve.

La procedura in sé non è un grosso problema. Simile ad altri esami del sangue, il paziente prende materiale da una vena, dopo di che viene inviato al laboratorio per la ricerca. Il sangue passa necessariamente attraverso una centrifuga e quindi viene esaminato al microscopio..

Il sangue viene esaminato al microscopio.

Caratterizzazione di una sostanza e suo effetto sul corpo umano

In un corpo sano, si verificano molte reazioni chimiche ogni secondo, che consentono a tutti i sistemi di lavorare in armonia. Ogni cella è un collegamento nel sistema. Normalmente, la cellula viene costantemente aggiornata e ciò richiede una risorsa speciale: la proteina. Più basso è il livello di proteine, più lento funziona il corpo..

Il peptide C è una sostanza nella catena di eventi per la sintesi di insulina naturale, che produce il pancreas in cellule speciali designate come cellule beta. Tradotta dall'abbreviazione inglese "peptide di collegamento", una sostanza è chiamata "peptide di collegamento o legame", perché lega le restanti molecole della sostanza proinsulina.

Quale ruolo è definito per il c-peptide e perché è così importante se il suo contenuto è normale o è sorto uno squilibrio:

  • Nel pancreas, l'insulina non viene conservata nella sua forma pura. L'ormone è sigillato nella base originale chiamata preproinsulina, che include il c-peptide insieme ad altri tipi di peptidi (A, L, B).
  • Sotto l'influenza di sostanze speciali, il peptide del gruppo L si separa dalla preproinsulina e rimane una base chiamata proinsulina. Ma questa sostanza non è ancora correlata all'ormone che controlla il livello di glucosio nel sangue..
  • Normalmente, quando viene ricevuto un segnale che i livelli di zucchero nel sangue sono elevati, viene avviata una nuova reazione chimica, in cui il peptide C viene separato dalla catena chimica della proinsulina. Si formano due sostanze: insulina, composta da peptidi A, B e un peptide del gruppo C.
  • Attraverso canali speciali, entrambe le sostanze (peptide C e insulina) entrano nel flusso sanguigno e si muovono lungo una singola via. L'insulina entra nel fegato e passa attraverso il primo stadio di trasformazione. Parte dell'ormone viene accumulato dal fegato e l'altro entra nella circolazione sistemica e si trasforma in cellule che non possono funzionare normalmente senza insulina. Normalmente, il ruolo dell'insulina è la conversione dello zucchero in glucosio e il trasporto all'interno delle cellule per dare alle cellule nutrimento ed energia per il corpo.
  • Il peptide C si muove liberamente lungo il letto vascolare con un flusso sanguigno. Ha già svolto la sua funzione e può essere eliminato dal sistema. Normalmente, l'intero processo non richiede più di 20 minuti, viene eliminato attraverso i reni. Oltre alla sintesi di insulina, il c-peptide non ha altre funzioni se le cellule beta del pancreas sono in condizioni normali.

Quando il peptide C viene separato dalla catena della proinsulina, si forma la stessa quantità della sostanza proteica c-peptide e l'ormone insulina. Ma, essendo nel sangue, queste sostanze hanno diversi tassi di trasformazione, cioè il decadimento.

In studi di laboratorio, è stato dimostrato che in condizioni normali, il peptide c si trova nel sangue umano entro 20 minuti dal momento in cui entra nel flusso sanguigno e l'ormone insulina raggiunge un valore zero dopo 4 minuti.

Durante il normale funzionamento del corpo, il contenuto di c-peptide nel flusso sanguigno venoso è stabile. Né l'insulina introdotta nel corpo dall'esterno, né gli anticorpi che riducono la resistenza delle cellule all'ormone, né le cellule autoimmuni che distorcono il normale funzionamento del pancreas possono influenzarlo..

Sulla base di questo fatto, i medici valutano la condizione delle persone con diabete o che hanno una predisposizione ad esso. Inoltre, altre patologie a livello del pancreas, del fegato o dei reni sono rilevate dalla norma c-peptidica o dallo squilibrio di livello..

Un'analisi del c-peptide e delle sue norme nella diagnosi del diabete nei bambini in età prescolare e negli adolescenti è rilevante, perché questa patologia è abbastanza comune a causa dell'obesità infantile e adolescenziale.

I risultati della ricerca moderna

La scienza moderna non si ferma, e i risultati di recenti studi suggeriscono che i peptidi C non sono solo un sottoprodotto della produzione di insulina. Cioè, questa sostanza non è biologicamente inutile e svolge un ruolo, specialmente nelle persone con vari tipi di diabete.

Alcuni scienziati stanno parlando del fatto che la singola somministrazione di insulina e peptidi nel diabete di tipo II riduce significativamente i rischi di possibili complicanze, tra cui:

  • disfunzione renale;
  • lesioni dei nervi e / o vasi degli arti.

Una quantità relativamente piccola di peptide nel sangue del paziente può ridurre i rischi di dipendenza da dosi costanti di insulina. Chissà, forse nel prossimo futuro ci saranno speciali farmaci peptidici che aiutano a combattere e sconfiggere il diabete. Ad oggi, tutti i possibili rischi e gli effetti collaterali di tale terapia non sono ancora stati presi in considerazione, ma vari studi accademici continuano con successo..

