Cosa mostra un'analisi del calcio ionizzato nel sangue: la norma e le cause dei cambiamenti

Analisi biochimiche del sangue per il calcio - un'analisi clinica che determina la concentrazione di calcio totale nel siero.

Il concetto di calcio totale include:

  1. Il calcio ionizzato rappresenta il 50% di tutto il calcio nel sangue.
  2. Calcio legato alle proteine ​​(principalmente albumina) - 40%.
  3. Calcio, che fa parte dei complessi anionici (associati a lattato, citrato, bicarbonato, fosfati) - 10%.

Per il normale funzionamento del corpo, è necessario che il livello di calcio rientri nei valori di riferimento, poiché prende parte a molti processi vitali:

  1. Contrazione muscolare.
  2. Funzione della ghiandola endocrina.
  3. Coagulazione del sangue, permeabilità delle membrane cellulari.
  4. Sistema osseo e denti.
  5. Trasmissione degli impulsi nervosi, funzione del sistema nervoso.
  6. Attività enzimatica, metabolismo del ferro nel corpo.
  7. Frequenza cardiaca normale, sistema cardiovascolare.

Esame del sangue di calcio ionizzato

Il calcio ionizzato è il calcio che non è legato a nessuna sostanza e circola liberamente nel sangue. È lui che è una forma attiva di calcio, partecipando a tutti i processi fisiologici. Un esame del sangue per il calcio ionizzato valuterà il metabolismo del calcio nel corpo. Questa analisi deve essere trasmessa ai pazienti nei seguenti casi:

  1. Trattamento dopo rianimazione, chirurgia, ampio trauma, ustioni.
  2. Diagnosi di cancro, iperfunzione della ghiandola paratiroidea.
  3. La procedura di emodialisi.
  4. Accettazione dei medicinali elencati: bicarbonati, eparina, magnesia, preparati di calcio.

Viene eseguito un esame del sangue per il calcio ionizzato insieme alla determinazione del livello di calcio totale e pH del sangue. Il valore del calcio ionizzato è inversamente correlato al pH del sangue: il livello di calcio ionizzato aumenta dell'1,5 - 2,5% con ogni diminuzione del pH di 0,1 unità.

Indicazioni per l'analisi

Indicazioni per un'analisi biochimica del sangue per il calcio:

  1. Segni di ipercalcemia e ipocalcemia.
  2. Neoplasie maligne (carcinoma mammario, carcinoma polmonare).
  3. Ulcera peptica dello stomaco e del duodeno.
  4. Diminuzione della concentrazione di albumina.
  5. Preparazione all'intervento chirurgico.
  6. Ipotensione muscolare.
  7. Ipertiroidismo.
  8. Malattia renale, urolitiasi.
  9. Dolore osseo.
  10. Malattia cardiovascolare (violazione del tono vascolare, aritmia).
  11. poliuria.
  12. parestesia.
  13. Sindrome convulsiva.
  14. Diagnosi e screening dell'osteoporosi.

Sintomi di ipercalcemia: adynamia (immobilità), astenia, aumento dei riflessi, compromissione della coscienza, disorientamento, debolezza, mal di testa, vomito, insufficienza renale acuta, insufficienza cardiaca, tachicardia, extrasistole, calcificazione vascolare.

Sintomi di ipocalcemia: mal di testa simili alle emicranie; vertigini, carie, osteoporosi, distruzione delle unghie, perdita di capelli, pelle secca, aumento dei riflessi con transizione a crampi tetanici, debolezza, coagulazione del sangue (tempo di coagulazione prolungato), angina pectoris, tachicardia (aumento della frequenza cardiaca - polso).

L'ipercalcemia è una condizione patologica che si verifica con una malattia del corpo. C'è l'ipercalcemia fisiologica - dopo aver mangiato e nei neonati dopo il quarto giorno di vita. L'ipocalcemia viene diagnosticata molto più spesso dell'eccesso di calcio nel corpo..

