Adrenalina cloridrato - istruzioni per l'uso

Numeri di registrazione: LSR-000780 / 08-301216

Marchio: Adrenaline Hydrochloride-Vial

Nome internazionale non proprietario: epinefrina

Forme di dosaggio: iniezione

Composizione per 1 ml:

Ingrediente attivo: epinefrina (adrenalina) - 1 mg.

Eccipienti: sodio disolfito (sodio metabisolfito) - 0,2 mg, sodio cloruro - 9 mg, disodio edetato - 0,25 mg, acido cloridrico - fino a pH da 2,5 a 4,0, acqua per preparazioni iniettabili - q.s. fino a 1 ml.

Descrizione: liquido limpido, incolore o leggermente giallastro

Gruppo di farmacoterapia: agonista alfa e beta adrenergico

Codice ATX: C01CA24

Proprietà farmacologiche

farmacodinamica

Agire simpaticomimetico sui recettori alfa e beta adrenergici. L'azione è dovuta all'attivazione dell'adenilato ciclasi sulla superficie interna della membrana cellulare, un aumento della concentrazione intracellulare di adenosina miofosfato ciclico (cAMP) e ioni calcio.

A dosi molto basse, quando la velocità di somministrazione è inferiore a 0,01 μg / kg / min, può abbassare la pressione sanguigna (BP) a causa dell'espansione dei vasi dei muscoli scheletrici. A una velocità di iniezione di 0,04-0,1 μg / kg / min, aumenta la frequenza e la forza delle contrazioni cardiache, il volume dell'ictus del sangue e il volume minuto del sangue, riduce la resistenza vascolare periferica totale (OPSS); Oltre 0,02 mcg / kg / min, restringe i vasi sanguigni, aumenta la pressione sanguigna (principalmente sistolica) e OPSS. L'effetto del pressore può causare un rallentamento riflesso a breve termine della frequenza cardiaca.

Rilassa i muscoli lisci dei bronchi, essendo un broncodilatatore. Dosi superiori a 0,3 μg / kg / min, riducono il flusso ematico renale, l'afflusso di sangue agli organi interni, il tono e la motilità del tratto gastrointestinale (GIT).

Espande le pupille, aiuta a ridurre la produzione di liquido intraoculare e la pressione intraoculare. Causa iperglicemia (migliora la glicogenolisi e la gluconeogenesi) e aumenta il contenuto plasmatico di acidi grassi liberi. Aumenta la conducibilità, l'eccitabilità e l'automatismo del miocardio. Aumenta la domanda di ossigeno del miocardio.

Inibisce il rilascio di istamina indotto dall'antigene e l'anafilassi della sostanza a reazione lenta, elimina lo spasmo dei bronchioli e previene lo sviluppo dell'edema della loro mucosa. Agendo sui recettori alfa-adrenergici situati nella pelle, nelle mucose e negli organi interni, provoca vasocostrizione, una diminuzione del tasso di assorbimento degli anestetici locali, aumenta la durata e riduce l'effetto tossico dell'anestesia locale.

Stimolazione beta2-i recettori adrenergici sono accompagnati da una maggiore escrezione di ioni di potassio dalla cellula e possono portare a ipopotassiemia.

La somministrazione intracavernosa riduce l'afflusso di sangue ai corpi cavernosi. L'effetto terapeutico si sviluppa quasi istantaneamente con la somministrazione endovenosa (iv) (durata dell'azione - 1-2 minuti), 5-10 minuti dopo la somministrazione sottocutanea (s / c) (effetto massimo - dopo 20 minuti), con intramuscolare (in / m) introduzione - il tempo in cui l'effetto è iniziato è variabile.

farmacocinetica

Se somministrato per via intramuscolare o sottocutanea, è ben assorbito. Assorbito anche dalla somministrazione endotracheale e congiuntivale. Il tempo per raggiungere la massima concentrazione plasmatica (TCmax) con iniezione sottocutanea e intramuscolare è di 3-10 minuti. Penetra attraverso la placenta, nel latte materno, non attraversa la barriera emato-encefalica.

È metabolizzato principalmente da monoamino ossidasi e catecol-O-metiltransferasi alle estremità dei nervi simpatici e di altri tessuti, nonché nel fegato con la formazione di metaboliti inattivi. L'emivita con somministrazione endovenosa è di 1-2 minuti.

Viene escreto dai reni nella forma principale di metaboliti (circa il 90%): acido mentale vanillile, solfati, glucuronidi; così come in una piccola quantità - invariato.

Indicazioni per l'uso

Reazioni allergiche di tipo immediato (tra cui orticaria, angioedema, shock anafilattico, una reazione allergica con una puntura di insetto, ecc.), Asma bronchiale (sollievo di un attacco asmatico), broncospasmo durante l'anestesia; la necessità di allungare l'azione degli anestetici locali.

Controindicazioni

Ipersensibilità all'epinefrina e / o agli eccipienti del farmaco; cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva, grave stenosi aortica, tachiaritmia, fibrillazione ventricolare, feocromocitoma, glaucoma ad angolo chiuso, shock (tranne anafilattico), anestesia generale con inalatori: fluorotan, ciclopropane, cloroformio; II stadio del lavoro.

Con l'anestesia pianificata, le iniezioni nelle falangi distali delle dita delle mani e dei piedi, del mento, del padiglione auricolare, nelle aree del naso e dei genitali sono controindicate.

In condizioni potenzialmente letali, le controindicazioni di cui sopra sono relative.

Accuratamente

Acidosi metabolica, ipercapnia, ipossia, fibrillazione atriale, aritmia ventricolare, ipertensione polmonare, ipovolemia, infarto del miocardio, malattia vascolare occlusiva (inclusa anamnesi di embolia arteriosa, aterosclerosi, malattia di Buerger, lesione da freddo e endarrea diabetica) asma bronchiale di lunga durata ed enfisema, aterosclerosi cerebrale, morbo di Parkinson, sindrome convulsiva, ipertrofia prostatica e / o difficoltà a urinare; età avanzata, paresi e paralisi, aumento dei riflessi tendinei nella lesione del midollo spinale, infanzia.

Utilizzare durante la gravidanza e durante l'allattamento

Non sono stati condotti studi rigorosamente controllati sull'uso dell'epinefrina nelle donne in gravidanza. L'epinefrina attraversa la placenta. È stata trovata una relazione statisticamente regolare tra l'insorgenza di malformazioni e l'ernia inguinale nei bambini con adrenalina nelle donne in gravidanza, specialmente nel primo trimestre o durante la gravidanza, è stato riportato un singolo caso di anossia nel feto (con somministrazione endovenosa di epinefrina). L'iniezione di epinefrina può causare tachicardia nel feto, aritmie cardiache, inclusi ictus sistolici aggiuntivi, ecc. L'epinefrina non deve essere utilizzata da donne in gravidanza con pressione sanguigna superiore a 130/80 mm Hg. Esperimenti condotti su animali hanno dimostrato che, quando somministrato a dosi 25 volte superiori alla dose umana raccomandata, l'epinefrina provoca un effetto teratogeno. L'epinefrina deve essere usata durante la gravidanza solo se il potenziale beneficio per la madre supera il potenziale rischio per il feto. L'uso per la correzione dell'ipotensione durante il parto non è raccomandato, poiché può ritardare la seconda fase del travaglio; quando somministrato in dosi elevate per indebolire la contrazione dell'utero può causare prolungata atonia uterina con sanguinamento. L'epinefrina non deve essere utilizzata durante il parto, l'uso è possibile solo se è necessario prescriverlo per motivi di salute.