Un'ottima via d'uscita è una dieta a basso contenuto di carboidrati, in cui il tasso di consumo non supera 2,5 unità di pane. Una dieta così costante aiuta a ridurre la dipendenza dall'uso regolare di farmaci che riducono lo zucchero e dall'insulina.

Inoltre, non bisogna dimenticare le misure igieniche generali, che includono passeggiate regolari all'aria aperta, rifiuto incondizionato di tutte le cattive abitudini, prevenzione dello stress, visite regolari ai sanatori specializzati nel trattamento e nella prevenzione delle malattie endocrine.

Informazione Generale

Uno dei componenti della secrezione del segmento endocrino pancreatico, che determina la produzione di insulina, è il peptide C. L'analisi della sua concentrazione nel siero di sangue è il criterio principale per determinare la presenza / assenza di diabete mellito (DM), nonché il cancro del pancreas.

Il peptide C è un frammento che si forma dalla scissione della proinsulina nell'insulina. Cioè, la concentrazione di C-peptide nel sangue riflette completamente il processo di produzione di insulina nel corpo. Ma allo stesso tempo, il peptide C rimane biologicamente inattivo e di per sé non esegue alcuna regolazione.

Dopo la produzione, l'insulina viene rilasciata nel flusso sanguigno portale (circolazione portale) ed entra nel fegato. Questo stadio è chiamato "effetto di primo passaggio". E solo dopo che l'ormone già in una quantità minore entra nella circolazione sistemica. Ecco perché la concentrazione di insulina nel plasma del sangue venoso non dimostra il livello della sua produzione primaria nel pancreas. Inoltre, alcune condizioni fisiologiche (stress, fame, inalazione di resine alla nicotina, ecc.) Influenzano direttamente la concentrazione dell'ormone.

Importante! Il peptide C passa la fase di "primo passaggio", quindi il suo livello nel sangue rimane relativamente stabile.. Il rapporto tra insulina e peptide C non è sempre costante, può spostarsi in una direzione o nell'altra sullo sfondo delle patologie degli organi interni (reni, fegato, tratto gastrointestinale)

Tipicamente, il rapporto C-peptide / insulina è 5: 1. Ciò è dovuto al fatto che l'escrezione di insulina si verifica nel fegato e che il peptide C viene filtrato e i reni vengono escreti. Inoltre, questi componenti hanno una diversa velocità di eliminazione. L'emivita del peptide C nel sangue richiede più tempo di quella dell'insulina. Pertanto, il suo livello è più stabile, il che consente studi accurati anche durante l'assunzione di preparati di insulina, nonché nel caso dello sviluppo di autoanticorpi all'ormone. Tali condizioni sono necessarie per la diagnosi e il monitoraggio del trattamento dei pazienti insulino-dipendenti con diabete.

Il rapporto tra insulina e peptide C non è sempre costante, può spostarsi in una direzione o nell'altra sullo sfondo delle patologie degli organi interni (reni, fegato, tratto gastrointestinale). Tipicamente, il rapporto C-peptide / insulina è 5: 1. Ciò è dovuto al fatto che l'escrezione di insulina si verifica nel fegato e che il peptide C viene filtrato e i reni vengono escreti. Inoltre, questi componenti hanno una diversa velocità di eliminazione. L'emivita del peptide C nel sangue richiede più tempo di quella dell'insulina. Pertanto, il suo livello è più stabile, il che consente studi accurati anche durante l'assunzione di preparati di insulina, nonché nel caso dello sviluppo di autoanticorpi all'ormone. Tali condizioni sono necessarie per la diagnosi e il monitoraggio del trattamento dei pazienti insulino-dipendenti con diabete.

Studi recenti hanno dimostrato che il peptide C può migliorare la microcircolazione del sangue nei capillari delle gambe..

Peptidi brucia grassi

L'eterno problema dell'umanità è come perdere peso senza fare nulla. Infatti, oggi i peptidi sono usati non solo negli sport professionistici, ma anche tra le persone comuni che vogliono essere magre e belle. Le sostanze di questo gruppo agiscono come stimolanti dell'attività. Questo, a sua volta, stimola la combustione della massa grassa e la rimozione del liquido in eccesso. Abbiamo già detto che si tratta di integratori alimentari tradizionalmente utilizzati nello sport. Aumentano la produzione di adrenalina, la sostanza stessa che è responsabile del lavoro del corpo al limite. Allo stesso tempo, gli atleti sono consapevoli che i carichi elevati sono accompagnati da grave esaurimento nervoso e dolore, poiché le fibre muscolari tendono ad essere ferite. Tutti questi punti vengono livellati anche dopo aver iniziato a prendere queste sostanze..