Come prepararsi per un esame del sangue per il calcio

Affinché un esame del sangue per il calcio dia un risultato accurato, è necessario sottoporsi a una semplice preparazione per la procedura:

  1. Alla vigilia dello studio non puoi bere alcolici, cibi fritti e grassi.
  2. Il giorno prima del prelievo di sangue, è consigliabile escludere un grave stress fisico ed emotivo.
  3. Il sangue viene somministrato a stomaco vuoto, 8-10 ore dopo l'ultimo pasto. Si consiglia solo acqua non gassata..
  4. Non è consigliabile donare il sangue immediatamente dopo fluorografia, esame rettale, radiografia, ecografia - studi o procedure fisioterapiche.

Fattori che possono distorcere l'analisi

L'assunzione di farmaci può influire sull'affidabilità del risultato di un esame del sangue per il calcio. Si consiglia di rifiutare di assumere qualsiasi farmaco 1-2 settimane prima del prelievo di sangue per lo studio. Se è impossibile annullare il farmaco, quindi nella direzione di un esame del sangue biochimico per il calcio, è necessario indicare quali farmaci e in quali dosi il paziente sta assumendo. I seguenti farmaci influenzano il calcio nel sangue..

Aumentare il livello di calcio: vitamina A, vitamina D, testolattone, tamoxifene, ormone paratiroideo, progesterone, litio, isotretinoina, ergocalciferolo, diidrotachysterolo, danazolo, calusterone, sali di Ca e androgeni, uso regolare di diuretici.

Ridurre il livello di calcio: solfati, ossalati, fluoriti, tetraciclina, plikamicina, fenitoina, meticillina, sali di magnesio, isoniazide, insulina, indapamide, glucosio, glucagone, gastrina, fluoriti, estrogeni, ergocalciferolo, carboplatino calcenazina, carboplatene calcina, aminoglicosidi, alprostadil, albuterol.

norme

Interpretare i risultati dello studio nel caso in cui uno specialista abbia le qualifiche appropriate. Solo un medico sarà in grado di valutare correttamente le condizioni del paziente, la deviazione dal normale esame del sangue per il calcio e fare la diagnosi corretta. E di conseguenza, in tempo per prescrivere un trattamento adeguato.

Valori di riferimento di un esame del sangue per il totale di calcio:

  • bambini di età inferiore a 1 anno - 2,1-2,7 mmol / l;
  • bambini da 1 a 14 anni - 2,2-2,7 mmol / l;
  • bambini da 14 anni - adulti - 2,2-2,65 mmol / l.

Valori aumentati

L'ipercalcemia indica le seguenti malattie:

  • Insufficienza renale acuta.
  • Sarcoidosi e altre malattie granulomatose.
  • Ipercalcemia iatrogena.
  • Ipercalcemia ipocalciur ereditaria.
  • Sindrome di Williams (ipercalcemia idiopatica del neonato).
  • Ipervitaminosi D.
  • Sindrome da latte alcalina.
  • Emoblastosi (leucemia, linfoma, mieloma).
  • Insufficienza surrenalica.
  • Ipercalcemia da immobilizzazione (a fini terapeutici con lesioni, lussazione congenita dell'anca, morbo di Paget, tubercolosi della colonna vertebrale).
  • Tumore maligno
  • Iperparatiroidismo primario (adenoma, iperplasia o carcinoma paratiroideo).
  • tireotossicosi.

Valori più bassi

L'ipocalcemia si osserva in tali malattie:

  • Pancreatite acuta con necrosi pancreatica.
  • Fallimento renale cronico.
  • Insufficienza epatica.
  • Ipovitaminosi D con rachitismo nei bambini e osteomalacia negli adulti (a seguito di disturbi alimentari, riduzione dell'insolazione, malassorbimento).
  • Ipoalbuminemia nella sindrome nefrosica e nella patologia epatica.
  • ipomagnesiemia.
  • Pseudoipoparatiroidismo (malattia ereditaria).
  • Ipoparatiroidismo primario (legato all'X, ereditario, sindrome di Di Georgi).
  • Ipoparatiroidismo secondario (autoimmune, a seguito di un intervento chirurgico).