Se durante l'allattamento è necessario il trattamento con epinefrina, l'allattamento deve essere interrotto..

Dosaggio e amministrazione

Gocciolamento sottocutaneo, intramuscolare, a volte endovenoso.

Shock anafilattico: endovenosamente lentamente 0,1-0,25 mg diluito in 10 ml di soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%, se necessario, continuare la flebo endovenosa ad una concentrazione di 1: 10000. Se le condizioni del paziente lo consentono, è preferibile l'iniezione intramuscolare o sottocutanea di 0,3-0,5 mg in forma diluita o non diluita, se necessario, reintroduzione - dopo 10-20 minuti fino a 3 volte.

Asma bronchiale: per via sottocutanea 0,3-0,5 mg in forma diluita o non diluita, se necessario, dosi ripetute possono essere somministrate ogni 20 minuti fino a 3 volte, o per via endovenosa 0,1-0,25 mg in diluito ad una concentrazione di 1: 10000.

Per prolungare l'azione degli anestetici locali: a una concentrazione di 0,005 mg / ml (la dose dipende dal tipo di anestetico utilizzato), per l'anestesia spinale - 0,2-0,4 mg.

Bambini con shock anafilattico: per via sottocutanea o intramuscolare - 10 μg / kg (massimo - fino a 0,3 mg), se necessario, la somministrazione di queste dosi viene ripetuta ogni 15 minuti (fino a 3 volte).

Bambini con broncospasmo: per via sottocutanea 0,01 mg / kg (massimo - fino a 0,3 mg), la dose viene ripetuta, se necessario, ogni 15 minuti fino a 3-4 volte o ogni 4 ore Per la somministrazione endovenosa di flebo, è necessario utilizzare un infusomat per controllare con precisione la velocità di somministrazione. Le infusioni devono essere eseguite in una vena grande (preferibilmente centrale).

Effetto collaterale

È un potente farmaco simpaticomimetico, con la maggior parte degli effetti collaterali dovuti alla stimolazione del sistema nervoso simpatico. Circa un terzo dei pazienti trattati con epinefrina ha avuto effetti collaterali e gli eventi avversi più comuni a carico del cuore e del sistema vascolare.

Dal sistema cardiovascolare: palpitazioni, tachicardia, ipertensione arteriosa acuta, aritmia ventricolare, angina pectoris, aumento o diminuzione della pressione sanguigna, infarto, tachiaritmia, cardiomiopatia, necrosi intestinale, acrocianosi, aritmia, dolore toracico, con alte dosi - aritmie.

Dal sistema nervoso e dalla psiche: mal di testa, tremore; vertigini, ansia, affaticamento, agitazione psicomotoria, nervosismo, emorragie emorragiche nel cervello (con aumento della pressione sanguigna), disorientamento, compromissione della memoria, aumento dell'irritabilità, rabbia, disturbi del sonno, sonnolenza, contrazioni muscolari.

Dal sistema digestivo: nausea, vomito.

Dal sistema respiratorio: dispnea, edema polmonare (con aumento della pressione sanguigna).

Dal sistema urinario: minzione difficile e dolorosa (con iperplasia prostatica).

Reazioni locali: dolore o bruciore nel sito di iniezione, necrosi nel sito di iniezione.

Reazioni allergiche: angioedema, broncospasmo, eruzione cutanea, eritema multiforme.

Metabolismo e disturbi alimentari: acidosi lattica.

Altro: pallore della pelle, ipopotassiemia, inibizione della secrezione di insulina e sviluppo di iperglicemia, lipolisi, chetogenesi, stimolazione della secrezione dell'ormone della crescita, aumento della sudorazione.

Overdose

Sintomi: aumento eccessivo della pressione sanguigna, tachicardia, seguita da bradicardia, disturbi del ritmo (inclusa fibrillazione atriale e ventricolare), raffreddamento e pallore della pelle, vomito, mal di testa, acidosi metabolica, infarto del miocardio, emorragia emorragica (specialmente nei pazienti anziani ), edema polmonare, morte.

Trattamento: interrompere la somministrazione, terapia sintomatica, principalmente nelle condizioni di rianimazione, l'uso di alfa e beta-bloccanti, vasodilatatori.

Interazione con altri farmaci

Gli antagonisti dell'epinefrina sono bloccanti degli adrenorecettori alfa e beta. Indebolisce gli effetti degli analgesici narcotici e dei sonniferi. Se usata contemporaneamente a glicosidi cardiaci, chinidina, antidepressivi triciclici, dopamina, anestetici per inalazione (cloroformio, enflurano, alotano, isoflurano, metossiflurano), la cocaina aumenta il rischio di aritmie (dovrebbe essere usata con molta attenzione o per niente); con altri agenti simpaticomimetici - aumento della gravità degli effetti collaterali dal sistema cardiovascolare; con agenti antiipertensivi (anche con diuretici) - una diminuzione della loro efficacia. L'interazione con beta-bloccanti non selettivi porta allo sviluppo di ipertensione grave e bradicardia. Il propranololo inibisce l'effetto broncodilatatore dell'epinefrina. I medicinali che causano la perdita di potassio (corticosteroidi, diuretici, aminofillina, teofillina) aumentano il rischio di ipopotassiemia. L'epinefrina aumenta il rischio di effetti indesiderati a carico del cuore se assunta contemporaneamente a levodopa. L'uso simultaneo con entocapone può potenziare gli effetti cronotropici e aritmogeni dell'epinefrina.

La somministrazione simultanea con inibitori MAO (incluso furazolidone, procarbazina, selegilina) può causare un forte e marcato aumento della pressione sanguigna, crisi iperrieretica, mal di testa, aritmie e vomito; con nitrati - indebolimento del loro effetto terapeutico; con fenossibenzamina - aumento dell'effetto ipotensivo e tachicardia; con fenitoina: una forte riduzione della pressione sanguigna e della bradicardia (a seconda della dose e della velocità di somministrazione); con preparati di ormoni tiroidei, un rafforzamento reciproco dell'azione; con farmaci che allungano l'intervallo QT (incluso astemizolo, cisapride, terfenadina) - allungando l'intervallo QT; con diatrizoati, acidi yotalamici o yoksaglovoy - aumento degli effetti neurologici; con alcaloidi ergot e ossitocina - aumento dell'effetto vasocostrittore (fino a ischemia grave e sviluppo di cancrena).