Ad oggi, si distinguono due grandi gruppi di peptidi:

  • Il primo è strutturale, che non influisce immediatamente, ma gradualmente. Forniscono al corpo una dose di shock di aminoacidi, accelerano la crescita muscolare e asciugano il corpo. Di conseguenza, ottieni massa muscolare magra senza grasso..
  • Il secondo gruppo è funzionale. Recensioni prese peptidi (iniezioni), confermano che è questo gruppo in grado di ridurre efficacemente le riserve di grasso corporeo. Sotto la loro influenza, l'appetito diminuisce e aumenta il tasso di riduzione del grasso corporeo e l'immunità viene rafforzata. Naturalmente, affinché la perdita di peso sia efficace, è necessario esercitare un certo sforzo, aumentare il carico sportivo e cambiare la dieta.

Caratteristiche dei c-peptidi

C peptide - che cos'è? Il peptide C (letteralmente "peptide di collegamento") è un indicatore sorprendente della produzione di insulina interna naturale da parte dell'organismo. Il peptide C è un composto proteico complesso che caratterizza il funzionamento delle cellule beta del pancreas e la produzione di proinsulina. È secreto dal pancreas insieme all'insulina endogena. Con una certa interazione biochimica, la proteina viene suddivisa in c-peptide e insulina. L'indicatore di livello del peptide di collegamento è considerato un marker di insulina naturale. Pertanto, quando questo composto proteico viene rilevato nel sangue, la produzione di insulina endogena avviene naturalmente e il livello del c-peptide indica la quantità di insulina prodotta.

La base proteica iniziale è la preproinsulina, costituita da 110 aminoacidi. Tutti sono collegati da un peptide A, un peptide L, un peptide B e un peptide C. Il peptide L, che si separa in una piccola frazione dalla preproinsulina, taglia il composto del peptide C e lega i gruppi A e B. L'insulina contemporaneamente al c-peptide viene rilasciata nel sangue nello stesso volume, il che consente di registrare il volume di insulina nel sangue dal livello del composto proteico. Nonostante la quantità totale di volume rilasciato nel sangue, il livello nel sangue di entrambi i componenti varia. Tali differenze sono dovute alla velocità della "vita" dei componenti nel sangue. Quindi, l'insulina dura circa 4 minuti e il c-peptide 18-20 minuti. La velocità della vita influisce completamente sulla concentrazione di c-peptide nel sangue, che è quasi 5 volte superiore alla concentrazione di insulina.

Peptide e diabete

La medicina moderna ritiene che con il peptide C sia più conveniente controllare l'insulina. Utilizzando la ricerca, è facile distinguere tra insulina endogena (prodotta dall'organismo) e insulina esogena. A differenza dell'insulina, l'oligopeptide non risponde agli anticorpi dell'insulina e non viene distrutto da questi anticorpi.

Poiché i medicinali insulinici non contengono questa sostanza, la sua concentrazione nel sangue del paziente consente di valutare le prestazioni delle cellule beta. Ricordiamo: le cellule beta pancreatiche producono insulina endogena.

In una persona con diabete, il livello basale del peptide, e in particolare la sua concentrazione dopo il carico di glucosio, consente di capire se esiste insulino-resistenza. Inoltre, vengono determinate le fasi della remissione, che consente di regolare correttamente la terapia.

Tenendo conto di tutti questi fattori, possiamo concludere che l'analisi di questa sostanza ci consente di valutare la secrezione di insulina in vari casi.. Nelle persone con diabete che hanno anticorpi contro l'insulina, a volte si può osservare un livello falso elevato di peptide C a causa di anticorpi che interagiscono con la proinsulina

Nelle persone con diabete che hanno anticorpi contro l'insulina, a volte si può osservare un livello falso elevato di peptide C a causa di anticorpi che interagiscono con la proinsulina.

Di particolare importanza dovrebbero essere dati ai cambiamenti nella concentrazione di questa sostanza nell'uomo dopo l'intervento di insulinomi. Un livello elevato indica un tumore ricorrente o metastasi.

Nota: in caso di insufficienza epatica o renale, il rapporto nel sangue dell'oligopeptide e dell'insulina può cambiare.

Sono necessarie ricerche per:

Diagnosi della forma del diabete,

La scelta del trattamento,

Scelta del tipo di medicinale e dosaggio,

Test di carenza di cellule beta,

Diagnostica dello stato ipoglicemico,

Stime della produzione di insulina,

Monitoraggio delle condizioni dopo la rimozione del pancreas.

Per molto tempo si è creduto che la sostanza stessa non avesse alcuna funzione speciale, quindi è importante solo che il suo livello sia normale. Dopo molti anni di ricerche e centinaia di articoli scientifici, è diventato noto che questo complesso composto proteico ha un pronunciato effetto clinico: Con la nefropatia,
Con neuropatia,
Con angiopatia diabetica.

  • Con la nefropatia,
  • Con neuropatia,
  • Con angiopatia diabetica.

Tuttavia, gli scienziati non sono ancora stati in grado di scoprire esattamente come funzionano i meccanismi protettivi di questa sostanza. Questo argomento rimane aperto. Non ci sono ancora spiegazioni scientifiche per questo fenomeno, così come informazioni sugli effetti collaterali del peptide C e sui rischi che il suo uso può comportare. Inoltre, i medici russi e occidentali non hanno ancora concordato se l'uso di questa sostanza sia giustificato per altre complicanze del diabete.