No. AN165CA2, calcio ionizzato

Periodo di esecuzione

Materiale di prova

Metodo di determinazione

Il calcio è il minerale più abbondante nel corpo. Il 98,9% della quantità totale di calcio è contenuto nelle ossa dello scheletro (sotto forma di cristalli di idrossiapatite - una combinazione di calcio e fosfato), l'1% è all'interno delle cellule e solo lo 0,1% è nel liquido extracellulare. È questa frazione che viene determinata da un esame del sangue. C'è uno scambio continuo di calcio tra ossa e liquido extracellulare. Solo l'1% del calcio contenuto nelle ossa è sotto forma di sali di fosfato, che partecipano ai processi metabolici e svolgono il ruolo di un tampone quando la concentrazione di calcio nel plasma sanguigno cambia. Circa il 40-50% del calcio nel plasma è rappresentato da una frazione libera o ionizzata biologicamente attiva. La maggior parte del calcio rimasto nel sangue si lega alle proteine ​​plasmatiche, principalmente all'albumina, e funge anche da sistema tampone, riducendo le forti fluttuazioni di iCa nel sangue. Una parte più piccola di ioni calcio forma complessi non dissocianti con proteine ​​di fosfato, citrato, solfato, carbonato e anticoagulanti. L'ultima frazione, insieme al calcio ionizzato, si diffonde liberamente nelle cellule e stimola l'attività cellulare..
Nei reni, circa il 75% del calcio viene riassorbito passivamente nei tubuli prossimali e un altro 20% nel ciclo spesso ascendente di Henle e dei tubuli contorti distali.
Il calcio ionizzato è una frazione fisiologicamente importante ed è coinvolto nella trasmissione degli impulsi neuromuscolari, nella contrazione e nel rilassamento dei muscoli cardiaci e scheletrici, nei processi di coagulazione, nella crescita cellulare, nei meccanismi di trasporto della membrana e nelle reazioni enzimatiche.
La determinazione del calcio ionizzato è importante nella rilevazione dell'ipocalcemia (soprattutto se il calcio totale nel siero del sangue è inferiore a 1,75 mmol / l), con sepsi, nonché nei pazienti in condizioni critiche. Il livello di iCa aumenta quasi sempre in uno stato di ipercalcemia e diminuisce (sotto 1,3 mmol / L) in caso di grave ipocalcemia.
La concentrazione di calcio ionizzato nel siero viene determinata durante e dopo le operazioni sulla tiroide con ipertiroidismo o adenoma paratiroideo.
In alcuni casi, con malattie renali o iperparatiroidismo, nonché con un cambiamento nella concentrazione di proteine ​​nel sangue o nell'equilibrio acido-base, la determinazione del livello di iCa, insieme alla determinazione del livello di calcio totale, è molto istruttiva.
Si verificano cambiamenti nella concentrazione di iCa con cambiamenti nello stato acido-base. Con l'acidosi, la frazione di calcio ionizzata aumenta. L'alcalosi porta ad una diminuzione del contenuto di calcio ionizzato. Questi spostamenti del calcio possono essere clinicamente significativi. Negli animali con acidosi con ipocalcemia, i segni clinici possono essere assenti poiché la maggior parte del calcio è in forma ionizzata, mentre gli animali con alcalosi con lo stesso livello di calcio nel siero possono teoricamente presentare segni clinici di ipocalcemia. La rapida correzione dell'acidosi nei pazienti con ipocalcemia può portare a tetania. In tali casi, è indicata la somministrazione endovenosa di calcio. Poiché durante la terapia intensiva possono verificarsi forti cambiamenti nello stato acido-base, è consigliabile monitorare il livello di calcio ionizzato e gas nel sangue se sono presenti segni clinici di tetania.
Per la diagnosi differenziale, si raccomanda di studiare il rapporto tra calcio ionizzato e totale, calcio e fosforo, la concentrazione di magnesio con ipocalcemia, nonché il livello di albumina e proteine ​​totali e ormoni nel siero del sangue. Per un maggiore contenuto informativo e coordinamento dei risultati dello studio, è auspicabile misurare gli indicatori di un campione o prelevati nello stesso giorno.