Riduce l'effetto dell'insulina e di altri farmaci ipoglicemizzanti. L'uso congiunto con guanidina può portare allo sviluppo di ipertensione arteriosa grave. L'uso concomitante con clorpromazina può portare allo sviluppo di tachicardia e ipotensione.

istruzioni speciali

Durante il periodo di trattamento, si raccomanda di determinare la concentrazione di ioni potassio nel siero del sangue, misurare la pressione sanguigna, la produzione di urina, il volume minuto del flusso sanguigno, l'ECG, la pressione venosa centrale, la pressione arteriosa polmonare e la pressione inceppante nei capillari polmonari.

Dosi eccessive di epinefrina per infarto del miocardio possono migliorare l'ischemia aumentando la domanda di ossigeno del miocardio.

Aumenta il livello di glucosio nel plasma sanguigno e, pertanto, con il diabete mellito sono necessarie dosi più elevate di insulina e derivati ​​della sulfonilurea. L'uso di epinefrina non è consigliabile a lungo (restringimento dei vasi periferici, che porta al possibile sviluppo di necrosi o cancrena).

L'uso per la correzione dell'ipotensione durante il parto non è raccomandato, poiché può ritardare la seconda fase del travaglio; quando somministrato in dosi elevate per indebolire la contrazione dell'utero può causare prolungata atonia uterina con sanguinamento. Al termine del trattamento, la dose deve essere ridotta gradualmente, perché l'improvvisa sospensione della terapia può portare a grave ipotensione.

Facilmente distrutto da alcali e agenti ossidanti. Il metabisolfito di sodio, che fa parte del farmaco, può causare una reazione allergica, inclusi sintomi di anafilassi e broncospasmo, specialmente in pazienti con anamnesi di asma o allergia. L'epinefrina deve essere usata con cautela nei pazienti con tetraplegia a causa della maggiore sensibilità di tali soggetti all'epinefrina..

Non rientrare nelle stesse aree, al fine di evitare lo sviluppo della necrosi tissutale. Si sconsiglia l'introduzione del farmaco nei muscoli glutei..

Non usare il farmaco quando il colore cambia o l'aspetto di un precipitato nella soluzione. La parte inutilizzata della soluzione deve essere eliminata..

Un forte aumento della pressione sanguigna con l'uso di adrenalina può portare allo sviluppo di emorragie emorragiche, specialmente nei pazienti anziani con malattie cardiovascolari.

I pazienti con malattia di Parkinson possono sperimentare agitazione psicomotoria o un temporaneo peggioramento dei sintomi della malattia con l'uso di adrenalina, pertanto è necessario prestare attenzione quando si utilizza l'adrenalina in questa categoria di persone.

Influenza sulla capacità di guidare veicoli, meccanismi

I pazienti dopo la somministrazione di epinefrina non sono raccomandati per guidare veicoli, meccanismi.

Modulo per il rilascio

Iniezione, 1 mg / ml.

1 ml in una fiala di vetro neutro incolore o schermante la luce con un punto di rottura. Un'etichetta viene applicata su ogni fiala o contrassegnata con vernice a presa rapida. Su 5 o 10 ampolle in imballaggio di cella planimetric. Una confezione in blister con le istruzioni per l'uso in una scatola di cartone.

Condizioni di archiviazione

In un luogo buio a una temperatura da 15 a 25 ° C. Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Data di scadenza

3 anni. Non utilizzare dopo la data di scadenza.

Termini festivi

Prescrizione.

Nome e indirizzo della persona giuridica a nome della quale viene rilasciato il certificato di registrazione

VIAL LLC Indirizzo: 109316, Russia, Ostapovsky proezd, 5, bld.1

Produttore:

Shandong Shenglu Pharmaceutical Co., Ltd

A nord di Xihe Road, Xihe Street, Xishui County, provincia di Shandong, Cina Grand Pharmaceuticals (China) Co., Ltd..

Lake Road No. 11 Jinhinhu Ecological Park, DongSiHu District, Wuhan, Provincia di Hubei, Cina

Indirizzo e numero di telefono di un'organizzazione autorizzata (per l'invio di reclami e reclami dei consumatori)

VIAL LLC Indirizzo: 109316, Russia, Ostapovsky proezd, 5, bld.1.

Indicazioni ADRENALINE-HEALTH

Forma di rilascio, composizione e confezione

Iniezione 0,18% chiara, incolore.

1 ml
idrotartrato di epinefrina1,82 mg

Eccipienti: metabisolfito di sodio (E223), cloruro di sodio, acqua d / e.

1 ml - fiale (5) - scatole.
1 ml - fiale (10) - scatole.
1 ml - fiale (5) - blister (1) - scatole.
1 ml - fiale (5) - blister (2) - scatole.

effetto farmacologico

Adrenalina-Salute - pacemaker, vasocostrittore, ipertensivo, agente antiipoglicemizzante.

Il farmaco stimola i recettori adrenorecettori α e β di diversa localizzazione. Ha un effetto pronunciato sui muscoli lisci degli organi interni, sui sistemi cardiovascolare e respiratorio, attiva il metabolismo dei carboidrati e dei lipidi.

Il meccanismo d'azione è dovuto all'attivazione dell'adenilato ciclasi sulla superficie interna delle membrane cellulari, un aumento della concentrazione intracellulare di cAMP e Ca 2+. La prima fase di azione è principalmente dovuta alla stimolazione dei recettori β-adrenergici di vari organi ed è manifestata da tachicardia, aumento della gittata cardiaca, eccitabilità e conduzione miocardica, arterio- e broncodilatazione, diminuzione del tono uterino, mobilizzazione del glicogeno dal fegato e acidi grassi dai depositi di grasso. Nella seconda fase, i recettori α-adrenorecettori sono eccitati, il che porta a un restringimento dei vasi degli organi della cavità addominale, della pelle, delle mucose (muscoli scheletrici in misura minore), un aumento della pressione sanguigna (principalmente sistolica) e resistenza vascolare periferica generale.

L'efficacia del farmaco dipende dalla dose. A dosi molto basse, con una velocità di iniezione inferiore a 0,01 μg / kg / min, può abbassare la pressione sanguigna a causa dell'espansione dei vasi dei muscoli scheletrici. A una velocità di iniezione di 0,04-0,1 μg / kg / min, aumenta la frequenza e la forza delle contrazioni cardiache, il volume dell'ictus del sangue e il volume minuto del sangue, riduce la resistenza periferica totale dei vasi sanguigni:

  • sopra 0,2 μg / kg / min - restringe il vaso sanguigno, aumenta la pressione sanguigna (principalmente sistolica) e la resistenza vascolare periferica totale. L'effetto del pressore può causare un rallentamento riflesso a breve termine della frequenza cardiaca. Rilassa i muscoli lisci dei bronchi. Dosi superiori a 0,3 mcg / kg / min riducono il flusso sanguigno renale, l'afflusso di sangue agli organi interni, il tono e la motilità del tratto gastrointestinale.

Aumenta la conducibilità, l'eccitabilità e l'automatismo del miocardio. Aumenta la domanda di ossigeno del miocardio. Inibisce il rilascio di istamina e leucotrieni indotti dagli antigeni, elimina lo spasmo dei bronchioli e previene lo sviluppo di edema della loro mucosa. Agendo sui recettori α-adrenergici della pelle, delle mucose e degli organi interni, provoca vasocostrizione, una diminuzione del tasso di assorbimento degli anestetici locali, aumenta la durata dell'azione e riduce l'effetto tossico dell'anestesia locale. La stimolazione dei recettori β 2-adrenorecettori è accompagnata da una maggiore escrezione di potassio dalla cellula e può portare a ipopotassiemia. La somministrazione intracavernosa riduce l'afflusso di sangue al corpo cavernoso.

Espande le pupille, aiuta a ridurre la produzione di liquido intraoculare e la pressione intraoculare. Causa iperglicemia (migliora la glicogenolisi e la gluconeogenesi) e aumenta il contenuto di acidi grassi liberi nel plasma sanguigno, migliora il metabolismo dei tessuti. Stimola debolmente il sistema nervoso centrale, mostra effetti antiallergici e antinfiammatori.

L'effetto terapeutico si sviluppa quasi istantaneamente con l'inserimento / nell'introduzione (la durata dell'azione è 1-2 minuti), 5-10 minuti dopo l'iniezione SC (l'effetto massimo - dopo 20 minuti), con l'introduzione / m il tempo di insorgenza dell'effetto è variabile.

farmacocinetica

Quando la somministrazione i / mo s / c viene assorbita rapidamente; La Cmax nel sangue viene raggiunta dopo 3-10 minuti. Penetra attraverso la barriera placentare, nel latte materno, non penetra nella barriera emato-encefalica. È metabolizzato dalla monoamina ossidasi (in acido mentale vanillile) e dalla catecol-O-metiltransferasi (in metanfrina) nelle cellule del fegato, dei reni, della mucosa intestinale, degli assoni. T 1/2 con on / nell'introduzione è 1-2 minuti Escrezione di metaboliti da parte dei reni.

Indicazioni per l'uso

  • reazioni allergiche immediate: shock anafilattico che si sviluppa con l'uso di droghe, sieri, trasfusioni di sangue, punture di insetti o contatto con allergeni;
  • asma bronchiale - sollievo di un attacco;
  • ipotensione arteriosa sintomatica;
  • coma ipoglicemico dovuto a un sovradosaggio di insulina;
  • asistolia, arresto cardiaco;
  • estensione di anestetici locali;
  • Blocco AV di III grado, sviluppato nettamente.

Regime di dosaggio

Assegnare in / m, s / c, a volte - in / in (flebo), intracardialmente (rianimazione durante l'arresto cardiaco). Con un'introduzione a / m, inizia ad agire più velocemente che con a / c. Regime di dosaggio individuale.

Shock anafilattico:

  • iniettato - in / in lentamente 0,5 ml, diluito in 20 ml di una soluzione di glucosio al 40%. In futuro, se necessario, il gocciolamento endovenoso viene continuato ad una velocità di 1 μg / min, per cui 1 ml di una soluzione di adrenalina viene sciolto in 400 ml di cloruro di sodio isotonico o glucosio al 5%. Se le condizioni del paziente lo consentono, è meglio effettuare in / m o s / c la somministrazione di 0,3-0,5 ml in forma diluita o non diluita.

Asma bronchiale:

  • 0,3-0,5 ml di s / c viene somministrato in forma diluita o non diluita. Se necessario, la reintroduzione di questa dose può essere somministrata ogni 20 minuti (fino a 3 volte). Forse in / nell'introduzione di 0,3-0,5 ml in forma diluita.

Come agente vasocostrittore viene somministrato - in / in flebo ad una velocità di 1 μg / min (con un possibile aumento a 2-10 μg / min).

asistolia:

  • iniettato per via intracardiale 0,5 ml, diluito in 10 ml di soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%. Durante le misure di rianimazione - ma 1 ml (diluito) iv lentamente ogni 3-5 minuti.

Asistolia nei neonati:

  • somministrato per via endovenosa 10-30 mcg / kg di peso corporeo ogni 3-5 minuti, lentamente.

Shock anafilattico:

  • s / c o i / m viene somministrato a 10 mcg / kg di peso corporeo (massimo - fino a 0,3 mg). Se necessario, la somministrazione viene ripetuta ogni 15 minuti (fino a 3 volte).

Broncospasmo:

  • viene somministrato 10 μg / kg di peso corporeo (fino a un massimo di 0,3 mg). Se necessario, la somministrazione viene ripetuta ogni 15 minuti (fino a 3-4 volte) o ogni 4 ore.

Effetti collaterali

Dal sistema cardiovascolare:

  • angina pectoris, bradicardia o tachicardia, palpitazioni, respiro corto;
  • a dosi elevate, aritmie ventricolari;
  • raramente - sono possibili aritmia, dolore toracico, alterazioni dell'ECG (inclusa una riduzione dell'ampiezza dell'onda T), una diminuzione o un aumento della pressione sanguigna (anche con somministrazione sottocutanea a dosi normali a causa di un aumento della pressione sanguigna, emorragia subaracnoidea ed emiplegia).

Dal sistema nervoso:

  • mal di testa, tremore, vertigini, nervosismo, contrazioni muscolari;
  • i pazienti con malattia di Parkinson possono presentare rigidità e tremore maggiori.

Disordini mentali:

  • ansia, disturbi psiconeurotici, agitazione psicomotoria, disorientamento, compromissione della memoria, comportamento aggressivo o di panico, disturbi schizofrenici, paranoia, disturbi del sonno.

Dal sistema digestivo:

  • nausea, vomito, anoressia.

Dal sistema urinario:

  • raramente - minzione difficile e dolorosa (con iperplasia prostatica).

Da parte della pelle e del tessuto sottocutaneo:

  • eruzione cutanea, eritema multiforme.

Metabolismo, metabolismo:

  • ipopotassiemia, iperglicemia.

Dal sistema immunitario:

  • angioedema, broncospasmo.

Reazioni locali:

  • dolore o sensazione di bruciore nel sito di iniezione.

Altro:

  • affaticamento, aumento della sudorazione, alterazione della termoregolazione (raffreddamento o calore), raffreddamento delle estremità, iniezioni ripetute di adrenalina possono provocare necrosi a causa dell'azione vasocostrittore dell'adrenalina (inclusa la necrosi epatica e renale).

Controindicazioni

  • ipersensibilità all'epinefrina idrotartrato o ad uno qualsiasi dei componenti ausiliari del farmaco;
  • ipertensione arteriosa o polmonare;
  • aterosclerosi grave;
  • angina pectoris, infarto del miocardio, insufficienza coronarica;
  • aneurismi;
  • tachiaritmia, fibrillazione ventricolare o atriale;
  • acidosi metabolica;
  • ipovolemia;
  • shock di genesi non allergica;
  • malattia vascolare occlusiva;
  • sindrome convulsiva;
  • tireotossicosi;
  • feocromocitoma;
  • diabete;
  • glaucoma ad angolo chiuso;
  • gravidanza, il secondo periodo di parto;
  • anestesia da agenti inalatori per anestesia generale (fluorotano, ciclopropano, cloroformio);
  • con anestesia locale sulle aree di dita e dita dei piedi, naso e genitali.