Con l'emolisi, si verifica un falso aumento del livello di calcio nel campione..
La quantità e il tipo di eparina utilizzata influiscono sulla misurazione di iCa. L'eparina con zinco porta ad un aumento dell'iCa a causa di una diminuzione del pH, con conseguente spostamento del calcio dalle proteine. L'eparina di litio sottovaluta iCa. Il rapporto tra volume ematico ed eparina è importante se si usa eparina secca..
Un campione di sangue deve essere prelevato in condizioni anaerobiche, poiché il contatto del campione con l'aria aperta può causare un aumento del calcio ionizzato a causa di un aumento del pH..
Pur mantenendo condizioni anaerobiche (usando una provetta ermetica), la concentrazione di iCa nel siero o nel plasma è stabile per circa tre giorni a temperatura ambiente, una settimana se conservata in frigorifero (-4 ° C), sei mesi se congelata (-20 ° C).

I risultati dello studio contengono informazioni esclusivamente per i medici. La diagnosi viene effettuata sulla base di una valutazione globale di vari indicatori, informazioni aggiuntive e dipende da metodi diagnostici.

Unità: mmol / L.

Valori di riferimento:
Cani: 1,15-1,38 mmol / L.
Gatti: 1,13-1,38 mmol / L.

Il grado di superare la norma del calcio ionizzato o totale nel siero del sangue non ci consente di concludere che esiste una o un'altra patologia, la più alta concentrazione di calcio totale e ionizzato nel siero del sangue è osservata nelle neoplasie maligne e nell'iperparatiroidismo. Con l'ipoparatiroidismo e la tetania dell'allattamento, si osserva il livello di calcio più basso..
Talvolta possono verificarsi interpretazioni dell'interpretazione tra livelli anormali di calcio totale e ionizzato. In alcuni cani e gatti con insufficienza renale, è possibile un aumento del calcio sierico totale, ma il contenuto di calcio ionizzato è compreso nell'intervallo dei valori di riferimento o diminuisce leggermente. Tuttavia, questo non è un criterio assoluto, poiché a volte nei cani e nei gatti con insufficienza renale c'è un aumento della concentrazione di calcio ionizzato e totale. Infatti, se il risultato dello studio iCa viene utilizzato per essere attribuito a qualsiasi malattia che causa ipercalcemia, l'insufficienza renale è la seconda causa più comune nei cani.
Con l'iperparatiroidismo primario nei cani, il calcio sierico totale aumenta nel 100% dei casi e il calcio ionizzato aumenta nel 90-95%. Disturbi dell'omeostasi del calcio si verificano nei gatti con ipertiroidismo. In alcuni animali, c'è una moderata diminuzione del calcio ionizzato, un aumento dei livelli di fosfato e del calcio totale normale nel sangue.
I gatti con ostruzione urinaria possono avere una riduzione più pronunciata di iCa rispetto a una diminuzione del calcio totale.
La riduzione del calcio ionizzato svolge un ruolo importante nelle cure critiche. Una diminuzione dell'indicatore è un fattore prognostico per un soggiorno più lungo nell'unità di terapia intensiva e unità di terapia intensiva (ICU) e ricovero in ospedale di cani in condizioni critiche, ma non è associata a una riduzione della sopravvivenza.
I giovani cani e gatti hanno valori leggermente più alti di calcio ionizzato nel sangue.
L'elenco delle diagnosi differenziali per iper- e ipocalcemia sarà generale nello studio del calcio totale e ionizzato..

Indicatore di aumento:
Neoplasie maligne.
Iperparatiroidismo primario.
Acidosi.
Lesioni osteolitiche.
Eccesso di vitamina D.
Tumori delle ghiandole apocrine delle sacche anali.
Ipervitaminosi A.
Insufficienza renale cronica, acuta (raramente).
schistosomiasi.

Diminuzione in un indicatore:
ipoparatiroidismo.
Fallimento renale cronico.
Tetania lattazionale (eclampsia) nei cani.
alcalosi.
Sepsi.
Periodo postoperatorio (tiroidectomia).
Carenza di vitamina D..
Pancreatite.
Insufficienza renale acuta e cronica.
ipomagnesiemia.
rabdomiolisi.