Usare con cautela in caso di ipopotassiemia, ipercalcemia, pazienti con aritmia ventricolare, cardiopatia coronarica, fibrillazione atriale, ipertensione arteriosa, ipertensione polmonare e infarto del miocardio (se è necessario utilizzare il farmaco per infarto del miocardio, ricordare che l'adrenalina può aumentare l'ischemia a causa di un aumentato fabbisogno miocardio in ossigeno), in pazienti con acidosi metabolica, ipercapnia, ipossia, ipovolemia, tireotossicosi, in pazienti con malattie vascolari occlusive (embolia arteriosa, aterosclerosi, malattia di Burger, trauma freddo, endarterite diabetica, malattia di Raynaud; poiché esiste un rischio di necrosi e g è necessario controllare lo stato della circolazione periferica), con aterosclerosi cerebrale, morbo di Parkinson, sindrome convulsiva, ipertrofia prostatica.

Gravidanza e allattamento

Non sono stati condotti studi controllati sull'uso dell'adrenalina nelle donne in gravidanza.

Non utilizzare durante il parto per correggere l'ipotensione, poiché il farmaco può ritardare la seconda fase del travaglio a causa del rilassamento dei muscoli dell'utero. Se somministrato a dosi elevate per indebolire le contrazioni uterine, può causare prolungata atonia uterina con sanguinamento.

Se necessario, l'uso del farmaco deve interrompere l'allattamento.

Utilizzare nei bambini

L'applicazione è possibile secondo il regime di dosaggio..

istruzioni speciali

Viene somministrato per via intracardiale con asistolia, se non sono disponibili altri metodi per eliminarlo, mentre aumenta il rischio di sviluppare tamponamento cardiaco e pneumotorace. Se necessario, è necessario utilizzare un'infusione con un dispositivo di misurazione per controllare la velocità dell'infusione. L'infusione deve essere eseguita in grande, preferibilmente in una vena centrale.

Quando si effettua l'infusione, si raccomanda di monitorare la concentrazione di K + nel siero del sangue, pressione sanguigna, produzione di urina, ECG, pressione venosa centrale, pressione arteriosa polmonare.

L'uso del farmaco per i pazienti con diabete mellito aumenta la glicemia e pertanto sono necessarie dosi più elevate di insulina o derivati ​​della sulfonilurea. L'adrenalina è indesiderabile da usare a lungo, poiché il restringimento dei vasi periferici può portare allo sviluppo di necrosi o cancrena.

Quando il trattamento viene sospeso, la dose di adrenalina deve essere ridotta gradualmente, poiché un improvviso ritiro della terapia può portare a grave ipotensione.

Il farmaco è usato nei bambini.

In caso di ipovolemia, prima di applicare simpaticomimetici, è necessario condurre un'adeguata idratazione dei pazienti.

Influenza sulla capacità di guidare veicoli e meccanismi di controllo

Durante il periodo di trattamento con il farmaco, non è consigliabile guidare veicoli e impegnarsi in altre attività potenzialmente pericolose che richiedono una maggiore concentrazione di attenzione e velocità delle reazioni psicomotorie.

Overdose

Sintomi

  • eccessivo aumento della pressione arteriosa, tachiaritmia, seguito da bradicardia, disturbi del ritmo cardiaco (inclusa fibrillazione atriale e ventricolare), raffreddamento e pallore della pelle, vomito, paura, ansia, tremore, mal di testa, acidosi metabolica, infarto del miocardio, emorragia cerebrale (emorragia cerebrale ( specialmente nei pazienti anziani), edema polmonare, insufficienza renale, morte. Quando somministrato a dosi elevate (la dose minima letale quando la somministrazione di sodio è di 10 ml di una soluzione allo 0,18%), si sviluppa la midriasi, un aumento significativo della pressione sanguigna, tachicardia con una possibile transizione alla fibrillazione ventricolare.

Trattamento:

  • cessazione della somministrazione di farmaci. Un sovradosaggio di adrenalina può essere eliminato mediante l'uso di α- e β-bloccanti, nitrati ad alta velocità. In gravi complicanze, è necessaria una terapia complessa. Con le aritmie è prescritta la somministrazione parenterale di β-bloccanti.

Interazione farmacologica

Gli antagonisti dell'epinefrina sono bloccanti dei recettori α e β-adrenorecettori: i bloccanti α-adrenergici, come la fentolamina, interferiscono con gli effetti vasocostrittivi e ipertensivi dell'epinefrina, che possono essere utili in caso di sovradosaggio di epinefrina. β-bloccanti. soprattutto non selettivi, interferiscono con gli effetti cardiaci e broncodilatatori dell'epinefrina. I pazienti con anafilassi grave che assumono β-bloccanti non selettivi potrebbero non rispondere all'epinefrina. Con l'uso simultaneo del farmaco Adrenaline-Health con altri farmaci, è possibile:

  • con analgesici narcotici e sonniferi - indebolimento dei loro effetti;
  • con glicosidi cardiaci, chinidina, antidepressivi triciclici, dopamina, anestetici per inalazione (cloroformio, enflurano, alotano, isoflurano, metossiflurano), cocaina - aumento del rischio di aritmie;
  • con altri agenti simpaticomimici - aumento della gravità degli effetti collaterali dal sistema cardiovascolare;
  • con agenti antiipertensivi (incluso con diuretici) - una diminuzione della loro efficacia;
  • con inibitori della monoamino-ossidasi (incluso furazolidone, procarbazina, selegilina) - aumento improvviso e pronunciato della pressione sanguigna, crisi iperpiretica, mal di testa, aritmie cardiache, vomito;
  • con nitrati - indebolimento del loro effetto terapeutico;
  • con fenossibenzamina - aumento dell'effetto ipotensivo e tachicardia;
  • con fenitoina: un'improvvisa riduzione della pressione sanguigna e della bradicardia, a seconda della dose e della velocità di somministrazione dell'adrenalina;
  • con preparazioni di ormoni tiroidei - reciproco potenziamento dell'azione;
  • con astemizolo, cisapride, terfenadina - prolungamento dell'intervallo Q-T sull'ECG;
  • con diatrizoatams, acidi yotalamici o yoksaglovoy - aumento degli effetti neurologici;
  • con alcaloidi dell'ergot - aumento dell'effetto vasocostrittore fino a ischemia grave e sviluppo di cancrena;
  • con farmaci ipoglicemizzanti (compresa l'insulina) - una diminuzione dell'effetto ipoglicemico;
  • con farmaci che causano la perdita di potassio, inclusi corticosteroidi, diuretici dell'ansa, aminofillina e teofillina - potenziamento dell'effetto ipopotassico.

Adrenalina

Istruzioni per l'uso:

Prezzi nelle farmacie online:

L'adrenalina è un agonista adrenergico che ha un effetto stimolante diretto sugli adrenorecettori α e β. Aumenta la forza e la frequenza cardiaca, il volume dei minuti e dell'ictus del cuore. Ha un effetto positivo sulla conduzione AV, aumenta la domanda di ossigeno del miocardio e aumenta l'automatismo. Provoca il restringimento dei vasi delle mucose, degli organi addominali e dei muscoli scheletrici. Aumenta la pressione sanguigna L'epinefrina (adrenalina) abbassa il tono e la motilità del tratto gastrointestinale, rilassa i muscoli lisci dei bronchi e porta a una diminuzione della pressione intraoculare. Aumenta gli acidi grassi liberi del plasma e provoca l'iperglicemia.

Forma e composizione del rilascio

Il farmaco è disponibile come soluzione iniettabile. In 1 ml di soluzione contiene 1 mg di adrenalina cloridrato. In una confezione - 1 flacone da 30 ml o 5 fiale da 1 ml.

Indicazioni per l'uso di adrenalina

Le istruzioni per l'adrenalina indicano le seguenti indicazioni per il suo utilizzo:

  • Un attacco di asma bronchiale, broncospasmo durante l'anestesia;
  • Reazioni allergiche di tipo immediato, in via di sviluppo con l'uso di droghe, l'uso di prodotti alimentari, trasfusioni di sangue, punture di insetti, ecc.
  • Sanguinamento dalle mucose o dai vasi sanguigni superficiali della pelle;
  • asistolia;
  • Ipotensione arteriosa;
  • Ipoglicemia con un sovradosaggio di insulina;
  • La necessità di aumentare la durata degli anestetici locali;
  • Glaucoma ad angolo aperto;
  • priapismo.

Controindicazioni

Controindicazioni all'uso dell'adrenalina sono ipertensione arteriosa, cardiomiopatia ostruttiva ipertrofica, tachiaritmia, feocromocitoma, fibrillazione ventricolare, cardiopatia coronarica, aumento della sensibilità all'epinefrina, gravidanza e allattamento.

Dosaggio e somministrazione di adrenalina

Il dosaggio di adrenalina è individuale. A seconda della situazione clinica, una singola dose per un adulto va da 200 μg a 1 mg, per un bambino - 100-500 μg. La soluzione per iniezione può essere utilizzata come collirio. A livello topico, l'adrenalina viene utilizzata per fermare l'emorragia bagnando i tamponi di cotone in una soluzione.

Effetti collaterali dell'adrenalina

Le istruzioni per l'adrenalina indicano diversi gruppi di effetti collaterali derivanti dall'uso del farmaco.

Dal sistema cardiovascolare: tachicardia, bradicardia, angina pectoris, aumento o diminuzione della pressione sanguigna. Se utilizzato in dosi elevate - aritmie ventricolari, dolore toracico.

Dal sistema digestivo: nausea, vomito.

Dal lato del sistema nervoso: ansia, mal di testa, affaticamento, nervosismo, disturbi del sonno, disturbi psicourotici, contrazioni muscolari.

Dal sistema urinario: raramente - minzione dolorosa e difficile.

Reazioni allergiche: rash cutaneo, broncospasmo, angioedema, eritema multiforme.

Altro: sudorazione eccessiva, ipopotassiemia, dolore o bruciore nel sito di iniezione.

istruzioni speciali

Con cautela, l'adrenalina viene utilizzata per fibrillazione atriale, ipossia, ipercapnia, acidosi metabolica, ipertensione polmonare, infarto miocardico, tireotossicosi, shock genetico non allergico, malattia vascolare occlusiva, glaucoma ad angolo chiuso, aterosclerosi cerebrale, diabete mellito, malattia di Parkins e Parkins farmaci per l'anestesia, nonché nei pazienti anziani e nei bambini.

L'epinefrina non viene somministrata per via intra-arteriosa, poiché un restringimento pronunciato dei vasi periferici può causare lo sviluppo di cancrena. Quando l'arresto cardiaco, il farmaco può essere utilizzato per via intracoronarica.

Analoghi di adrenalina

L'analogo più comune è Adrenaline Hydrochloride-Vial.

Termini e condizioni di conservazione

L'adrenalina deve essere conservata a una temperatura non superiore a 15 ° C, in un luogo protetto dalla luce. La durata di conservazione del farmaco è di 3 anni.

Trovato un errore nel testo? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Adrenalina

Indicazioni per l'uso

Reazioni allergiche di tipo immediato (tra cui orticaria, shock di angioedema, shock anafilattico), in via di sviluppo con l'uso di droghe, sieri, trasfusioni di sangue, cibo, punture di insetti o introduzione di altri allergeni;

asma bronchiale (sollievo di un attacco), broncospasmo durante l'anestesia;

asistolia (anche sullo sfondo di un blocco AV in rapido sviluppo di art III);

sanguinamento dai vasi superficiali della pelle e delle mucose (incluso dalle gengive), ipotensione arteriosa, non suscettibile agli effetti di adeguati volumi di liquidi sostitutivi (inclusi shock, traumi, batteriemia, chirurgia a cuore aperto, insufficienza renale, insufficienza cardiaca, overdose di droghe), la necessità di allungare l'azione degli anestetici locali;

ipoglicemia (a causa di un sovradosaggio di insulina);

glaucoma ad angolo aperto, durante le operazioni chirurgiche sugli occhi - gonfiore della congiuntiva (trattamento), per dilatare la pupilla, ipertensione intraoculare, arresto del sanguinamento; priapismo.

Possibili analoghi (sostituti)

Principio attivo, gruppo

Forma di dosaggio

soluzione iniettabile, soluzione per uso esterno

Controindicazioni

Ipersensibilità ai componenti del farmaco, GOKMP, feocromocitoma, ipertensione arteriosa, tachiaritmia, IHD, fibrillazione ventricolare, gravidanza, allattamento.

Con cautela. Acidosi metabolica, ipercapnia, ipossia, fibrillazione atriale, aritmia ventricolare, ipertensione polmonare, ipovolemia, infarto del miocardio, shock di origine non allergica (compresi cardiogenici, traumatici, emorragici), tireotossicosi, anemia vascolare (ad es. - embolia arteriosa, aterosclerosi, malattia di Buerger, lesione da freddo, endarterite diabetica, malattia di Raynaud), aterosclerosi cerebrale, glaucoma ad angolo chiuso, diabete mellito, malattia di Parkinson, sindrome convulsiva, ipertrofia prostatica; uso simultaneo di inalanti per anestesia generale (fluorotano, ciclopropano, cloroformio), vecchiaia, età da bambini.

Come usare: dosaggio e ciclo di trattamento

S / c, v / m, a volte in / in gocciolamento.

Shock anafilattico: endovenosamente lentamente 0,1-0,25 mg del farmaco diluito in 10 ml di soluzione di NaCl allo 0,9%, se necessario, continuare il gocciolamento endovenoso ad una concentrazione di 0,1 m / ml. Quando le condizioni del paziente consentono un'azione lenta (3-5 minuti), è preferibile somministrare IM / (o SC) 0,3-0,5 mg in forma diluita o non diluita, se necessario, reintroduzione dopo 10-20 minuti (fino a 3 volte).

Asma bronchiale: s / c 0,3-0,5 mg in forma diluita o non diluita, se necessario, dosi ripetute possono essere somministrate ogni 20 minuti (fino a 3 volte) o iv 0,1-0,25 mg in diluito a una concentrazione di 0,1 m / ml.

Come vasocostrittore, gli I / O vengono somministrati a goccia a una velocità di 1 μg / min (con un possibile aumento a 2-10 μg / min).

Per prolungare l'azione degli anestetici locali: ad una concentrazione di 5 μg / ml (la dose dipende dal tipo di anestetico utilizzato), per l'anestesia spinale - 0,2-0,4 mg.

Con asistolia: 0,5 mg intracardialmente (diluito con 10 ml di soluzione di NaCl allo 0,9% o altra soluzione); durante le misure di rianimazione - 1 mg (in forma diluita) iv ogni 3-5 minuti. Se il paziente è intubato, è possibile l'instillazione endotracheale - non sono state stabilite le dosi ottimali, dovrebbe essere 2-2,5 volte superiore alle dosi per la somministrazione endovenosa.

Neonati (asistolia): iv, 10-30 mcg / kg ogni 3-5 minuti, lentamente. Per i bambini di età superiore a 1 mese: iv, 10 mcg / kg (successivamente, se necessario, vengono somministrati 100 mcg / kg ogni 3-5 minuti (dopo aver somministrato almeno 2 dosi standard, è possibile utilizzare dosi più elevate di 200 mcg ogni 5 minuti / kg) È possibile l'uso della somministrazione endotracheale..

Bambini con shock anafilattico: s / c o / m - 10 μg / kg (massimo - fino a 0,3 mg), se necessario, la somministrazione di queste dosi viene ripetuta ogni 15 minuti (fino a 3 volte).

Bambini con broncospasmo: s / c 10 mcg / kg (massimo - fino a 0,3 mg), le dosi vengono ripetute ogni 15 minuti (fino a 3-4 volte) o ogni 4 ore, se necessario.

Localmente: per smettere di sanguinare sotto forma di tamponi inumiditi con una soluzione del farmaco.

Con glaucoma ad angolo aperto - 1 tappo della soluzione 1-2% 2 volte al giorno.

effetto farmacologico

Adrenostimolante alfa e beta. A livello cellulare, l'effetto dell'epinefrina è dovuto all'attivazione dell'adenilato ciclasi sulla superficie interna della membrana cellulare, un aumento della concentrazione intracellulare di cAMP e Ca2+.

A dosi molto basse, con una velocità di iniezione inferiore a 0,01 μg / kg / min, può abbassare la pressione sanguigna a causa dell'espansione dei vasi dei muscoli scheletrici. Con una velocità di iniezione di 0,04-0,1 mcg / kg / min, aumenta la frequenza cardiaca e le contrazioni cardiache, UOK e IOC, riducono la OPSS; Oltre 0,02 mcg / kg / min, restringe i vasi sanguigni, aumenta la pressione sanguigna (principalmente sistolica) e OPSS. L'effetto del pressore può causare un rallentamento del riflesso a breve termine.

Rilassa i muscoli lisci dei bronchi. Dosi superiori a 0,3 mcg / kg / min, riducono il flusso ematico renale, l'afflusso di sangue agli organi interni, il tono e la motilità del tratto gastrointestinale.

Espande le pupille, aiuta a ridurre la produzione di liquido intraoculare e la pressione intraoculare. Provoca iperglicemia (migliora la glicogenolisi e la gluconeogenesi) e aumenta gli acidi grassi liberi del plasma.

Aumenta la conducibilità, l'eccitabilità e l'automatismo del miocardio. Aumenta la domanda di ossigeno del miocardio.

Inibisce il rilascio di istamina e leucotrieni indotti dagli antigeni, elimina lo spasmo dei bronchioli e previene lo sviluppo dell'edema della loro mucosa. Agendo sui recettori alfa-adrenergici situati nella pelle, nelle mucose e negli organi interni, provoca vasocostrizione, una diminuzione del tasso di assorbimento degli anestetici locali, aumenta la durata e riduce l'effetto tossico dell'anestesia locale.

La stimolazione dei recettori beta2-adrenergici è accompagnata da una maggiore escrezione di K + dalla cellula e può portare a ipopotassiemia.

La somministrazione intracavernosa riduce l'afflusso di sangue al corpo cavernoso.

L'effetto terapeutico si sviluppa quasi istantaneamente con la somministrazione endovenosa (la durata dell'azione è di 1-2 minuti), 5-10 minuti dopo la somministrazione sc (effetto massimo - dopo 20 minuti), con la somministrazione endovenosa - l'insorgenza dell'effetto è variabile.

Effetti collaterali

Dal CCC: meno spesso - angina pectoris, bradicardia o tachicardia, palpitazioni, aumento o diminuzione della pressione sanguigna, a dosi elevate - aritmie ventricolari; raramente - aritmia, dolore toracico.

Dal lato del sistema nervoso: più spesso - mal di testa, ansia, tremore; meno spesso - vertigini, nervosismo, affaticamento, disturbi psiconeurotici (agitazione psicomotoria, disorientamento, compromissione della memoria, comportamento aggressivo o di panico, disturbi schizofrenici, paranoia), disturbi del sonno, contrazioni muscolari.

Dal sistema digestivo: più spesso - nausea, vomito.

Dal sistema urinario: raramente - minzione difficile e dolorosa (con iperplasia prostatica).

Reazioni locali: dolore o sensazione di bruciore nel sito di iniezione.

Reazioni allergiche: angioedema, broncospasmo, eruzione cutanea, eritema multiforme.

Altro: raramente - ipopotassiemia; meno spesso - sudorazione eccessiva.

Overdose. Sintomi: aumento eccessivo della pressione sanguigna, tachicardia, seguita da bradicardia, disturbi del ritmo (inclusa fibrillazione atriale e ventricolare), raffreddamento e pallore della pelle, vomito, mal di testa, acidosi metabolica, infarto del miocardio, emorragia cerebrale (specialmente negli anziani pazienti), edema polmonare, morte. Trattamento: interrompere la somministrazione, terapia sintomatica - per ridurre la pressione sanguigna - alfa-bloccanti (fentolamina), con aritmie - beta-bloccanti (propranololo).

istruzioni speciali

Durante l'infusione, utilizzare un dispositivo con un dispositivo di misurazione per regolare la velocità di infusione.

Le infusioni devono essere eseguite in una vena grande (preferibilmente centrale).

Viene somministrato per via intracardiale con asistolia, se non sono disponibili altri metodi, perché esiste il rischio di tamponamento cardiaco e pneumotorace.

Durante il trattamento, si raccomanda di determinare la concentrazione di K + nel siero, la misurazione della pressione sanguigna, della produzione di urina, IOC, ECG, pressione venosa centrale, pressione arteriosa polmonare e pressione di inceppamento nei capillari polmonari.

Dosi eccessive per infarto del miocardio possono migliorare l'ischemia aumentando la domanda di ossigeno del miocardio.

Aumenta la glicemia, motivo per cui il diabete richiede dosi più elevate di insulina e sulfoniluree.

Con la somministrazione endotracheale, l'assorbimento e la concentrazione plasmatica finale del farmaco possono essere imprevedibili.

La somministrazione di epinefrina in condizioni di shock non sostituisce la trasfusione di sangue, plasma, fluidi sostitutivi del sangue e / o soluzioni saline.

L'uso di epinefrina non è consigliabile a lungo (restringimento dei vasi periferici, che porta al possibile sviluppo di necrosi o cancrena).

Non sono stati condotti studi rigorosamente controllati sull'uso dell'epinefrina nelle donne in gravidanza. È stata trovata una relazione statisticamente regolare tra l'insorgenza di deformità e ernia inguinale nei bambini le cui madri hanno usato adrenalina durante il primo trimestre o durante la gravidanza, e è stata anche segnalata anossia nel feto dopo somministrazione endovenosa della madre di adrenalina. L'epinefrina non deve essere utilizzata da donne in gravidanza con pressione sanguigna superiore a 130/80 mm Hg. Esperimenti su animali hanno dimostrato che quando somministrato a dosi 25 volte superiori alla dose raccomandata per l'uomo, provoca un effetto teratogeno.

Se utilizzato durante l'allattamento, il rischio e i benefici devono essere valutati a causa dell'elevata probabilità di effetti collaterali nel bambino.

L'uso per la correzione dell'ipotensione durante il parto non è raccomandato, poiché può ritardare la seconda fase del travaglio; se somministrato a dosi elevate per indebolire le contrazioni uterine può causare prolungata atonia uterina con sanguinamento.

Può essere usato nei bambini con arresto cardiaco, ma è necessario prestare attenzione, poiché nel programma di dosaggio sono necessarie 2 diverse concentrazioni di epinefrina.

Al termine del trattamento, la dose deve essere ridotta gradualmente, perché l'improvvisa sospensione della terapia può portare a grave ipotensione.

Facilmente distrutto da alcali e agenti ossidanti..

Se la soluzione ha acquisito un colore rosato o marrone o contiene un precipitato, non può essere inserita. La parte inutilizzata dovrebbe essere distrutta..

Gravidanza e allattamento

L'epinefrina attraversa la barriera placentare, escreta nel latte materno.

Non sono stati condotti studi clinici adeguati e rigorosamente controllati sulla sicurezza dell'epinefrina. L'uso durante la gravidanza e l'allattamento è possibile solo nei casi in cui il beneficio atteso della terapia per la madre supera il potenziale rischio per il feto o il bambino.

Interazione

Gli antagonisti del farmaco sono i bloccanti degli adrenorecettori alfa e beta.

Riduce gli effetti degli analgesici narcotici e dei sonniferi..

Se usata contemporaneamente con glicosidi cardiaci, chinidina, antidepressivi triciclici, dopamina, anestetici per inalazione (cloroformio, enflurano, alotano, isoflurano, metossiflurano), la cocaina aumenta il rischio di sviluppare aritmie (dovrebbe essere usata insieme con estrema cautela o per niente); con altri agenti simpaticomimetici - aumento della gravità degli effetti collaterali dal CCC; con agenti antiipertensivi (anche con diuretici) - una diminuzione della loro efficacia.

La somministrazione simultanea del farmaco con inibitori MAO (incluso furazolidone, procarbazina, selegilina) può causare un aumento improvviso e pronunciato della pressione sanguigna, crisi iperpiretica, mal di testa, aritmie cardiache, vomito; con nitrati - indebolimento del loro effetto terapeutico; con fenossibenzamina - aumento dell'effetto ipotensivo e tachicardia; con fenitoina: un'improvvisa riduzione della pressione sanguigna e della bradicardia (a seconda della dose e della velocità di somministrazione); con preparazioni di ormoni tiroidei - reciproco potenziamento dell'azione; con farmaci che allungano l'intervallo Q-T (incluso astemizolo, cisapride, terfenadina), allungando l'intervallo Q-T; con diatrizoati, acidi yotalamici o yoksaglovoy - aumento degli effetti neurologici; con alcaloidi dell'ergot - aumento dell'effetto vasocostrittore (fino a ischemia grave e sviluppo di cancrena).

Riduce l'effetto dell'insulina e di altri farmaci ipoglicemizzanti.

Domande, risposte, recensioni sul farmaco Adrenalina

Buon pomeriggio, ho bisogno del tuo aiuto. Ho superato tutti i tipi di test, controllato gli organi interni. Sono stati spesi molti soldi e sforzi, viaggi in un numero enorme di medici e il risultato è 0. Ho questa situazione. Ho 29 anni, 78 kg, non bevo, non fumo, soffro di ipertensione da circa 3 anni. E il polso è quasi sempre alto. Una volta chiamato un'ambulanza a 160/110.
Solo alle 3 del mattino è normale 120/74. Monitoraggio quotidiano: stato quiescente 130/85. Dopo il carico (salire le scale) 145/100. Dopo lo sforzo fisico, ad esempio, anche gli squat. Quindi non posso praticare sport.
Cuore - Tachicardia sinusale
Reni: una piccola cisti (non cambia dimensione per 3 anni)
Ghiandole surrenali - normali
Polmoni - OK
La risonanza magnetica del cervello è normale
Il fondo è normale
Sangue (scriverò semplicemente non normale, perché ci sono così tante analisi):
INR 0,76 (0,80-1,15)
Fibrinogeno 4.17 (2.00-4.00)
Norepinephrine 778,00 (norma inferiore a 600,00)
Somatomedin C 52 (116-358)
Globuli bianchi 3,8 (4,0-8,8)
Cortisolo 36,3 (5-25)
Tutti gli ormoni tiroidei sono normali

Esame del sangue completo per catecolamine
Adrenalina (pg / ml) 124 (10-95)
Noradrenalina (pg / ml) 590 (95-550)

Urina
Densità relativa 1.028 (1.012-1.025)
Urina giornaliera
Cortisolo 302,40 (32,00-243,00)


I medici dicono che corri, nuota, non capisco come consigliarlo se mi sento male: non è normale :. La mia testa fa spesso male: sono ancora giovane: e non ho forza: e ciò che fa paura: ho superato tanti esami: ho visitato più di 5 medici :.ma nessuno mi può aiutare: dicono relax: medita: così di notte non mi innervosisco: ma per qualche motivo alle 6 del mattino: già 133/88.
Padre e nonna per ipertensione materna. Il nonno paterno morì di infarto.
Ho bevuto Egilok ½ compressa 2 volte al giorno + Arifon 1 compressa al mattino + Negrutin :. Tutto 1 mese :. Risultato 0. Qui vado dai medici per 3 anni.
Uno è affidabile per te: sarò grato a tutti per qualsiasi risposta!


Le informazioni fornite sono destinate a professionisti medici e farmaceutici. Le informazioni più precise sul farmaco sono contenute nelle istruzioni allegate alla confezione dal produttore. Nessuna informazione pubblicata su questa o qualsiasi altra pagina del nostro sito può servire da sostituto di un ricorso personale a uno specialista.